Libertadores: la differenza la fa Neymar

l Santos si è qualificato per la finale della Coppa Libertadores, l'equivalente Champions league europea, pareggiando per 3-3 contro i paraguayani del Cerro Porteno nella semifinale di ritorno. Non vince la Liberatodores dai tempi di Pelè, quando si impose nel 1962 e nel 1963.

Il Santos si è qualificato per la finale della Coppa Libertadores, l'equivalente Champions league europea, pareggiando per 3-3 contro i paraguayani del Cerro Porteno nella semifinale di ritorno.
All'andata i santisti avevano vinto per 1-0 quindi la loro qualificazione non era così scontata: «Ma loro hanno giocato un calcio tecnicamente migliore, noi ci abbiamo messo il nostro spirito combattivo - ha detto dopo la partita Lucero, autore del secondo gol del Cerro -. Il Santos è un'ottima squadra, e poi ha Neymar che a questi livelli fa la differenza». Davanti ai 25 mila spettatori del general Pablo Rojas di Asuncion, Neymar ha segnato e dato spettacolo, questa la successione delle reti: nel pt 3' Zè Eduardo, 28' Barreto (autorete), 32' Benitez, 46' Neymar; nel st 16' Lucero, 36' Fabbro.
Il Santos non vince la Liberatodores dai tempi di Pelè, quando si impose nel 1962 e nel 1963. Nel 2003 la squadra di Robinho e Diego era arrivata in finale ma venne battuta dal Boca Juniors.
La finale della Libertadores è prevista in due partite, questa notte la sfida di ritorno fra Penarol e Velez Sarsfield deciderà la sfidante del Santos di Neymar