Aereo abbattuto, gli Usa: "Sono stati i filorussi"

Le vittime del Boeing abbattuto sono 298, di cui 80 bambini. Trovate le scatole nere. Onu: ci sarà un'inchiesta internazionale

I servizi segreti americani non hanno dubbi: ad abbattere il Boeing malese in volo tra l'Olanda e Kuala Lumpur sarebbero stati i separatisti filorussi. La Nato non si pronuncia ma ribadisce la sua forte preoccupazione per gli armamenti pesanti sempre più sofisticati in mano ai filorussi. Fonti dell’Alleanza Atlantica non dicono esplicitamente se i separatisti abbiano o meno sistemi missilistici terra-aria in grado di abbattere un velivolo commerciale a 10mila metri di altezza. Tuttavia, ricordano che hanno in loro possesso apparecchiature sempre più sofisticate. Intanto la Russia tramite il ministro degli Esteri Sergei Lavrov dice di non voler prendere la scatola nera dell'aereo abbattuto: "Nonostante quello che Kiev sta dicendo, noi non vogliamo violare le norme internazionali vigenti per tali situazioni", ha detto Lavrov, chiedendo che la scatola nera venga consegnata agli esperti internazionali in arrivo sul posto. Intanto si apprende che il numero delle vittime della tragedia è salito da 295 a 298 perché in un primo momento non erano stati contati i bambini sotto i due anni, che sedevano in braccio ai genitori. In totale sono 80 i bambini che hanno perso la vita.

Il governo della Malesia invierà 62 specialisti nella regione di Donetsk, per indagare sulla tragica fine dell'aereo della Malaysia Airlines. Tra i membri del team, ha precisato il ministro, ci sono rappresentanti delle forze aeree malesi, esperti di aviazione e medici. IN arrivo anche trenta osservatori dell'Osce.

Il presidente russo Vladimir Putin chiede "un’inchiesta obiettiva" sulla tragedia. Lo ha reso noto il Cremlino, al termine di un colloquio con il premier olandese Mark Rutte. E la Russia insiste per allontanare ogni responsabilità: il sistema missilistico di difesa dell’esercito russo giovedì "non era operativo" nella zona in cui si è schiantato il Boeing. L'ha assicurato in una nota il ministero della Difesa di Mosca, negando il presunto coinvolgimento di mezzi militari russi. Allo stesso tempo il dicastero ha puntato il dito contro Kiev, riferendo che ieri "le radio russe hanno rilevato segnali di attività nei pressi della stazione radar di Kupol (vicino al luogo dell’incidente) che opera in connessione con il sistema missilistico ucraino dei Buk-M1".

Secondo il presidente ucraino Petro Poroshenko l’abbattimento dell'aereo dimostra che la crisi in corso nell’Ucraina Orientale mette a rischio la sicurezza internazionale. "Questa tragedia dimostra nuovamente che il terrorismo non è limitato entro i confini (dell’Ucraina, ndr), ma è un problema di tutto il mondo. L’aggressione esterna contro l’Ucraina non è un nostro problema, ma una minaccia per la sicurezza europea e globale", ha aggiunto Poroshenko, puntando l’indice contro i separatisti sostenuti dal governo russo. La Comunità internazionale ha reagito prontamente alla dichiarazione del presidente ucraino: il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha già indetto una seduta straordinaria per discutere del grave attentato. Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, si è detto allarmato per quelle che appaiono essere "informazioni numerose e credibili secondo cui un missile sofisticato terra-aria sia stato utilizzato" per abbattere l’aereo. Lo ha riferito il responsabile degli affari politici dell’Onu, Jeffrey Feltman.

Obama: inchiesta seria e indipendente

Il presidente americano Barack Obama sostiene che "ci sono prove che il Boeing 777 della Malaysia Airlines è stato abbattutto ieri da un aerea in controllo dei separatisti" russi. Parlando nel corso di una conferenza stampa alla Casa Bianca, Obama ha detto che "ci deve sessere un’indagine credibile condotta a livello internazionale, che per altro le Nazioni Uniti appoggiano. Le prove non devono essere compromesse". Dopo aver definito l'attentato un "oltraggio di proporzioni indicibili", ha proseguito:"Vogliamo che la verità venga fuori e vogliamo che la pace ritorni in ucraina. Tutte le parti devono aderire a un immediato cessate il fuoco". I separatisti ucraini filorussi, ha aggiunto Obama, hanno ricevuto un constante flusso di aiuti e sostegni dalla Russia incluso armamenti pesanti e sistemi anti-aerei.

