Israele, Netanyahu offre "Moratoria sulle colonie" Immediato il no dell'Anp

Il premier ha detto in parlamento di essere
disposto a considerare una "temporanea moratoria degli insediamenti" se i palestinesi riconosceranno lo Stato d'Israele. Ma un portavoce del presidente Abu
Mazen ha respinto la proposta

Gerusalemme - Timidi segnali di pace in Medio oriente. Ma la svolta decisiva è ancora lontana. Il premier israeliano Benyamin Netanyahu mostra il ramoscello d'ulivo: Israele è disposto a considerare una temporanea moratoria degli insediamenti se i palestinesi compiranno un gesto che provi la loro volontà di pace, come il riconoscimento di Israele come patria degli ebrei.

Serve un segnale "Se la leaderhip palestinese - ha detto in parlamento Netanyahu - dirà inequivocabilmente al suo popolo di riconoscere Israele come territorio del popolo ebreo, sarò pronto a convocare il mio governo e chiedere un’altra sospensione" della costruzione di nuovi insediamenti. Ma un portavoce del presidente Abu Mazen ha respinto la proposta di Netanyahu.