Mcy 96, evoluzione nella continuità

Nuvolari-Lenard: «La bellezza che lascia carta bianca al sentimento del designer»

Antonio Risolo

Cannes Dalle luci di Venezia al red carpet dello Yachting Festival di Cannes. Mcy 96', ultimo gioiello della collezione Monte Carlo Yachts, debutta oggi alla prima kermesse della nuova stagione dei saloni.

Presentato a Venezia il 29 luglio scorso, il nuovo 30 metri del cantiere di Monfalcone, si svela al grande pubblico internazionale prima di fare rotta su Genova e poi ancora in Costa Azzurra, questa volta a Montecarlo. Insieme con Mcy 96' gli altri gioielli della Casa: 65', 70', 76', 80', 86', e 105'.

«Questa nuova barca - il commento di Carla Demaria, presidente di Mcy - ha sulle spalle il peso di una grande responsabilità perché nasce dopo il premiatissimo Mcy 105 che tante soddisfazioni ci ha dato. Consentendoci, tra l'altro, di entrare nel mondo dei superyacht. Come risultato abbiamo ottenuto il massimo dell'artigianalità attraverso un percorso industriale controllato. Mcy 96 recupera questa responsabilità. Basti pensare che all'evento di Venezia ci siamo presentati con tre unità già vendute sul solo progetto, grazie alla nostra reputazione, ma anche allo straordinario progetto globale».

Il design degli esterni e degli interni di Mcy 96, infatti, porta una firma di indiscutibile prestigio, quella dello studio di architettura Nuvolari-Lenard. Si tratta, per la precisione, del settimo gioiello che il cantiere di Carla Demaria affida al genio del famoso duo.

«Nonostante Mcy 96 non sia un'estensione dei modelli precedenti, bensì qualcosa di fresco e unico - ha detto Carlo Nuvolari - per noi fa comunque parte di un'unica famiglia e pertanto abbiamo voluto, cercato, e creato, elementi comuni. Una sorta di fil rouge. La bellezza per esempio. Ovvero ciò che rende uno yacht indimenticabile. Una bellezza che si riscontra soprattutto nell'armonia degli spazi, delle proporzioni, che bandisce linee aggressive realizzate unicamente per fini performanti. Una bellezza che non si piega alle leggi severe dell'architettura e del design, ma che lascia carta bianca al sentimento di chi progetta».

Mcy 96, in termini di dimensioni, si colloca esattamente tra due modelli, il pluripremiato 105 e lo spaziosissimo 86. Si caratterizza per passavanti più alti e ampie vetrate che amplificano la sensazione di abitabilità e luminosità. In sostanza l'ultimo nato rappresenta per Monte Carlo Yachts «il simbolo di una nuova visione del Cantiere e di una strategia per il futuro».

Questo modello, che farà bella mostra di sé anche al 57° Salone Nautico di Genova (21-26 settembre) e poi al Monaco Yacht Show (27-30 settembre), suggella ulteriormente una collaborazione già fortunata tra Monte Carlo Yachts e Nuvolari-Lenard. «Favorita - come ama sottolineare Carlo Nuvolari - anche dalla logistica. Il nostro studio di Venezia, infatti, non è molto distante dalla sede triestina del Cantiere e questo è un grandissimo vantaggio per il cliente che può visitare entrambe le realtà in una volta sola e chiedere interventi in tempo reale».