L'MH17 e le teoria del complotto: "Abbattuto per impedire rivelazioni sull'Aids"

Nemmeno l'MH17 è esente dalle teorie del complotto: da Putin al numero 17, ecco le più fantasiose

Un aereo civile colpito da un missile nei cieli tra Ucraina e Russia, mentre a terra si combatte per ridisegnare i confini. Lo scenario ideale per i fanatici del complotto, quelli che al caso o all'errore umano non credono proprio mai.

Impossibile per loro che a colpire l'MH17 della Malaysia Airlines giovedì 17 luglio sia stato un missile destinato a un velivolo militare. C'era un preciso scopo nel voler abbattere proprio quel volo, partito da Amsterdam e diretto a Kuala Lumpur. Nessuna coincidenza, quindi: è stato il Sistema (con la "S" maiuscola, mi raccomando). O gli Stati uniti che volevano così far saltare gli accordi tra Russia e Unione Europea. E il fatto che in un primo momento si sia parlato di un jet che ha colpito il Boeing a distanza ravvicinata non aiuta. Così come non aiuta la sparizione a marzo del volo MH370 ("Hanno spostato i rottami in Ucraina e hanno simulato un secondo incidente").

Immagini false sono state diffuse sul web immediatamente dopo il disastro, ma in particolare, c'è un video che colpisce. Lo ha realizzato e caricato su YouTube Daniele Penna, scrittore non nuovo a riletture quantomeno singolari della realtà, secondo cui un aereo di linea (un Boeing 777, non un ultraleggero) debba necessariamente esplodere ad alta quota se colpito da un missile (tralasciando il fatto che comunque i corpi dei passeggeri sono stati trovati a diversi chilometri di distanza). E come non mettere in relazione questo incidente con quello capitato alla stessa compagnia l'8 marzo scorso? "Stesso modello, stesso marchio, stessa compagnia", fa notare. Perché? Ma è ovvio: nel primo volo sono morti quattro dei cinque proprietari del brevetto di un semiconduttore (così l'unico superstite si intascherà da solo i proventi della sua invenzione), mentre abbattendo il secondo aereo hanno fatto fuori un centinaio di esperti sull'Aids ("un'altra grande bugia dei nostri tempi", dice Penna, chiedendosi se sia possibile che "cascano solo aerei dove c'è qualcuno che combatte il Sistema?").

E se invece l'obiettivo fosse stato Vladimir Putin, che si trovava in Sudamerica e avrebbe poco dopo sorvolato la stessa zona? Anche in questo caso dietro ci sarebbero stati gli Stati Uniti o i sionisti (che spuntano praticamente in qualsiasi complotto).

Ma che teoria del complotto sarebbe senza numerologia? Anche in questo caso c'è una sinistra coincidenza: il Boeing 777 della Malaysia Airlines avrebbe fatto il suo primo volo il 17 luglio 1997 - data non confermata da nessuno - ed esattamente 17 anni dopo, il 17 luglio 2014, è precipitato. Coincidenza? Impossibile.

Commenti

gneo58

Lun, 21/07/2014 - 14:34

tutto puo' essere, io ormai non credo quasi piu' a niente, neppure a quello che mi fanno vedere, i filmati possono essere benissimo manipolati, leggo, guardo, ascolto e traggo le mie conclusioni, e spesso non sono quelle che mi raccontano.

Kosimo

Lun, 21/07/2014 - 14:42

comunque, a prescindere dall'ironiadel sottotitolo.. i complotti esitono.. mi chiedo chi ha forza e poteri decisionali per quale ragione se ha la possibilità di manovrare gli eventi per trarne vantaggi non dovrebbe tramare? per ragion di quale etica?

Kosimo

Lun, 21/07/2014 - 14:43

comunque, a prescindere dall'ironia del sottotitolo.. i complotti esitono.. mi chiedo chi ha forza e poteri decisionali per quale ragione se ha la possibilità di manovrare gli eventi per trarne vantaggi non dovrebbe tramare? per ragion di quale etica?

Kosimo

Lun, 21/07/2014 - 14:47

..e anche un evento accaduto per errore può essere sfruttato per fini complottisti per trarne vantaggi, la propaganda è un classico esempio

alberto_his

Lun, 21/07/2014 - 15:01

Una teoria come altre, quello degli scienziati, forse una convergenza di circostanze... potendo scegliere... Chissà se si arriverà mai a determinare i responsabili o se sarà stato il classico false flag; molto si capirà dalle azioni che verranno intraprese d'ora in avanti. Domanda: chi sarà mai il solo superstite del volo MH370 che si intascherà da solo i proventi del brevetto?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 21/07/2014 - 15:07

In tempi non sospetti si affermava che l'AIDS abbia contaminato la razza umana, in Africa centro occidentale, partendo da rapporti sessuali con le scimmie. Comunque sia io non crederò mai che Obama abbia interesse "anti-razzistiico" ad annientare tanti scienziati esperti dell'AIDS.

