Minimoto, al via il campionato

Iniziano, in tutta Italia, le prove selettive del campionato italiano delle "piccole" a due ruote, fucina di campioni.
Si entra nel vivo con il warm up, poi le gare, divise tra mattina e pomeriggio

Milano - Si scaldano i motori, si chiudono le visiere, sguardo "cattivo" ed unica meta: la vittoria. Iniziano oggi, in tutta Italia, le selettive del campionato italiano di minimoto. Si entra nel vivo con il warm up, a partire dalle nove del mattino, poi le gare, divise tra mattina e pomeriggio.

Minicampioni in pista I campioni protagonisti di questo motomondiale 2008 hanno coltivato la loro passione proprio nei campionati di minimoto. Ne è un grande esempio Andrea Dovizioso, che ha costruito la sua carriera alla corte di un solo produttore e ha avuto i brillanti risultati con le minimoto alla quale dice di dovere molti ringraziamenti poiché l’ha aiutato. Lo stesso vale per l’ormai famoso, Marco Simoncelli, uno dei più grandi talenti del vivaio minimotociclistico italiano, ma sicuramente il nome più conosciuto, Valentino Rossi, già dimostrava il suo essere fenomeno in sella alla sua minimoto,mentre ora possiamo ammirare nelle pieghe dei vari circuiti il fratellino "Rossi", che inizia a vincere.

La minimoto in Italia Prima del marchio Vittorazi nessuno in Italia aveva mai avuto a che fare con una minimoto. Fu proprio una Vittorazi la prima minimoto di Valentino Rossi: in ogni caso, la casa di Vittoriano Orazi, dalla crasi del suo nome è nato il marchio, cominciò a cavallo degli anni '80 e '90 a produrre minimoto per il mercato italiano. Le prime minimoto sono artigianali e sono vendute come giochi per bambini, ma ben presto si sviluppano i team e le gare agonistiche, infatti il successo non tardò ad arrivare vista l'esperienza e le tecnologie messe in campo. Le dimensioni delle Vittorazi portano sotto media quelle della maggior parte delle minimoto: se questo sport è davvero per pochi, le Vittorazi sono per pochissimi. Il concetto di scomodità, e quindi di sfida, fa il suo compimento guardando sfrecciare i bikers sulle minimoto Vittorazi. Da un po’ di anni a questa parte ha fatto la comparsa nel mercato delle minimoto italiane la concorrenza straniera, in particolare quella delle minimoto di fattura cinese. L’anno effettivo di comparsa delle minimoto cinesi è il 2004 e la gente sembra aver sviluppato un notevole interesse verso di esse. Contro questa "invasione cinese" nel mercato occidentale, le maggiori case produttrici europee ed americane hanno cercato e cercano ancora oggi di porre rimedio alla copia dei propri prodotti cercando di bloccare l’importazione di prodotti contraffatti. Le minimoto cinesi non sono un esempio di gran lavorazione meccanica ma, grazie al proprio prezzo basso, permettono a molte persone di avvicinarsi al mondo delle minimoto. In questi anni d’innovazioni ritroviamo diversi produttori europei molto famosi, come la “polini”, la “zpf” ed il famosissimo produttore di telai minimoto, impegnato sulla scena delle pocket bike dal 1993: la "Grc". Dai primissimi esemplari come "la missile" alla più importante la "Evoluzione", la mini che getterà le future basi riguardo alla telaistica, fino a giungere al presente con la "rr" che tutti dovrebbero almeno una volta guidare per testare l’emozione della vera adrenalina.

Il campionato
Zona A
Pista South Milano Karting Ottobiano (PV) Tel: 0384-496.099
Zona B
San Mauro Pista Minimoto San Mauro Mare - Via Cagnona,121 Ang. Nuova S.S. Adr. San Mauro Mare (Forli-Cesena) Tel: 0541-345.952
Zona C
Anzio (Rimini) Sporting Club Via Cavallo Morto 87 Lido dei Pini