Il presidente ha chiesto ai russi, ai separatisti e all’Ucraina di aderire a "un immediato cessate-il-fuoco" e ha chiesto "un’inchiesta internazionale su quanto è accaduto". Da parte sua gli Usa sono pronti a fornire ogni necessaria assistenza all’indagine e per questo personale dell’Fbi e della Ntsb (sicurezza aerea Usa) è diretto in Ucraina.

Obama ha poi escluso un ruolo militare statunitense nella crisi tra Russia, Ucraina e separatisti, un ruolo cioè che vada oltre il sostegno, peraltro già riaffermato, ai Paesi confinanti con la Russia membri delll’Alleanza Atlantica.

Il volo è pieno, famiglia salva per miracolo

Scampati alla morte grazie all’overbooking: una coppia inglese con il loro figlioletto di appena tre mesi non è salita sull’aereo precipitato perché, essendo pieno il velivolo, avrebbero imbarcato solo uno dei genitori con il bebè. La coppia voleva viaggiare assieme, quindi ha optato per il volo della sera della Klm, nonostante fosse cliente affezionata della Malaysia. La famiglia ora si sente miracolata: "Qualcuno ci ha benedetto", ha detto Barry Sim alla stampa olandese, raccontando di aver avuto un malore alla notizia dell’aereo precipitato che lui, la moglie e il figlio avevano evitato. Un altro scampato alla tragedia, sempre secondo quanto riporta la stampa locale, è il 29enne ciclista olandese Maarten de Jonge: voleva prendere il volo Malaysia ma per risparmiare 300 euro ha deciso di comprare quello della domenica.

Malaysia Airlines: l'aereo era a posto

Il vicepresidente della Malaysia Airlines in Europa, Huib Gorter, ha detto che il Boeing precipitato ieri in Ucraina aveva effettuato l’ultimo controllo l’11 luglio ed era risultato a posto. In una conferenza stampa all’aeroporto di Amsterdam, trasmessa in diretta dalla Bbc, Gorter ha aggiunto che se le condizioni di sicurezza lo consentiranno si cercherà di venire incontro al desiderio dei famigliari delle vittime che vorranno recarsi in Ucraina.

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 18/07/2014 - 16:15

come non credere agli USA? Sono palesemente stati i filorussi con le armi di distruzioni di massa di Saddam Hussein. Chiaro

diegom13

Ven, 18/07/2014 - 16:40

"I servizi segreti americani non hanno dubbi": veramente, la fonte anonima dei servizi USA che tutti stanni riprendendo (fonte originaria CNN) avrebbe detto "molto probabilmente", il che lascia evidentemente almeno uno spazietto al dubbio...

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 18/07/2014 - 16:42

Ovviamente sono spiacente per le vittime, tuttavia una cosa mi piacerebbe sapere. Chi deve acquistare il biglietto aereo ha modo di sapere quale sia il piano di volo? Vale a dire su quali nazioni l'aereo passerà o vicino alle quali passerà? A questo punto avere tutte le garanzie del caso, da una compagnia aerea, mi sembra dovuto.

CONDOR

Ven, 18/07/2014 - 17:02

certo come Saddam e Assad. Anche lì erano sicuri delle armi chimiche. nel primo caso non esistevano nel secondo erano i ribelli ad usarle. Erano sicuri in quei casi perchè avevano bisogno del motivo per la guerra. Con Assad però sono stati sputtanati prima che riuscissero a scatenarla. Ora staremo a vedere se almeno questa volta le loro certezze saranno confermate da prove. Ci saranno sicuramente i tracciati radar, le scatole nere e le analisi dei periti che certificheranno quanto capitato.

Invisibleman

Ven, 18/07/2014 - 17:20

abbattuto dagli americani per poi incolpare i filorussi e quindi avere una motivazione valida per la pubblica opinione mondiale che portera' ad una, secondo loro, "giusta" guerra contro la russia Con il benestare della stampa di casa nostra

buri

Ven, 18/07/2014 - 17:35

per gli americani, a prescindere di qualsiasi raggionamento sono stati i filorussi, questo si chiama imparzialità, non credo che dei miliziani abbiano le capacità tecniche ed i mezzi per abbattere un aereo che vola a 10.000 metri di altitudine, questa è roba da esercito regolare, e comunque torno a dire che i veri responsabili sono i dirigenti della compagnia aerea che per risparmiare tempo e denari mandano un loro velivolo a sorvolare una zona di guerra

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Ven, 18/07/2014 - 18:12

@(giò)condor: chieda un po' ai curdi ed agli iraniani se Saddam aveva le armi chimiche e se le usava...quelle che i "nostri", dopo l'invasione dell'Iraq, cercavano erano semmai armamenti nucleari clandestini e che non sono riusciti nemmeno a sotterrare di nascosto per poi dare trovarle "per caso" e dare la colpa a Saddam... pur avendo tempo ed un intero paese a disposizione appena invaso con un sacco di aree disabitate lontano da occhi indiscreti dove architettare tale facile messa in scena. Una tale incapacità di complotto davvero inspiegabile (sono ironico eh?) per chi avrebbe addirittura congegnato poco tempo prima un evento come il 11/9...

