Il 10% della popolazione in Egitto è cristiana

Il 10% della popolazione egiziana è di religione cristiana. Il maggior numero di cristiani segue la chiesa copta ortodossa con il Papa Tawadros II

In Egitto vive la più grande minoranza cristiana del Medioriente, ovvero circa il 10% dell'intera popolazione a maggioranza musulmana composta da 92 milioni di persone.

Il numero maggiore di cristiani in Egitto segue la Chiesa copta ortodossa. La maggior parte dei cristiani egiziani vive al Cairo e nel sud del Paese. A guidare la Chiesa copta ortodossa è, dal novembre del 2012, Papa Tawadros II. La Chiesa copta ortodossa non è in comunione con la Chiesa cattolica romana.

Le celebrazioni, così come lo sono i testi religiosi, avvengono in copto antico, lingua che si ritiene fosse utilizzata nell'Egitto dei faraoni. I cristiani egiziani hanno a lungo lamentato discriminazioni da parte della autorità del Cairo e sono stati più volte nel mirino dei militanti islamisti.

Nonostante ci sia generalmente un clima di rispetto reciproco, negli ultimi anni si sono segnalati episodi di violenze riguardo ai luoghi di culto e alle conversioni religiose. Musulmani e cristiani hanno partecipato dalla stessa parte alla Rivoluzione del 25 gennaio del 2011 che ha portato alla deposizione di Hosni Mubarak.

Gli attacchi contro i cristiani e le chiese sono aumentati dopo la deposizione del presidente islamico Mohammed Morsi nel luglio del 2013. Gli ultimi attentati risalgono proprio al 9 aprile, quando un duplice attacco rivendicato dal sedicente Stato Islamico (Is) ha colpito le chiese copte di Tanta e Alessandria causando la morte di almeno 46 persone e il ferimento di altre.

Commenti

venco

Sab, 29/04/2017 - 15:07

E i cristiani d'Egitto sono ben più cristiani di noi perche vivono a stretto contatto coi musulmani e, sicuramente li conoscono molto bene.