Lottomatica ancora più forte con Ilievski

Marcello Castaldi

È arrivato Svetislav Pesic, tecnico del Barcellona campione d’Europa 2003; è arrivato Dejan Bodiroga, l’esterno più forte del Barcellona campione d’Europa 2003. Ieri, Roma ha presentato alla stampa il terzo tassello, ufficializzando infatti, anche il play del Barcellona campione di Spagna 2004: Vlatko Ilievski.
Sono dunque tre i tesserati catalani che si ritrovano oggi tutti in Virtus e nessuno azzarda paragoni di alcun genere ma la tentazione di volare con i sogni è forte. Forte come il gruppo che è nelle mani di coach Pesic, un gruppo che si ritrova da oggi a Norcia, sede del ritiro estivo 2005 e che senza mezzi termini, seppur privo di un centro (Zizic o Femerling), si lancia subito in prima fila tra le pretendenti al successo finale.
Pesic aveva detto che non avrebbe cambiato granché della squadra che aveva felicemente terminato in semifinale la scorsa stagione, la realtà è che sono rimasti tanti bei nomi che in buona sostanza partiranno 99 volte su 100 dalla panchina.
Il quintetto titolare sarà Ilievski-Hawkins-Bodiroga-Tusek-Zizic o Femerling, con il solo Tusek a tenere alta la bandiera dei sopravvissuti: era inevitabile.
Il nuovo play della Virtus Roma sarà dunque Vlatko Ilievski, macedone con passaporto sloveno, che ha firmato un contratto triennale: nato il 19 gennaio 1980 a Strumica (Macedonia), è alto 188 cm, pesa 82 kg e ha disputato l'ultima stagione nel Barcellona! Presentato ieri alla stampa accompagnato da coach Pesic e dal Dg Brunamonti: «Vorrei ringraziare in particolare il presidente Toti che ha impiegato ogni risorsa per avermi qui a Roma - ha esordito il macedone - e sono davvero felice di tornare a lavorare con Pesic. Il progetto di Roma è molto ambizioso, so bene che qui si è vinto uno scudetto nel lontano 1983 e il titolo manca a tutti. Per questo spero che i nostri tifosi ci seguano con grande passione per tutto l’anno». Conosce bene quasi tutti i suoi prossimi compagni di squadra: «Sono molto ottimista perché è una bella squadra.
Ci sono elementi giovani e di talento ma anche giocatori con grande esperienza. Possiamo puntare in alto e dobbiamo essere consapevoli dei nostri mezzi. Di sicuro partiremo alla pari con squadre come Bologna, Treviso e Milano».
Musica per le orecchie dei tifosi: «Riguardo ai miei interessi amo calcio e tennis e vorrei tanto andare a vedere le partite di calcio di Roma e Lazio. Pandev è un mio concittadino». Grande visione di gioco, un fisico molto veloce e un ottimo tiro da 3 fanno di Ilievski un play di grande affidamento.
Ultima curiosità: anche Zizic gioca nel Barcellona, e Femerling ha vestito la maglia azulgrana nel 2003-04 con Ilievski... Sono loro i nomi su cui Roma ha puntato la sua attenzione nel ruolo di pivot.