Londra, ora la polizia cerca i terroristi negli asili

Secondo gli agenti la radicalizzazione può cominciare anche all'età di 4 anni

L'incubo terrorismo è così forte in Gran Bretagna che anche gli asili si trasformano in luoghi da monitorare per le forze di polizia. La prova? In un'email visionata dal quotidiano britannico Times: un agente chiede alle varie comunità e scuole di aiutare la polizia a identificare i giovani che potrebbero essere finiti nel mirino degli integralisti, sottolineando che «il lavaggio del cervello» per alcuni di loro può cominciare già all'età di 4 anni.
La questione dell'estremismo che si diffonde già a una tenera età sta diventando sempre più scottante nel Regno Unito già colpito dagli attentati del 7 luglio del 2001 e dai falliti attentati degli anni successivi. E il clima è peggiorato dopo il caso di Parviz Khan, un terrorista incarcerato per aver progettato di rapire e decapitare un soldato britannico colto durante un'intercettazione mentre insegnava al proprio figlio di cinque anni a dire: «Io amo lo sceicco Osama Bin Laden». Secondo quanto da poco rivelato dal ministero dell'Interno inoltre, un bambino di sette anni è stato inserito in un programma mirato a contrastare l'indottrinamento dei giovani da parte degli estremisti. David Hanson, sottosegretario per la polizia, ha confermato che il bambino è il più giovane di tutti i 228 ragazzi parte del programma, il 90% dei quali ha tra 15 e 24 anni di età. Non tutti, ha aggiunto, sono musulmani.