13enne nel video contro la violenza ferito in una sparatoria tra le gang

L'adolescente raggiunto da un proiettile vagante. Raccontava il disagio dei giovani afroamericani a Chicago

Per il filmato a cui aveva preso parte aveva vinto un Advocacy Media Award, premio per quella denuncia dei timori dei giovani afroamericani a Chicago, la Windy City in cui venerdì sera Zarriel Trotter, 13 anni, è stato raggiunto da un proiettile vagante, esploso durante uno scontro tra gang rivali.

Zarrel era uno dei ragazzi di "Our Black Boys: Real Talk", il filmato in cui i giovani afroamericani denunciavano un problema di violenza che, negli ultimi anni, ha fatto dell'omicidio la causa principale di morte all'interno della comunità.

Secondo la polizia è stato un proiettile vagante a raggiungere il 13enne. Un chiaro segnale di come la denuncia portata avanti fosse tutto tranne che campata per aria. Sabato Zarriel Trotter è stato operato all'ospedale Monte Sinai, dopo essere stato colpito a circa un chilometro da casa.

Commenti

stefanorota

Lun, 28/03/2016 - 08:30

Ma dai, adesso scoprono che i negri sono pure violenti ??

risorgimento2015

Lun, 28/03/2016 - 11:15

Adesso diranno che e` colpa dei "bianchi" per lavaggio di cervello??

eolo121

Lun, 28/03/2016 - 13:19

le società multirazziali son le piu' violente che ci siano.. basta guardare negli u.s.a. o in brasile...ci son piu morti che in iraq.. e qua vogliono fare la stessa cosa, senza darci la possibilità di difenderci...maledetti

Linucs

Lun, 28/03/2016 - 13:29

Non è una novità che mettendo due negri uno in fila all'altro salti fuori qualche guerra tribale per futili motivi.