Pochi giorni alla chiusura (e dieci consigli anti-code)

Presto ai cancelli, mappa in mano, elasticità e obiettivi chiari. Così si possono evitare molte file. Senza il trucco del finto bebè

A Expo è cominciato il conto alla rovescia. Ancora pochi giorni e i cancelli chiuderanno. Chi decide di avventurarsi lungo il Decumano deve prepararsi a code interminabili. Tuttavia, con qualche accorgimento, si può ottimizzare al meglio il tempo a disposizione. Ed evitare gli escamotage di chi si è presentato con un bambolotto nel passeggino per saltare la fila.

1 - L'INGRESSO

Innanzitutto è bene presentarsi ai cancelli all'inizio della mattinata. Si eviterà una buona fetta di coda e si avrà più tempo all'interno dell'esposizione. Ci si può subito accodare al Padiglione Zero, di fronte all'ingresso. È uno dei più suggestivi dell'Esposizione e merita più di tutti un po' di attesa.

2 - LA MAPPA

Consultare la mappa prima di cominciare il tour. Scegliere i padiglioni irrinunciabili e organizzarsi al meglio per non perdere tempo nell'avanti-indietro lungo il Decumano.

3 - L'AUT-AUT

O un padiglione o un altro. Bisogna subito mettersi in testa che è impossibile visitare ogni angolo dell'Esposizione. Se c'è troppa attesa al padiglione del Brasile, si può «ripiegare» su quello del Nepal, esattamente di fronte e altrettanto bello.

4 - UN CAFFÈ AL VOLO

Va bene la fretta ma a Expo è un peccato rinunciare ai piaceri del palato. Per gli amanti del caffè il consiglio è quello di provare il piccolo bar del padiglione Colombia. Lì si possono trovare varie specialità regionali, con aromi leggeri e più soavi. Non fatevi spaventare dalla coda all'ingresso. Il bar è a sinistra della scalinata e solitamente non c'è attesa.

5 - PAUSA PRANZO

Meglio essere elastici sulla scelta del posto in cui pranzare. Se siete al padiglione dell'Oman restate nei paraggi, magari provando il cibo take away dell'Indonesia.

6 - PRANZARE IN CODA

Se proprio volete visitare il padiglione del Giappone o degli Emirati Arabi dovrete passare ore in coda. Potete sfruttare quel tempo per mangiare. Un'idea: al padiglione Francia vendono delle baguette buone quanto quelle di Parigi e un pan au chocolat meraviglioso. Fate una mini spesa e mettetevi in fila. L'attesa sarà più leggera. Una soluzione può anche essere il gelato al bar di Israele: da dieci e lode.

7 - SHOPPING ETNICO

Per chi vuole un souvenir etnico consigliamo l'area shopping della Thailandia, dove si possono trovare curry verde e rosso e piatti thai pronti da mettere in forno. Oppure il cluster del riso, dove acquistare accessori e oggetti indiani.

8- L'ALBERO DELLA VITA

Gli spettacoli dell'Albero della vita sono numerosi a tutte le ore del giorno. Vi consigliamo di dare un'occhiata agli orari e godervi lo show di musica e luci stando in fila in uno dei padiglioni limitrofi al Cardo.

9 - I CONCERTI SERALI

Chi va a Expo di sera potrà godersi gli ultimi concerti all'anfiteatro. Domenica si esibirà, gratuitamente, Francesco De Gregori.

10 - FUORI EXPO

Per chi proprio non riesce a visitare Expo, il primo novembre può partecipare alla festa di chiusura al museo Mudec, con mostre e rassegne cinematografiche, o al Mercato metropolitano per la serata dedicata al gusto.

Commenti
Ritratto di giangol

giangol

Mer, 21/10/2015 - 10:22

state a casa!