L'Inter travolge il Parma: tris di un super Stankovic Lazio pareggia, Napoli ko

L’Inter travolge il Parma per 5-2 al
Meazza. Inutile la doppietta dell’ex
nerazzurro Crespo, autore dell’1-0. Stankovic in rete tre volte. C'è spazio pure per Cambiasso e Motta. Dopo il pareggio di <strong><a href="/sport/pareggio_sampdoria_ma_milan_resta_vetta_e_viola_fermano_juve/28-11-2010/articolo-id=490008-page=0-comments=1">Milan</a></strong> e <strong><a href="/sport/la_viola_tenta_colpo_ma_questa_signora_ha_pepe_coda/28-11-2010/articolo-id=490016-page=0-comments=1">Juve</a></strong>, i nerazzurri sono al quinto posto 

Milano - Un’Inter senza attaccanti di ruolo vince 5-2 con il Parma, in una gara molto spettacolare, e che punisce oltre i propri demeriti la squadra di Marino. I gialloblu giocano bene, soprattutto nel primo tempo, prendono due gol su altrettante deviazioni e colpiscono anche due pali. Solo un super Stankovic, autore di tre reti, rimette l’Inter in carreggiata e fa sbandare i gialloblu a cui non bastano le due reti di Crespo. Per Benitez una boccata d’ossigeno in campionato, dopo la vittoria sul Twente in Champions, che porta l’Inter a 23 punti, a -7 dal Milan. Il Parma resta fermo a 15 punti.

L'Inter travolge il Parma Il tecnico nerazzurro mette in campo i giocatori a disposizione e sceglie Pandev prima punta con Santon inedito esterno di centrocampo. Nel Parma torna in difesa, dopo la squalifica, Paletta mentre a centrocampo, vista l’indisponibilità di Morrone, si rivedono Angelo e Giovinco, preferiti a Valiani e Bojinov. Davanti il solo ex Crespo. Gara folle e spettacolare quindi con due squadre che si sono affrontate a viso aperto. Un Parma con grande personalità e un’Inter che parte con il freno a mano tirato, portano Crespo al 2’ minuto a mandare alto da buona posizione e al 4’ a portare la squadra di Marino in vantaggio. Cross dalla destra di Angelo per Crespo che di tacco anticipa Castelazzi in uscita ed infila sul secondo palo.

La goleada di Stankovic L’Inter cerca subito una reazione con Pandev, ma il Parma in contropiede è pericolosissimo e con Candreva in due occasioni e Giovinco mette i brividi alla squadra di Benitez. Ma nel giro di un minuto, tra il 18 e il 19’, l’Inter trova addirittura due reti molto fortunose, con due deviazioni, entrambe su conclusioni di Stankovic. Prima conclude dal limite e colpisce la schiena di Paletta che spiazza Mirante e poco dopo un rasoterra deviato da Antonelli beffa ancora il portiere del Parma. Risultato ribaltato e Parma in confusione. Al 23’ arriva anche il tris con il sigillo di Cambiasso: su corner svetta Biabiany che spizza di testa per il tocco volante del centrocampista argentino. La squadra di Marino accusa il colpo e ci mette un pò a reagire, ma è ben messa in campo e nonostante la pressione dell’Inter riesce a riaprire la gara al 35’ ancora con Crespo che sfrutta un tocco di Gobbi dal limite e con un destro incrociato rasoterra batte ancora Castellazzi. Poco dopo il bomber del Parma di testa impegna ancora il portiere dell’Inter che con un colpo di reni salva il possibile gol del 3-3. Nel finale ci prova Sneijder su punizione ma la barriera devia in angolo.

Benitz prende ossigeno Nella ripresa le due squadre continuano ad affrontarsi senza esclusioni di colpi e nei primi minuti si alternano occasioni dall’una e dall’altra parte con Cambiasso e Stankovic per l’Inter e con Crespo e un palo colpito da Angelo per i gialloblu. Dopo un periodo di stanca nella parte centrale del secondo tempo, con il Parma comunque più intraprendente dell’Inter, sono i nerazzurri a trovare la via del gol al 27’ con il nuovo entrato Thiago Motta. Su una lunga punizione di Sneijder, Lucio rimette in mezzo per Pandev che di testa fa sponda per Motta che da due passi scaraventa sotto la traversa. Al 28’ Parma ancora vicina al gol con Crespo che su un cross di Antonelli colpisce di testa e scheggia il palo alla sinistra di Castellazzi, rimasto immobile. Parma tutto in avanti e Inter ancora a segno con Stankovic al 30’, con una potente conclusione dal limite per il 5-2. Nel finale Pandev va vicino al gol ma colpisce l’esterno della rete con il Parma che ci prova in tutti i modi anche con Bojinov ma senza fortuna.