Messi show, la Fiorentina ai suoi piedi

Sconfitta in casa con due gol di scarto, come 11 anni fa, nella semifinale di Coppa delle Coppe. 2-0 allora, a segno Fernando Couto e Guardiola (adesso l’allenatore), 3-1 ieri sera, nell’amichevole di lusso del Franchi. La Fiorentina si prepara al preliminare di Champions League, può passare anche il turno dei gironi, il Barça però resta fuori portata.
I blaugrana tengono palla, la fanno girare, quando affondano fanno male. Frey dice no a un tiro di Inesta e poi a Messi. L’argentino semina lo scompiglio sulla destra, Jorgensen lo affronta in maniera troppo tenera, Pique tocca di testa per Pujol (28’) che non ha difficoltà a infilare l’1-0. Viene in mente anche Italia-Spagna di giugno, con gli azzurri bravi a contrastare ma poco pericolosi. Melo è in ritardo di preparazione, appesantito, un po’ come tutta la squadra. In avvio di secondo tempo il raddoppio dei catalani, di Jeffren, a metà applausi per Messi, uscito per Hleb, e il gol di Pazzini (24’), il più in forma. Al 26’ a segno Bojan che supera Gobbi e Da Costa. Henry resta in panchina, interessa al Manchester, Eto’o è infortunato e non ha mercato.
Champions League. Ieri sera si è completata l’andata del 2° turno preliminare: Tampere (Fin)-Petrzalka (Slv) 1-3; Sheriff (Mol)-Sparta Praga (Cec) 0-1, Aalborg (Dan)-Modrica (Bos) 5-0, Beitar Jerusalem (Isr)-Wisla Cracovia (Pol) 2-1, Fenerbahce (Tur)-Mtk Budapest (Ung) 2-0, Goteborg (Sve)-Basilea (Svi) 1-1, Anderlecht (Bel)-Bate Borisov (Bie) 1-2, Anorthosis (Cip)-Rapid Vienna (Aus) 3-0, Domzale (Slo)-Dinamo Zagabria (Cro) 0-3, Panathinaikos (Gre)-Dinamo Tbilisi 3-0, Rangers Glasgow (Sco)-Kaunas (Lit) 0-0.