Aereo caduto, l'ombra del terrorismo: "L'esplosione in volo esclude l'avaria"

L'Airbus 321 precipitato del Sinai si è spezzato in volo. L'equipaggio non aveva inviato alcun messaggio per indicare che, prima di schiantarsi, vi fossero problemi all’aereo. Indizi che escluderebbero l'ipotesi di un'avaria avvallando l'ipotesi del terrorismo

L'Airbus A321-200 della Kogalymavia Airlines, precipitato nel Sinai uccidendo tutte le 224 persone a bordo, si è spezzato in volo. L'esplosione in volo non solo esclude l'ipotesi di una avaria, ma apre la strada all'ipotesi dell'attentato. Anche se l’ipotesi al momento viene considerata improbabile, sembra sempre più accreditare la rivendicazione dei tagliagole dello Stato islamico che si erano vantati di aver abbattuto l'aereo. In realtà, secondo i principali servizi d'intelligence, sarebbe più probabile una bomba esplosa a bordo.

Secondo la compagnia russa Metrojet, il fatto che l'Airbus 321 si sia spezzato in volo, come riferito dopo l’esame della scatola nera, esclude che la causa possa essere stata un’avaria o un errore umano e lascia aperta come spiegazione solo quella di "azioni fisiche o meccaniche". Non solo. La Metrojet ha anche confermato che l’equipaggio non aveva inviato alcun messaggio per indicare che vi fossero problemi all’aereo, prima di schiantarsi. Sebbene gli esperti che, con grande prudenza in attesa dei risultati dell’esame delle due scatole nere, si siano espressi in queste ore a favore di un cedimento strutturale dell’Airbus, seguito da una violenta depressurizzazione che avrebbe fatto precipitare improvvisamente l’aereo, i principali servizi di intelligence mondiale propendono sempre di più per un attentato. Due le ipotesi sul tavolo: una bomba nella stiva o un corto circuito che ha provocato un incendio e spento i motori. Il sito AirLive.net ricorda che il pilota del volo 9268 di Kogalymavia aveva espresso una serie di dubbi sulle condizioni meccaniche dell’Airbus in questione, parlando con la moglie. "Per queste ragioni - precisa AirLive.net - appare altamente improbabile che l’aereo sia stato abbattuto da un’organizzazione terroristica". Ma, secondo un funzionario dei servizi di terra egiziana che, insieme a due ispettori russi, ha effettuato una ispezione pre-volo dell’aereo, l’Airbus appariva in buone condizioni.

Più passano le ore più si fa strada l'ipotesi dell'attanto. Il primo a parlarne è stato Michael Clarke, direttore del Royal United Services Institute. Che ha preso in considerazione l’ipotesi"non di un collasso meccanico, ma piuttosto di un’esplosione a bordo". Anche il Cremlino ammette che quella di un attentato terroristico non è un'ipotesi così remota. "In questo momento - ha spiegato il portavoce di Putin, Dmitri Peskov - non si può escludere nessuna ipotesi". Nemmeno il direttore della National Intelligence Usa, James Clapper, ha escluso un atto di terrorismo.

Commenti
Ritratto di Franco_I

Franco_I

Lun, 02/11/2015 - 11:30

Tornare da una vacanza......e morire per mano di PAZZI senza un Dio. PUTIN non è RENZI, mi aspetto qualcosa che rimarrà alla Storia!!

Mechwarrior

Lun, 02/11/2015 - 11:36

Basta andare in vacanza nei paesi arabi!

mauriziosorrentino

Lun, 02/11/2015 - 11:42

Esiste un video fatto da terra sull'aereo che precipita diffuso da chi si attribuisce l'attentato,se risulterà vero bisogna che chi si è piazzato con teleobbiettivo a filmare sapeva che l'aereo sarebbe esploso ...quindi bomba a orologeria.

giovanni951

Lun, 02/11/2015 - 11:50

mi sembra impossibile che non si possa stabilire con certezza se è stato abbattuto da un missile o se è stata una avaria.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Lun, 02/11/2015 - 11:55

C'era forse qualche dubbio in proposito? L'Occidente dorme della grossa, ma Allah è sempre al bar.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 02/11/2015 - 11:59

Lavoro sporco e criminale di servizi segreti. Scegliete voi... Turchia, USA, sauditi, qatar, Sion... uno di questi. Probabilmente stavolta Sion non c'entra.

Ritratto di Sniper

Sniper

Lun, 02/11/2015 - 12:01

Come ho scritto immediatamente dopo che la notizia si era diffusa: "Sono piu` o meno gli stessi tempi dell'attentato di Lockerbie, con la bomba che viene detonata ad una certa altitudine". Un chiaro avvertimento a Putin...

linoalo1

Lun, 02/11/2015 - 12:05

Ormai,non c'è più sicurezza nei cieli!!!Ovunque si voli,sotto c'è,quasi sempre,una guerra in corso e,di conseguenza,la possibilità di essere abattuti anche per sbaglio!!

Cheyenne

Lun, 02/11/2015 - 12:08

Vero o falso l'accaduto dimostra la pericolosità anche mediatica dell'isis e l'insipienza dell'occidente. Dicono che nel sinai ci siano 600 terroristi e 30.000 soldati egiziani ben armati. Mi pare strano che il sinai sia praticamente in preda all'anarchia

Mr Blonde

Lun, 02/11/2015 - 12:09

Franco_I perchè ne hanno abbattuto anche uno dell'alitalia?

java

Lun, 02/11/2015 - 12:18

purtroppo i russi (parlo per esperienza) non si fanno problemi morali e materiali ad andare in egitto o altri paesi mussulmani nonostante i numerosi attentati e pericoli e nonostante gli attentati islamici nel loro stesso paese. Forse perche' lo sanno tutti Sharm e' a buon mercato e lo e' ancora di piu' ora dopo gli attentati. Non si dovrebbe piu' andare in quei paesi.

gigetto50

Lun, 02/11/2015 - 12:28

....se fosse stato missile, nel filmato ISIS si vedrebbe la scia dello stesso prima di impattare sull'are, cosa che non risulta, almeno per quanto si puo' constatare. Giusto?

