Mipel, per borse e pelletteria è boom di operatori esteri

L'edizione della manifestazione di Assopellettieri conquista i buyer, Eurpa in testa e torna a crescere. Il presidente Franco Gabbrielli: "Edizione eccezionale, la moda è innovazione, coraggio e un pizzico di spregiudicatezza. Mi piace stupire"

Boom di presenze (+19% di operatori qualificati rispetto all’edizione di settembre 2018) per Mipel 116, il salone internazionale della borsa, della pelletteria e degli accessori moda che si è chiuso in Fiera Milano. Un risultato positivo della manifestazione organizzata da Assopellettieri, dovuto soprattutto al forte incremento di buyer provenienti dall’Ue e dai principali mercati mondiali di riferimento dei prodotti made in Italy.

In particolare, per quanto riguarda il mercato europeo, si segnala un forte incremento di visitatori provenienti da Germania (+27,80%), Spagna (+23,16%), Regno Unito (+19,46%), Svizzera (+13,22%) e Francia (+8,44%). Quanto, invece, ai mercati extra-Ue, sono da evidenziare le performance fatte registrare dai buyer provenienti da Corea Del Sud (17,58%) e Cina (+6,36%). Il Giappone si conferma il primo paese "visitatore" di Mipel, seguito dalla Federazione Russa. In leggero calo le presenze di visitatori statunitensi (-2,76%). Il panorama è completato dal forte incremento di visitatori italiani (+12,37%).

“Abbiamo chiuso una edizione eccezionale che, numeri a parte, ha raccolto la soddisfazione di espositori e buyer, l’aspetto che a me interessa di più - Franco Gabbrielli, presidente di Mipel -. Questa soddisfazione è il miglior biglietto da visita del nostro prodotto fieristico e ci dà il giusto stimolo per lavorare forte sul futuro. Sul futuro ho le idee chiare: la moda è innovazione, coraggio e un pizzico di spregiudicatezza. Mi piace stupire”.

La prossima edizione di Mipel si svolgerà dal 16 al 19 febbraio 2020 presso Fieramilano-Rho, in concomitanza con Micam e Homi e in sovrapposizione con il primo giorno della Milano Fashion Week.