Un mondo di vip a portata di click

<em>Asmallworld</em> è la community più esclusiva del mondo. Imprenditori, manager e modelle fanno rete e si scambiano consigli all'insegna del lusso e del businnes

Milano - Ci sono tutti. Quelli che contano, ovviamente. Qualcuno l’ha definito il Rotary club della rete. In verità è solo un mondo, piccolo piccolo, costruito a immagine e somiglianza delle elite. Si chiama Asmallworld (ma gli amici lo chiamano Asw), ed è il social network più esclusivo del momento.

Invito A differenza dei suoi cugini più popolari come Myspace, Facebook, Linkedin o Netlog, si può entrare solo su invito, come nelle feste. E un invito è ambitissimo. Per ottenere il ticket elettronico proveniente dai "trusted member", soci anziani e rispettabili, bisogna essere vidimati da un management molto selettivo. Basta farsi un giro in rete per capire quanto sia ambita la possibilità di entrare in questo salotto buono. “Cosa saresti disposto a fare per avere un invito per ASW?” è una delle domande che circolano in rete e le risposte possono soddisfare ogni fantasia. Manager, vip, imprenditori, uomini e donne di successo o semplici wannabe, sono i cittadini di questa Beverly Hills della virtualità.

Cosa si fa? Su Asw ci si possono scambiare consigli d’affari, trovare lavoro, cercare un resort di lusso in qualche isola caraibica e condividere le proprie opinioni con gli amici. C'è tutto quello che può interessare a chi appartiene a una determinata categoria sociale. House sharing, abiti, eventi, ristoranti, locali, gallerie d'arte. E, per chi volesse comprare on line, c'è anche una bacheca adeguata al target del sito. In questo ebay stile via Montenapoleone, si può trovare qualunque cosa, anche la più improbabile, da una collezione di monete romane e visigote (1 milione di euro), fino a un piccolo sommergibile del valore di 1.700.000 dolalri. Insomma su Asw si fa tutto quello che si potrebbe fare in un club di lusso, con la differenza che lo si può fare direttamente dal proprio ufficio.

Come funziona. Una volta ricevuto l’ambito invito, bisogna iniziare a costruire la propria identità nella community. Si parte, come al solito, dal profilo. Luogo di residenza, studi, lavoro e tutte le funzioni accessorie che possono contribuire a definire la propria vita. Poi, attraverso un motore di ricerca, si inizia a esplorare questo piccolo mondo escluso ai comuni virtuali. Naomi Campbell, Paris Hilton, Ivanka Trump e poi tutti i rampolli delle schiatte più celebri, quelle da rotocalco, dai Borromeo ai Casiraghi passando per i Savoia, sono alcune delle stelle a portata di click su Asw. Un vero e proprio parterre de roi nel quale si può fare campagna acquisti per amici vip, amici virtuali, però.

A cosa serve un social network? Siamo nell’era della condivisione. “To share”, condividere, partecipare. La piazza in cui incontrarsi e mercanteggiare scambi di conoscenze ed emozioni, è la rete. I Social Network, reti sociali che aiutano a rimpicciolire gli spazi infiniti di internet, sono giganteschi gruppi di amici che decidono di condividere tutto, foto filmati, appuntamenti, esperienze, sensazioni. Delle comuni poco hippy ma molto virtuali e postmoderne. Myspace, Facebook, Asw, Netlog, Linkedin e Flickr, sono solo alcuni dei nomi più noti di queste agorà internettiane. Un modo per conoscere nuove persone e rendere più a misura d'uomo la megalopoli globale costituita dalle reti.