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Ven, 18/07/2014 - 18:19

@buri: premesso che in questo brutto mondo tutto è possibile e che non do ragione a nessuno per partito preso, le ricordo che i miliziani filo russi non sono soltanto un gruppo di eroici combattenti per la libertà, che fino ad ieri facevano la loro vita da civili e che hanno preso le armi per la patria, stile patrioti ottocenteschi, ma tra loro vi sono numerosi consiglieri militari russi, se non intere unità, travisate e ben addestrate, e che operano con tutti i loro armamenti e relative capacità operative.

grandeoceano

Ven, 18/07/2014 - 18:23

Dopo le torri gemelle, Piazza Maidan e mille altre ancora, altra strage "made in usa" per dare la colpa al cattivone di turno, questa volta i Russi.

gian paolo cardelli

Ven, 18/07/2014 - 18:35

Domandina ai "sono stati gli USA!": come sono riusciti ad abbatterlo, visto che di mezzi americani in zona in grado di farlo non ce n'era nemmeno l'ombra? ho voglia di sentire qualche altra stupidaggine tipo le "demolizioni controllate del WTC con la nanotermite": non negatemi questo bisogno, ve ne prego!

Mr Blonde

Ven, 18/07/2014 - 18:54

dagli slavi, siano essi russi o ucraini o zingari, mi aspetto di tutto, anche che venga abbattuto un aereo di civili per far ricadere la colpa su altri. Sempre che magari le motivazioni siano ancora più sconosciute e/o meschine

Ritratto di bracco

Anonimo (non verificato)

manente

Ven, 18/07/2014 - 23:46

Se si dovesse accertare che è vero quanto riferito ad alcune agenzie di stampa che dicono che l'obiettivo era l'aereo presidenziale di Putin che, di ritorno dal Sud America, si trovava in quell'area, le "accuse" di Obama sarebbero di una gravità senza limiti, degne del peggiore dei gangsters della Chicago degli anni 30, quelli che invitavano i nemici alle feste, per poi farli uccidere da un sicario che veniva fuori dalla torta. Ovviamente anche quegli assassini addossavano la colpa agli altri, arrivando a dire che i cadaveri crivellati, erano morti di vecchiaia ! Di fronte ad un Paese che si crede in diritto di assassinare gli avversari politici, sia esterni che interni, come i due Kennedy più altri tre o quatto dei loro stessi presidenti, c'è da aspettarsi di tutto. Accettare che il mondo venga governato da criminali di questa portata, equivale ad accettare la fine della civiltà.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Sab, 19/07/2014 - 04:22

So chi è stato, basta usare la testa. A chi giova la tragedia? ma agli israeliani per distrarre l'attenzione pubblica dal massacro dei poveri palestinesi buonini buonini. E' stato il Mossad con la complicità degli yankee. Allora, sono o non sono un geniaccio de sinistra?

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 19/07/2014 - 09:08

Right o wrong is my Country, ma quando alla Casa Bianca c'erano i repubblicani, tutti 'sti casini non c'erano. Anche grazie al mediatore Berlusconi che faceva nascere l'amicizia tra Bush e Putini. Ora, Vladimir è ancora lì. Buerlu, per esserci c'è. L'unica variabile impazzita è quella afro-polinesiana. Ergo, aspettiamo le prossime elezioni per l'America. Forse alla sequela del Napolitano, anche quel fenomeno di Obama pretenda la presidenza a vita, in forza del bunga-bunga elettorale "Yes we can"...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 19/07/2014 - 12:10

gian paolo cardelli - lei ha la mentalità dello schiavo. Ci si rivoltoli

angelomaria

Ven, 24/10/2014 - 18:59

C'E LATELEFONATA DI CHI HA SPARATO IL RAZZO A MITARI RUSSI DI CUI DI QUELLO IN QUESTIONE NO SONO IN GRADO DI DIRNE IL TITOLO DIMENTICO MA NON INVENTO!!!

angelomaria

Ven, 24/10/2014 - 19:00

E ODIO IKOMUNISTI MA NON STRAVEDO PER GLI U.S.A.