Kosimo

Lun, 21/07/2014 - 15:21

l'italiano emigrato in Olanda a bordo, non è dato sapere chi è? solitamente gli italiani coinvolti all'estero in fatti importanti di cronaca occupano spazi nei tg con iterviste ai familiari, più che per curiosità.. per far notare quanto mistero

Ritratto di Giuseppe.EFC

Giuseppe.EFC

Lun, 21/07/2014 - 15:39

Cosa sia successo a questo aereo (ed a quello sparito qualche mese fa) lo scopriremo soltanto quando i responsabili decideranno di usarli. A meno che non abbiano già cominciato. Io non so cosa sia successo: ma so che due aerei spariti dallo stesso quadrante in meno di 3 mesi non possono essere una coincidenza. Ne sentiremo ancora parlare, ed allora sapremo.

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 21/07/2014 - 15:53

Ultima teoria .In russia non ci sono froci ,non ce aids.

fabrizio de Paoli

Lun, 21/07/2014 - 16:07

Utilizzare il potere di cui si può disporre per trarne vantaggio è del tutto normale, lo facciamo tutti quanti. Se però lo fa qualcuno particolarmente potente a nostra insaputa allora quell'azione si chiama complotto. E cosa ci sarebbe di incredibile? Il fatto che nel metterlo in atto ci vadano di mezzo vittime innocenti? Beh, questo non è sufficiente ad inibire da un punto di vista morale chi è particolarmente potente dall'intraprendere l'azione, poiché se nello sviluppare il progetto si dovessero rendere necessarie azioni immorali queste ultime verranno fatte da persone con bassa moralità e regolarmente pagate o, se il potente è particolarmente potente, semplicemente indotte ad agire in un senso, risparmiando così anche i soldi del servizio. È impossibile sapere CHI ha colpito l'aereo visto che è impossibile disporre di notizie vere, quando e se si saprà la verità sarà ormai inutile ed irrilevante. Il fatto di non poter accedere alla verità è già di per sé un complotto, quindi non capisco cos'abbia la giornalista da ironizzare, le ipotesi che cita divertendosi sono tutte possibili. Data quindi la scarsità di informazioni certe, per farsi un idea di quale siano le ipotesi probabili ci si deve attenere alle "notizie" ufficiali che vengono date, o che non vengono date, ed alle azioni note successive. Anche io ovviamente ho una ipotesi a riguardo. Per quale motivo il governo americano dovrebbe scatenare guerre, uccidere innocenti, distruggere? Per quale motivo dovrebbe incolpare la Russia? Per quale motivo cercherebbe di indebolire la Russia, quindi Cina e Brics? Per ritardare il collasso del dollaro, moneta attraverso la quale avviene buona parte degli scambi mondiali e che, se dovesse sgonfiarsi, farebbe perdere ai suoi detentori la supremazia economica (i detentori non sono certo i cittadini americani, e bene ricordarlo, loro sono sudditi come noi).

lakos29

Lun, 21/07/2014 - 16:12

chiamate Adam Kadmon e fategli fare un servizio. a parte gli scherzi ma sti complottisti non hanno altro da fare che sparare cazzate? è chiaro che se passi sopra ad una zona di guerra il rischio di essere abbattuti è alto. e se invece di passare in quel punto avessero fatto una traiettoria diversa il Sistema (con la maiuscola mi raccomando) come avrebbe fatto? aspetto le risposte dei complottisti per farmi qualche risata. comunque rispettiamo i parenti dei morti e non scriviamo minchiate per avere qualche "mi piace" sui social network, che fate attenzione sono controllati dal Sistema e quindi indirettamente voi complottisti ne fate parte facendo aumentare le visite e le visite portano popolarità a quei siti che vendono pubblicità e incassano soldoni.

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Lun, 21/07/2014 - 16:42

Roberto Giacobbo di Voyager sostiene che a bordo ci fosse un bis-bis-bis-bis nipote di un templare... Sarà una coincidenza? Non credo.

mauriziosorrentino

Lun, 21/07/2014 - 16:54

L'aids ,un virus presente negli scimpanzè,potrebbe essere stato trasmesso alla razza umana attraverso l'iniezione di vaccini antipolio derivanti da colture su animali vivi appositamente catturati e tenuti in cattività in Africa negli anni '70,e testati per primi nelle popolazioni locali. Chi lo fece ne ricavò fama e denaro e chi denunciò questo fatto perse una causa(farsa vista la disparità dei mezzi economici tra la casa farmaceutica e il medico che la citò) intentata presso l'OMS. Quindi Signor Estensore dell'articolo la tesi "complottistica" sull'AIDS non è così peregrina e la consiglierei di riservare la sua ironia per sè stesso quando il Sistema ,servitosi di Lei, la scaricherà come un pannolino usato in qualche bidone delle immondizie. M.S.

