Merville 2, l’opera unica che contribuirà a rafforzare l’immagine della zona

«Merville» è un complesso residenziale costruito in un'area di 50mila metri quadrati di fronte al mare della pineta di Jesolo Lido. È un'iniziativa voluta da Cogetrev Spa, che ha sede a Treviso, progettata dagli architetti portoghesi Gonçalo Byrne e João Ferreira Nunes: il primo ha disegnato l'esterno e l'interno delgi edifici, il secondo ha realizzato il parco pubblico (circa 25mila metri quadrati) e quello privato (circa 22mila). La realizzazione è dell'impresa Setten Genesio di Oderzo (Treviso).
L'intervento è composto da una torre che si staglia nel cielo per 26 piani, completamente vetrata, con 83 unità residenziali, da tre edifici di quattro piani con 20 appartamenti ciascuno, un'area commerciale lungo viale Oriente, 225 posti auto interrati e una cantina per unità, tre piscine di cui una riscaldata, con giochi d'acqua, saune, spogliatoi, zone relax e palestra condominiale. Le 143 unità residenziali frontemare, vetrate da pavimento a soffitto con serramenti scorrevoli, hanno una vista mozzafiato, un'impiantistica all'avanguardia e finiture di prestigio. Gli appartamenti hanno varie metrature, con 1-2-3-4 camere da letto, e i prezzi partono da 4mila euro al metro quadrato.
La seconda pelle di vetro della torre, colorata di varie tonalità di azzurro, crea una barriera ai raggi solari pur permettendo una visuale impeccabile. Invece, la seconda pelle dei tre edifici di quattro piani, immersi nel parco privato, è realizzata con pannelli di listelli di cedro canadese, scorrevoli sul lato delle vetrate degli appartamenti e fissi sul lato chiuso dove si trovano solo le finestre alte dei bagni. Questo gioco di listelli di legno verticali continua anche all'interno dei vani scala senza badare a spese. Lussuosi anche i materiali, dai pavimenti in rovere spazzolato, sbiancato o in teak naturale, con listelli di 2 metri per 20 cm, oppure in pietra chiara mediterranea delle Chianche, fino ai pavimenti delle terrazze flottanti in irocco grezzo.
Merville, inoltre, utilizza tre fonti energetiche alternative: geotermia, fotovoltaico e recupero di calore, che da un lato forniscono energia elettrica per le parti comuni, per le luci del parco e per il funzionamento del ricircolo dell'acqua calda delle piscine, ma anche, combinate con i pannelli radianti posti a soffitto delle abitazioni, permettono di rinfrescare e riscaldare risparmiando il 60% di spese rispetto a una vecchia abitazione con split e termosifoni, e quindi di avere un comfort ideale. Si possono controllare temperatura e umidità stanza per stanza e un sofisticato impianto permette il ricircolo e la purificazione dell'aria 24 ore su 24. La domotica intuitiva è inserita nel capitolato, come anche l'arredamento e i sanitari dei bagni (sanitari sospesi, doccie in cristallo con piatti doccia e pino lavelli in corian, ecc.), le luci led, le tende oscuranti elettriche e la cucina. Le porte interne sono a tutta altezza e i battiscopa a filo del muro. La cucina è realizzata da Arclinea in esclusiva per Merville con elettrodomestici della Miele.
Gli appartamenti sono isolati al cento per cento dai rumori e dalle intemperie esterne. Le spese condominiali, grazie alla tecnologia, all'impiantistica e al reperimento di fonti energetiche dall'ambiente sono molto ridotte. Se tutti gli appartamenti fossero uguali sono state calcolate in circa 1.200-1.500 euro all'anno, pur essendoci due custodi sempre, un giardiniere, il parco e le piscine. I condomini, inoltre, avranno garantito un posto in spiaggia elegante e spazioso.
Nell'area commerciale sono previsti al piano terra un ristorante-pizzeria, una gastronomia, una banca, un'agenzia immobiliare che gestirà i servizi aggiuntivi al complesso Merville e al primo piano un centro benessere bioenergetico di 1.400 metri quadri unico al mondo. L'investimento si aggira sui 60 milioni. L'ufficio vendite, a ridosso del cantiere è aperto sette giorni su sette, per ricevere informazioni e visitare il cantiere e gli appartamenti campione completamente arredati.