Maratona di Londra, Martin Lel prova a calare il poker

Il fuoriclasse Keniano al via domenica nonostante un infortunio. Dovrà vedersela con il campione olimpico e compagno di squadra Wanjiru e con l'etiope, bronzo a Pechino, Kebede. L'allenatore Rosa: "Era favorito, ma così sarò tutto più complicato"

Vigilia col fiato sospeso per la maratona di Londra. Martin Lel proverà infatti a calare il poker sul traguardo londinese davanti a Buckingham Palace ma non sarà facile perchè il campione keniano fino a pochi giorni fa era infatti anche in dubbio se partire. Lel sarà al via della Flora Marathon domenica mattina ma continua a soffrire di una contrattura ad un gluteo che ha rimediato durante il suo ultimo allenamento in Kenia e che potrebbe presentargli il conto in qualsiasi momento della gara. «Sta molto meglio- spiega il suo allenatore Gabriele Rosa- ma è chiaro che questo infortunio non ci voleva è non è il miglior viatico per una maratona che si annuncia combattutissima come questa. Staremo a vedere...». Lel, vincitore della prova negli ultimi due anni e nel 2005, se riuscisse nell'impresa sarebbe il primo atleta a vincere per quattro volte a Londra, un record che dà la dimesione esatta di questo atleta che ha gia vinto anche a New York. Il trentenne keniano era a rischio per un fastidio al bacino ma fortunatamente la radiografia effettuata due giorni fa ha escluso infortuni seri: gli è stata diagnosticata però una infiammazione tendinea, senza problemi all'anca. «Sarà una maratona di altissimo livello- continua Rosa- che vedeva Lel ovviamente tra i favoriti. L'infortunio cambia un po' le cose anche perchè anche un minimo disturbo durante una gara lunga come la maratona diventa un problema enorme». Sarà comunque una maratona tutta da seguire. Al via ci saranno infatti anche il campione olimpico il keniano Samuel Wanjiru, reduce però da una prova non del tutto convincente nella mezza maratona di Lisbona e la medaglia di bronzo di Pechino, l'etiope Tsegaye Kebede recente dominatore della maratona di Fukuoka in Giappone con un tempo di tutto rispetto di 2 ore 6 minuti e 39 secondi
http://blog.ilgiornale.it/ruzzo/