Ritratto di Franco_I

Franco_I

Lun, 02/11/2015 - 12:31

@Mr.Blonde: riferimento Politico di fermezza nelle decisioni e attributi ampi per prendere DECISIONI. A Lei sembra che siamo all'altezza???

__analisiCritica__

Lun, 02/11/2015 - 12:35

Si narra che il giovane e impetuoso principe saudita, in un incontro del 2013, minacciò Putin di non intervenire in Siria in difesa del governo legittimo, pena attentati terroristici ai giochi di Sochi, e sembra che Vladimir si adirò non poco per tale spregiudicatezza. Ora, se questo aereo ha subito davvero un attentato all'indomani dell'intervento russo in Siria, penso che dalle parti del Cremlino non si faranno troppe domande sui mandanti. Non a caso circola anche un'altra voce, ovvero che in caso di conflitto mondiale il primo obiettivo della Russia sia già stato fissato da tempo nell'Arabia Saudita. Questi arabi scherzano col fuoco, prima o poi rimarranno scottati, o addirittura evaporati, chi può dirlo?

Ritratto di viperainseno

viperainseno

Lun, 02/11/2015 - 12:50

a noi dicono quello che vogliono... ci lasciano fare supposizioni le piu' varie, ma loro sanno benissimo cosa è accaduto e per mano di chi. PUTIN COMPRESO!!! A BREVE MI ATTENDO NOVITA'...IMPORTANTI E GRAVI!!!

roberto zanella

Lun, 02/11/2015 - 14:48

...qualcuno del personale che carica i bagagli nella stiva avrà messo una bomba con timer...è il momento in cui non ci sono controlli magari un paio in accordo...gente di manovalanza ....

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Lun, 02/11/2015 - 14:48

Non ci vuole mica tanto per capire l'origine dell'esplosione. Aereo RUSSO partito dall'Egitto, paese con maggioranza relativa dei fratelli musulmani, portati al governo dalla primavera araba e poi fatti fuori con un colpo di Stato (grazie Hillary, grazie Obama per destabilizzare il mediterraneo). Nell'aeroporto piazzare una bomba nell'aereo è così difficile con tale hunus? Ai fratelli non girava che i russi bombardino in Siria, tutto lì.

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Lun, 02/11/2015 - 14:50

Da subito ho ritenuto il terrorismo la causa del disastro. In tale plausibilissima evenienza, (anche se l'ex membro del KGB mai mi è piaciuto come comunista), conoscendone lo "stile" auspico che faccia cento volte tanto nei territori popolati da queste canaglie. Perirebbero anche bimbi, vecchi, giovani e donne ma, sull'aereo, c'era altrettanto, TURISTI E NON BANDITI DELLA JIAHD ISLAMICA!

baio57

Lun, 02/11/2015 - 15:44

Sto leggendo le tesi più disparate ..... Raaaooouulll a quando la tua versione inequivocabile ??

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 02/11/2015 - 18:07

In considerazione che anche quelli di ISIS confermano d'aver loro fatto l'attentato, la Russia dovrà dare la caccia a tutta questa accozzaglia di criminali e distruggerli tutti ad uno ad uno secondo il metodo Russo. Non ci dovrebbero essere alternative plausibili ad una fantasmagorica distruzione totale di questi assassini.

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 02/11/2015 - 18:09

Renzi non può essere confrontato con Putin nemmeno per scherzo. Tra i due ci sono distanze intergalattiche. Stesso ragionamento Vale per confronti tra Putin ed Obama un'altra nullità immane.

Ritratto di welschtirol

welschtirol

Lun, 02/11/2015 - 18:22

Se risultasse vera l'ipotesi dell'attento da parte dell'ISIS, spero abbiamo valutato i pro ed i contro. I Russi e Putin non sono come noi (due anni i marò in India senza veder ancora la fine), non sono politicizzati, passano direttamente ai fatti.

esse50

Lun, 02/11/2015 - 20:09

Sono arrivato dall'Egitto 15 GG. fa e vi posso confermare che sia all' aeroporto di Luxor che quello del Cairo mi sono imbarcato con una bottiglietta da mezzo litro di acqua che avevo scordato nello zainetto , bagaglio a mano.Quindi non mi stupisco che sia stato facile forse aver portato una bomba a bordo.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 03/11/2015 - 00:17

C'è solo una soluzione purtroppo. Bisogna affrontare l'ISIS con truppe di terra e interrompere le relazioni diplomatiche con quegli stati arabi che sostengono questi maledetti assassini.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Mar, 03/11/2015 - 03:39

E' stato sicuramente il Mossad israeliano, per dare un segnale a Putin. Solo loro saprebbero come fare e chi si è piazzato con tele-obbiettivo a filmare sapeva che l'aereo sarebbe esploso ... quindi bomba a orologeria messa in stiva dagli uomini del Mossad. L'ISIS e' una bufala, mercenari forse islamici pagati e addestrati da IL, USA, UK e Arabia Saudita.

linoalo1

Mar, 03/11/2015 - 08:25

Ormai,sembra molto più che un'ipotesi!!!!

Ritratto di drazen

drazen

Mar, 03/11/2015 - 10:55

Proprio come a Ustica, anche se non si è voluto ammettere che fu una bomba messa a Bologna.