Jovanotti dà lezioni ai giovani: «Voi potete, proprio come Obama»

«Non sono qui a fare propaganda politica, ma a fare propaganda all'idea che si possono cambiare le cose, che poi è il valore fondamentale della democrazia. Pensare che non sia possibile è una delle più grandi sconfitte della nostra società. Avete tutta la vita davanti e dovete credere che il futuro è nelle vostre mani, ciascuno di noi può cambiare il mondo». Così ieri mattina Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, ha spiegato agli oltre 800 studenti radunati nella palestra del liceo Marconi, la sua scelta di incontrarli per parlare di democrazia diretta e sostenere il progetto di Mtv «Tocca a noi - Le cose non vanno, cambiamole ora». Appassionato, Jovanotti non è riuscito a stare seduto: in piedi tra ragazzi ha interagito con loro ascoltando le domande, raccogliendo insieme al vj Carlo Pastore le loro preoccupazioni e speranze, incitandoli a darsi da fare con entusiasmo per costruire un futuro migliore. «L’arrivo sulla scena di Obama è stato una cosa grande - ha ammesso -, la più importante di questo millennio. La vittoria dell’idea che si possono cambiare le cose». L’input è partito da un video, uno stralcio del discorso tenuto dal neopresidente il giorno dell’insediamento, in cui faceva luce sull’importanza dei giovani che l’hanno sostenuto. «Ero in America quei giorni - ha raccontato il cantante -, e ho deciso di prendere un treno per Washington perchè volevo esserci. È stata una grandissima emozione. L’America è il nostro punto per eccellenza, il nostro riferimento culturale principale, ma negli ultimi anni sembrava che volesse allontanarsi dai suoi principi fondamentali». Poi, l’elezione di Obama, che per Lorenzo Cherubini ha rappresentato «il rinnovo di una speranza, la voglia di un mondo più giusto». «I giovani - ha detto Jovanotti - sono stati determinanti: Obama ha vinto grazie a loro».
La «lezione» di Jovanotti rientra nel progetto, lanciato lo scorso novembre da Mtv Italia, di dar vita a una proposta di legge di iniziativa popolare ideata e realizzata dai ragazzi. L'incontro al liceo Marconi, il primo di una serie tra artisti e studenti in tutta Italia, ha segnato l'avvio della fase due. Dei quattro temi proposti su internet da Mtv - accesso alla politica, ambiente, lavoro, scuola e università - il 37% dei votanti ha individuato in scuola e università l'ambito più urgente dove intervenire. Ora studenti e ricercatori di Milano Bicocca, delll'Università degli studi di Cagliari e di Bologna elaboreranno tre diverse proposte di legge, che dal 12 aprile verranno sottoposte agli utenti del sito Mtv Italia (www.mtv.it/toccanoi). Saranno loro a indicare quale portare alla firma popolare e che tipo di modifiche vorranno applicate. La terza e ultima fase prevederà poi la stesura definitiva della proposta e la raccolta firme, anche durante gli eventi di Mtv.