È morto a 79 anni lo scrittore israeliano Amos Oz

Lo scrittore israeliano è morto a 79 anni: era malato di cancro. Intellettuale e saggista, il suo capolavoro è il romanzo Una storia di amore e di tenebra

Il celebre scrittore israeliano Amos Oz, più severo con gli estremisti del suo Paese che con i terroristi palestinesi

Lo scrittore e saggista israeliano Amos Oz è morto all'età di 79 anni. Oz era malato di cancro.

Nato il 4 maggio 1939 a Gerusalemme, la sua infanzia fu segnata dal suicidio della madre Fania quando il piccolo Amos aveva solo 12 anni. Nell'adolescenza entrò in conflitto col padre: decise allora di andare a vivere in un kibbutz, le comunità di lavoratori associati presenti nello stato d'Israele, e di cambiare il cognome. Da Amos Klausner divenne Amos Oz, che in ebraico significa "forza".

Ha scritto 18 libri, tradotti in 45 lingue e diffusi in 47 Paesi. Il suo capolavoro è il romanzo autobiografico Una storia di amore e di tenebra, pubblicato nel 2002. In quest'opera Oz racconta in parallelo la storia della nascita dello Stato d'Israele e quella tormentata della sua famiglia. Lo scrittore ha ricevuto numerosi premi e onoreficenze, tra cui la Legion d'Onore francese, il Goethe Prize, il Premio Principe delle Asturie, l'Heinrich Heine Prize e l'Israel Prize, ma non ha mai vinto il premio Nobel per la letteratura.

Amos Oz si è sempre speso anche nel campo sociale e politico. Ha fatto parte del partito laburista israeliano ed è stato vicino all'ex presidente Shimon Peres. L'esperienza sotto le armi - prima con la leva obbligatoria, poi durante la Guerra dei Sei Giorni nel 1967 e quella dello Yom Kippur nel 1973 - l'aveva portato a essere un fautore del dialogo tra israeliani e palestinesi. È stato convinto sostenitore della soluzione dei due stati, Israele e Palestina.

La notizia della morte è stata data via Twitter dalla figlia maggiore, Fania Oz-Salzberger. "Grazie a chi lo ha amato", ha scritto la donna.

Commenti
Ritratto di Adriano Romaldi

Adriano Romaldi

Ven, 28/12/2018 - 17:14

Un saluto sincero ad una persona che si è spesa per il vero. Shalòm.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Ven, 28/12/2018 - 17:15

Un conciso profilo di tutto rispetto. Suppongo allineato ad Avraham Burg. Decisamente meritevole dell'esteso consenso dentro e fuori casa. Compreso il mio. - 17,15 - 28.12.2018

Ritratto di Giano

Giano

Ven, 28/12/2018 - 19:14

Un suo pensiero: "Ho una speranza ed una paura. La mia speranza è che la gente capisca che non può avere tutto ciò che desidera. La mia paura è che non lo capiscano." (Amos Oz)