Miracolo di Les Ulmes

La chiesa parrocchiale di Les Ulmes sorge a circa dieci chilometri da Saumur, in Francia. In questa chiesetta il 2 giugno del 1668 il sacerdote Nicolas Nézan espose il SS. Sacramento per l’adorazione eucaristica. Dopo i consueti rituali, verso la fine della cerimonia il celebrante stava aspergendo d’incenso l’ostensorio. Quando i fumi dell’incenso si furono diradati, tutti gli astanti poterono vedere che sull’ostia esposta sull’altare era comparso il volto di Cristo. Il fenomeno durò più di quindici minuti, così che non vi potè essere alcun dubbio da parte di quelli che l’avevano visto. Il parroco dovette relazionare al suo vescovo, Henry Arnauld, che dal canto suo istituì una commissione d’inchiesta. Quest’ultima, avvalendosi di consulenti medici e oculisti, vagliò tutte le testimonianze e decretò che i fatti si erano effettivamente verificati. Così, fu concesso il culto e l’anniversario del miracolo venne solennemente celebrato ogni anno fino alla Rivoluzione giacobina. Il Congresso eucaristico internazionale del 1901 si svolse proprio nella chiesa di Les Ulmes. Adesso, riprendendo un’antica, anche se sporadica, consuetudine, segnaliamo qualche buon libro. Uno è Rivolti al Signore. L’orientamento nella preghiera liturgica, di Uwe Michael Lang, con prefazione di Joseph Ratzinger (Cantagalli). Poi, Magna Europa. L’Europa fuori dall’Europa, a cura di Giovanni Cantoni e Francesco Pappalardo (D’Ettoris Editori); Monaldo Leopardi, Catechismo filosofico e Catechismo sulle rivoluzioni (Fede & Cultura); G. e L. Solimeo, Il Codice da Vinci (Sos Ragazzi, tel. 068072024).