miart, premi Fidenza Village e On Demand: ecco i vincitori

Il primo riconoscimento assegnato a Barbara Kasten e Jessica Stockholder: nello stesso stand dialogo e confronto fra opere di generazioni diverse. Il secondo al progetto di Massimo Grimaldi per il valore del lavoro e la sua presentazione da parte della galleria

Assegnati altri due importanti premi a miart 2017, la fiera dell’arte moderna e contemporanea in corso fino a domani, domenica 2 aprile a fieramilanocity. Il nuovo Premio Fidenza Village per Generations è stato attribuito alla stand composto dalla coppia di artiste Barbara Kasten e Jessica Stockholder, presentate rispettivamente dalla galleria Bortolami di New York e dalla Galleria Raffaella Cortese di Milano.

La giuria internazionale composta da Björn Geldhof (direttore artistico e strategico, Yarat Contemporary Art Space, Baku e direttore artistico, Pinchuk Art Centre, Kiev), Stefan Kalmár (direttore, Institute of Contemporary Arts, London) e Gianfranco Maraniello (direttore, Mart - Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto), nel riconoscere la qualità di tutti gli stand della sezione – curata da Douglas Fogle (critico e curatore indipendente, Los Angeles) e Nicola Lees (direttore e curatore 80WSE Gallery, New York University, New York) – ha premiato il dialogo tra Barbara Kasten e Jessica Stockholder, per “il modo in cui le due artiste hanno ingaggiato un profondo scambio tra le opere. Il risultato della loro collaborazione ha preso una forma che illumina reciprocamente l’opera di ciascuna”.
Del valore di 10mila euro il nuovo Premio Fidenza Village per Generations è realizzato in collaborazione con Value Retail ed è destinato al miglior stand della sezione Generations, dove due gallerie mettono a confronto le opere di due artisti appartenenti a generazioni diverse tra loro, dimostrando come il passato e il presente siano rilevanti l’uno per l’altro.

Si aggiudica invece il Premio On Demand nato quest’anno accanto alla nuova sezione trasversale di miart, dedicata a opere che vivono della relazione con il contesto e con l’acquirente, il progetto di Massimo Grimaldi presentato dalla galleria Zero… di Milano.
La giuria composta da Gloria Moure (storica dell’arte e curatore indipendente, Barcellona), Florence Ostende (curatore, Barbican Art Gallery, Londra) e Jean Marc Prévost (direttore, Carré d’Art - Musée d’art contemporain, Nîmes) ha deciso di conferire il premio al progetto di Grimaldi, dopo aver apprezzato, poiché attinenti alla finalità del premio, "la radicalità del progetto Un amaro monumento all’obsolescenza e l’impegno della galleria per la presentazione.
Il nuovo Premio On Demand, del valore di 10mila euro è realizzato in collaborazione con l’associazione svizzera Snaporazverein ed è destinato alla migliore presentazione della nuova sezione. Il premio consiste nel sostegno economico per un progetto futuro dell’artista vincitore: in questo modo miart, grazie alla collaborazione della casa di produzione Snaporazverein, diventa co-produttore di iniziative artistiche cal di fuori dell'ambito della fiera.