Il 23 giugno la Gran Bretagna vota il referendum sul Brexit

Un voto per decidere se restare dentro l'Ue o uscirne. Il primo ministro del Regno Unito, David Cameron, ha annunciato che il referendum in cui i britannici dovranno decidere la permanenza o l'uscita del Paese dall'Unione europea si terrà il 23 giugno

Un voto per decidere se restare dentro l'Ue o uscirne. Il primo ministro del Regno Unito, David Cameron, ha annunciato che il referendum in cui i britannici dovranno decidere la permanenza o l'uscita del Paese dall'Unione europea si terrà il 23 giugno. L'esecutivo, nella campagna in vista della consultazione, difenderà la permanenza nell'Ue, dopo che Cameron ieri è tornato a Londra per esporre al Gabinetto l'accordo raggiunto a Bruxelles. Il Regno Unito, ha detto, "sarà più sicuro, più forte e migliore" all'interno di una "Europa riformata". Ma il suo governo si è spaccato sul referendum: sei ministri hanno infatti annunciato di voler fare campagna a favore del Brexit.

Cameron deve ora convincere una società britannica divisa tra le opzioni di spezzare o mantenere i vincoli con l'Ue, in cui secondo gli ultimi sondaggi circa il 23% degli elettori è indeciso. Per riuscire, dovrà contrastare la campagna dell'eurofobico Partito per l'Indipendenza del Regno Unito (Ukip), che nelle elezioni dello scorso maggio ha ottenuto quattro milioni di voti, e l'ala euroscettica del suo stesso partito. Sei membri del Gabinetto, oltre a vari altri conservatori, hanno dichiarato il loro disaccordo con la linea ufficiale dell'esecutivo. Sono il ministro della Giustizia Michael Gove, amico personale di Cameron; il ministro al Lavoro, Iain Duncan Smith; il leader della Camera dei Comuni, Chris Grayling; il segretario di Stato per l'Irlanda del Nord, Theresa Villiers; il sottosegretario alla Cultura, John Whittingdale; Priti Patel, sottosegretario all'Impiego che non è un membro a pieno titolo gabinetto, ma partecipa alle riunioni. Il Regno Unito sarebbe "più libero, più giusto e migliore al di fuori dell'Unione europea", ha detto Gove, spiegando la "difficile" decisione. L'Ue, ha aggiunto, si è "rivelata un fallimento su tanti fronti".

Commenti

roberto zanella

Sab, 20/02/2016 - 21:00

meglio rimanere in una Europa riformata ?? ma quale Europa riformata ??? Cameron esci e rifonda questa la soluzione....

paolonardi

Sab, 20/02/2016 - 21:35

La mia speranza e' che questo inutile e dannoso carrozzone crolli sulla sua stessa dannosita'.

ernestorebolledo

Sab, 20/02/2016 - 22:29

con l'accordo gli europei non sono uguali , non sono uguali davanti alla legge

Lugar

Sab, 20/02/2016 - 22:31

Sono sempre stato un fautore dell'Europa ma non ho mai saputo dello stato economico disastroso dell'italia. Ora sono convinto che non dovevamo entrare e che per uscirne dobbiamo aspettare che l'Europa collassi.

Ritratto di iovotosalvini

iovotosalvini

Sab, 20/02/2016 - 23:23

Mi vien da dire: se se ne fottono loro ed escono dal trattato, con una moneta nazionale differente dal nostro sistema, la nostra speranza è quella di morire ammazzati x mano di Monti Bce, Renzi e la cricca Francia Germania...che brutta fine. Dignità e futuro zero in itaGlia.

capitanuncino

Dom, 21/02/2016 - 01:30

Da Europeo vorrei che la Gran Bretagna restasse con noi, ma se fossi Inglese voterei per uscirne....

vince50_19

Dom, 21/02/2016 - 07:02

Il massone Cameron, classe 1966, affiliato alla ur lodge Edmund Burke - analogamente a Blair - e alla ur lodge Geburah (come rileva il massone Magaldi), vuole addirittura avere più mano libera di Germania e Francia nella Ue? Praticamente vorrebbe una sorta di impunità, più o meno, rispetto agli altri stati membri Ue - dov'è finito l'egualitarismo fra gli stati fondatori, nel ce@@o di Bruxelles? - per poter fare l'interesse primario del Regno Unito e che "God Save the Queen" anche con il nostro sangue? Sono già "venuti" in casa nostra, sti massoni inglesi dei miei ... ai tempi di Garibaldi (anche lui affiliato alla massoneria "Gran Oriente di Palermo" 33° liv. del rito scozzese), cosa vogliono ancora? Ma David.. faccia il piacere di starsene a casa sua, si levi fuori dai cosi detti e che il suo Dio l'abbia in gloria! Oggi e sempre.

Iacobellig

Dom, 21/02/2016 - 08:43

SI STA CREANDO UN PRECEDENTE: CHI REAGISCE E PROTESTA OTTIENE L'AUTONOMIA! BELLO SCHIFO DI EUROPA UINITA! USCIRE SUBITO.

Keplero17

Dom, 21/02/2016 - 19:31

Comunque vada il Regno unito ha già vinto, poichè Cameron ha ottenuto forti limitazioni alla presenza di lavoratori europei, non migranti, cittadini della UE, in termini di assistenza sociale gratuita, l'esatto opposto di quanto avviene in Italia dove il nostro governo si occupa principalmente dei migranti (9 miliardi di euro costati). Si tratta evidentemente di bestie razziste nei confronti degli europei, secondo il linguaggio renziano. Ma si sa che Renzi si guarderebbe bene da parlare di razzismo inglese, più comodo offendere gli italiani che non la pensano come lui.