Armi chimiche in Siria? La prova che scagiona Assad

Gli esperti dell'Onu hanno scoperto che i ribelli o i miliziani dell'Isis hanno usato armi chimiche durante la battaglia di Marea

Le armi chimiche sono state usate in Siria, ma non da Assad. Gli esperti hanno infatti confermato per la prima volta che in Siria, nei combattimenti tra l’Isis e le altre fazioni islamiste, sono state utilizzate le armi chimiche, in particolare l’iprite. Il gas è stato utilizzato a Marea, una città della provincia di Aleppo il 21 agosto scorso.

L’inquietante conferma ufficiale a timori che erano serpeggianti arriva da un documento ancora riservato dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac). È legittimo chiedersi ora come gli islamisti siano entrati ni possesso del materiale: la Siria dovrebbe aver completato un anno e mezzo fa la consegna del suo arsenale chimico perchè il regime di Damasco ha accettato di distruggere le sue scorte.

Il rapporto non menziona esplicitamente l’Isis, anche perchè il mandato degli inquirenti non era di additare responsabilità; ma fonti diplomatiche confermano che la sostanza chimica è stata utilizzata negli scontri tra Isis e un altro gruppo ribelle.

"Ci si chiede da dove dove sia arrivato il gas mostarda: l’Isis forse è in grado di produrlo oppure l’iprite proviene da fonti non dichiarate. Entrambe le opzioni sono molto allarmanti", osserva una fonte diplomatica che vuole rimanere anonima all’Aja. Secondo il rapporto Opac, "con massima certezza almeno due persone sono state esposte"nel comune di Marea, a nord di Aleppo, il 21 agosto. "È molto probabile che gli effetti abbiano provocato la morte di un bambino".

Il documento, che sarà presentato entro la fine di novembre al segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, aggiunge una conferma ulteriore al timore che l’Isis abbia ottenuto, e stia usando, le armi chimiche in Iraq e Siria. Secondo le autorità curde, i miliziani dell’Isis hanno sparato colpi di mortaio contenente contro i peshmerga durante gli scontri avvenuti nel nord dell’Iraq ad inizio agosto: i campioni di sangue prelevati da 35 combattenti curdi, rimasti esposti all’attacco ad Erbil, contenevano tracce di iprite.

Commenti

Lepanto71

Ven, 06/11/2015 - 11:33

Chissà perché gli Usa vanno sempre a cercare le armi chimiche dove non ci sono. Sta a vedere che a fornire gli aggressivi chimici ai molto democratici(sic!) delle primavere arabe e ai terroristi dell'Isis sono gli Usa di Barak Hussein Obama (molto Hussein!).

Cheyenne

Ven, 06/11/2015 - 11:38

sbagliato!!! ALT FASCISTI. Il politicamente corretto vuole, anche se non è vero, che a gasare sia stato il cattivone assad

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 06/11/2015 - 13:42

Invece le armi chimiche erano da usare opportunamente a Palmira per salvare i monumenti demoliti dagli islam-obamisti.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 06/11/2015 - 13:43

E come la mettiamo con le calunnie di Obama contro Assad di Siria?

Ritratto di Gios'',,40.

Gios'',,40.

Ven, 06/11/2015 - 15:30

PIU avanziamo é piú mi convingo che obama é uno dell'isis mascherato perche allora a fatto fuori tutti i moderati ,del nord Africa pur essendo dittatori la nei paesi islamici non é possibile altrimenti tutti lo sanno, non si possono fare votazioni con bestie feroci. Obama sta imbrogliando tutti. Voi che dite. Saluti