Ettore41

Lun, 21/07/2014 - 17:52

Di tutte le stronzate fatte circolare dai comunisti questa e' la piu' divertente. Si va dalla dalla convinzione che gli USa non siano mai stati sulla Luna alla bischerata che sia stata la CIA a distruggere le torri gemelle. E' incredibile cosa possa fare l'ideologia ad un cervello spappoolato.

michelesilenzio

Lun, 21/07/2014 - 20:54

il metodo scientifico prevede: che non vi siano certezze assolute, che tutti i dati vengano presi in considerazione senza pregiudizi; che le vecchie conoscenze vengano analizzate alla luce delle nuove scoperte. Gli antropologi, scienziati anch’essi, conoscono la domanda “cui prodest?”: sanno cioè come spesso dietro agli accadimenti umani non vi siano mere coincidenze, mentre vi sia da ricercare qual è il gruppo umano o di potere che trae il maggior vantaggio dal determinato evento. Antropologi, zoologi, perfino biologi, sanno come tutto in natura segua il principio economico, per cui ciascun essere vivente tenta costantemente di utilizzare quanta meno energia riesce, traendo il maggior vantaggio possibile; questo, chiaramente, al di là di ogni plausibile giudizio etico, per cui, quello che all’uomo della strada pare assurdo, immorale, paradossale, tale da rendere al suo sguardo “impossibili” certe azioni indubbiamente riprovevoli, viene nella realtà quotidianamente perpetrato dai gruppi umani nel nome del profitto economico-politico. Tutti i giorni, aziende lucrano sulla vita e sulla morte di milioni di persone: non dimentichiamoci per esempio della Bayer, multata per aver usato bambini africani come cavie (causandone il decesso nella quasi totalità dei casi); non dimentichiamo i titoli azionari speculativi sulle materie prime, che hanno causato migliaia di decessi PER FAME mentre pochi occidentali si arricchivano; non dimentichiamo le vittime delle nostre organizzazioni criminali, con tanto di bambini sciolti nell’acido, o i bambini con sindrome di Down mandati a farsi esplodere in medio oriente. L’elenco di atrocità è pressoché infinito. Alla luce di tutto questo, ridicolizzare Daniele Penna o chiunque abbia la capacità di prendere in esame anche gli elementi accuratamente celati dalla narrazione ufficiale, significa insultare l’intelligenza umana e la sua (la nostra) possibilità di comprendere la realtà al di là dei dogmi e degli interessi di parte.

Tullio Pascoli

Lun, 21/07/2014 - 21:03

AIUTO!!!! Questo è delirio allo stato puro: davvero demenziale; l’autore di questa fantasiosa rassegna è affetto da paranoia acuta; somministrategli urgentemente del PROZAC!!!

michelesilenzio

Lun, 21/07/2014 - 21:07

il metodo scientifico prevede: che non vi siano certezze assolute, che tutti i dati vengano presi in considerazione senza pregiudizi; che le vecchie conoscenze vengano analizzate alla luce delle nuove scoperte. Gli antropologi, scienziati anch’essi, conoscono la domanda “cui prodest?”: sanno cioè come spesso dietro agli accadimenti umani non vi siano mere coincidenze, mentre vi sia da ricercare qual è il gruppo umano o di potere che trae il maggior vantaggio dal determinato evento. Antropologi, zoologi, perfino biologi, sanno come tutto in natura segua il principio economico, per cui ciascun essere vivente tenta costantemente di utilizzare quanta meno energia riesce, traendo il maggior vantaggio possibile; questo, chiaramente, al di là di ogni plausibile giudizio etico, per cui, quello che all’uomo della strada pare assurdo, immorale, paradossale, tale da rendere al suo sguardo “impossibili” certe azioni indubbiamente riprovevoli, viene nella realtà quotidianamente perpetrato dai gruppi umani nel nome del profitto economico-politico. Tutti i giorni, aziende lucrano sulla vita e sulla morte di milioni di persone: non dimentichiamoci per esempio della Bayer, multata per aver usato bambini africani come cavie (causandone il decesso nella quasi totalità dei casi); non dimentichiamo i titoli azionari speculativi sulle materie prime, che hanno causato migliaia di decessi PER FAME mentre pochi occidentali si arricchivano; non dimentichiamo le vittime delle nostre organizzazioni criminali, con tanto di bambini sciolti nell’acido, o i bambini con sindrome di Down mandati a farsi esplodere in medio oriente. L’elenco di atrocità è pressoché infinito. Alla luce di tutto questo, ridicolizzare Daniele Penna o chiunque abbia la capacità di prendere in esame anche gli elementi accuratamente celati dalla narrazione ufficiale, significa insultare l’intelligenza umana e la sua (la nostra) possibilità di comprendere la realtà al di là dei dogmi e degli interessi di parte.

levy

Mar, 22/07/2014 - 06:39

Quello che è certo é che l'america vuole danneggiare Putin, che tra l'altro ha recentemente fatto un accordo con la Cina per transazioni commerciali senza l'uso del dollaro. Ora, gli USA, stanno in piedi solo finchè dura la supremazia della loro moneta e chi si mette di traverso viene attaccato. La questione Ucraina e l'abbattimento di questo aereo puo' avere qualcosa a che fare con tutto ciò.

levy

Mar, 22/07/2014 - 06:50

Ettore 41: l'abbattimento delle torri gemelle e del world trade center 7 lascia molti dubbi e qualche certezza, sufficienti per credere che non è stato un attacco terroristico senza la collaborazione complicità o addirittura progettato da entità importanti all'interno di quel paese. Un precedente simile lo abbiamo avuto noi in Italia con Gladio.