L’uomo torna sulla luna grazie alla televisione

Anche il RomaFictionFest - come già il festival «Letterature» ospitato in questi giorni alla basilica di Massenzio - alza lo sguardo verso la luna. la terza edizione della rassegna (6-11 luglio) si aprirà con Buzz Aldrin, astronauta della missione Apollo 11, autore insieme a Neil Armstrong della prima passeggiata sulla luna il 20 luglio del 1969. E questo per presentare in anteprima mondiale Moonshot The Flight of Apollo 11, film per la tv fatto in collaborazione con History Channel (su La7 il 20 luglio). Tra gli ospiti più attesi, Mattew Fox, alias il naufrago più celebra delle tv, ovvero il dottor Jack Shepard di Lost. E proprio al grande successo di questa serie il festival dedicherà ampio spazio anche con la presenza di Damon Lindelof (ideatore, autore e produttore esecutivo) e Carlton Cuse (autore e produttore esecutivo), ai quali sarà consegnato il premio speciale RomaFictionFest 2009. I due autori, insieme con il produttore esecutivo Jack Bender, saranno poi i protagonisti di una delle tre masterclass previste quest’anno. Toccherà ad Anna Valle essere la madrina di questa edizione che ha al suo attivo un budget di sei milioni e mezzo di euro e in programma 250 titoli nelle diverse sezioni, con 27 anteprime mondiali. Tra le nuove produzioni di questa manifestazione che ha come direttore artistico Steve Della Casa: Le segretarie del sesto, miniserie diretta da Angelo Longoni, con Claudia Gerini, Micaela Ramazzotti, Tosca D’Aquino, Antonia Liskova e Franco Castellano e Occhio a quei due di Carmine Elia, tv movie con Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti, poliziotti amici-nemici, affiancati da Antonia Liskova. Tre le sezioni competitive: il concorso internazionale (diviso in tv movie, miniserie, lunga serialità) e quello factual (per documentari e docu-fiction), entrambi in programma alla multisala Adriano, e Concorso Fiction Italiana Edita. Tra i percorsi tematici il detective investigativo: si va da Lie to me con Cal Lightman (Tim Roth) che risolvere i casi analizzando le espressioni facciali e un altro detective, Patrick Jane (Simon Baker), protagonista di The Mentalist, consulente del fittizio California Bureau of Investigation (CBI) che per anni ha finto di essere un medium. In controtendenza rispetto agli ultimi anni la presenza dei medici. Solo due titoli: Grey’s Anatomy e Un medico in famiglia, che per la sesta stagione vede ricomporsi la famiglia Martini, con il gradito ritorno di Giulio Scarpati. Tra gli altri eventi, l’assassinio di JFK fa da sfondo a Novembre Conspiracy (miniserie in anteprima mondiale) storia di un uomo sospeso tra passato e presente, fra la sparizione di una donna e l’omicidio del presidente americano e Guantanamo: inside the Wire documento-shock su uno dei luoghi di detenzione più violenti del mondo.