La BBC, il gas dei terroristi e la reazione di Trump

Un articolo della Bbc del 3 marzo sembra confermare l'ipotesi che a detenere le armi chimiche fossero i terroristi

Sulle armi chimiche presenti in Siria, la BBC aveva già dato delle avvisaglie circa un mese prima del raid aereo di Damasco su Khan Sheikhoun, paese a nord-ovest di Idlib.

Infatti, in data 3 marzo, in un articolo dove si parlava dell’uso di armi chimiche a Mosul, la BBC scriveva che la fabbricazione di armi chimiche da parte di Daesh e costellazione qaedista era stata più volte segnalata dalle autorità militari e l’utilizzo delle stesse confermato a più riprese da parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Non ultimo il lancio di bombe contenenti i cosiddetti gas mostarda verso truppe americane stanziate nella base aerea di Qayyarah vicino la stessa Musul. Inoltre, durante un’intervista a al-Mayadeen TV(precedente ai bombardamenti a Khan Sheikhoun), il vice-ministro degli esteri siriano, FaIsal Mikdad, ha dichiarato che già da tempo aveva allertato l’OPCW (acronimo di Organization for the Prohibition of Chemical Weapons) del fatto che gruppi legati alla galassia jihadista erano in possesso di armi chimiche. La zona soggetta al bombardamento è, per l’appunto, sotto il controllo dei qaedisti di Fatah al Sham, coadiuvati da organizzazioni quali Uossm e i White Helmets (la prima è una ong che si occupa di assistenza medica in situazioni di crisi, i secondi sono la “protezione civile” dei ribelli siriani).

Il contenuto dell’articolo della BBC rafforzerebbe quanto sostenuto da Mosca e Damasco circa gli eventi dello scorso 5 aprile: che i raid aerei siriani contro i ribelli qaedisti hanno colpito un deposito adibito allo stoccaggio e fabbricazione di colpi da mortaio con ogive chimiche (già utilizzati in diversi scenari in Siria, tra l’altro). Il sarin o gas nervino è facilmente sintetizzabile tramite processo di transesterificazione, dunque il suo possesso non è esclusivo di nessuna élite militare tecnologicamente avanzata. Non solo questo elemento: anche il fatto che la Siria avesse già consegnato il suo arsenale chimico è un indizio che i giornali hanno subito dimenticato di considerare, soprattutto quelli nostrani che per settimane hanno imbastito polemiche circa l’attracco della nave con le armi chimiche siriane al porto di Gioia Tauro. Non ultima la spiegazione razionale e quella strategico-militare: non ha alcun senso utilizzare delle armi proibite proprio nel momento in cui si sta vincendo la guerra e non ha senso (sotto)utilizzarle per causare un così esiguo numero di morti. Come molti hanno già detto, un tale comportamento sarebbe stato, per Assad come spararsi su un piede. Certo è che se i vertici militari siriani sapevano in anticipo che in quel sito si fabbricavano armi chimiche e hanno comunque avviato un bombardamento aereo è stato un po’ come spararsi se non sul piede, per lo meno sull’alluce.

Quanto è avvenuto ha suscitato la reazione unilaterale di Trump che consultando solo i suoi più stretti collaboratori ha lanciato 59 missili da crociera Tomahawk (di cui solo 23 hanno colpito il bersaglio) come rappresaglia verso la base aerea di Shayrat (Homs); Washington ha avvisato preventivamente sia Assad che Putin che hanno così avuto l’opportunità di evacuare la base aerea salvando il salvabile. Il presidente russo, condannando l’irresponsabilità dell’azione statunitense, ha chiesto una convocazione d’urgenza del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite in quanto questo atto rappresenta un’aggressione contro un altro stato membro. Dall’altro lato della barricata l’azione ha avuto la compiacenza di Italia e Germania e l’appoggio non solo di Gran Bretagna e Francia ma anche di Arabia Saudita, Turchia e Israele, con cui pare che il Segretario di Stato Rex Tillerson stia creando un’altra coalizione di volenterosi per porre fine alla guerra civile siriana (un indizio in questo senso è sicuramente il fatto che alcuni Paesi hanno convocato i propri Consigli Supremi di Sicurezza, benché per l’Italia fosse già previsto da lunedì). Un altro attore che ovviamente plaude all’azione americana è il Daesh che si prepara a una offensiva verso Homs proprio partendo da quella zona.

Il bombardamento della USS Ross e della USS Porter rientra nell’ambito delle “azioni dimostrative” in quanto i danni arrecati sono limitati a una parte della base aerea (è rimasta intatta una pista e qualche hangar). Infatti, per compromettere in maniera decisiva l’apparato bellico siriano è necessario un numero di missili almeno cinque volte più alto di quello impiegato. L’episodio, come ha già dichiarato il ministro degli Esteri, Sergei Lavrov, ricorda molto l’inizio della guerra in Iraq ma con una situazione sul campo radicalmente diversa in quanto intervenire in Siria vorrebbe dire pestare i piedi a Russia e Iran.

Quanto dimostrato dall’attacco statunitense è che il suo neo-presidente è stato quasi del tutto divorato dai falchi del suo partito che hanno prima allontanato Flynn facendo leva sui suoi contatti con i diplomatici russi e poi hanno forzato la mano sul recupero della situazione mediorientale in sostegno agli alleati storici: il dichiarato disimpegno americano nel Medio Oriente era già evidentemente incompatibile con il rinnovato rapporto tra Washington e Gerusalemme e con l’inimicizia tra USA e Iran. Inoltre, le critiche mosse dal 2013 alla vigilia del 2017 all’indecisionismo di Obama su questo quadrante hanno rappresentato un notevole condizionamento psicologico per Trump che ha voluto mostrare la sua propensione al decisionismo; il tutto, unito allo scetticismo verso la NATO, si è tradotto nel classico unilateralismo repubblicano. Un intervento che era nell’aria già da tempo dati i toni che Trump ha assunto dall’estromissione di Flynn in poi e fonti russe ci dicono che fosse addirittura già programmato da tempo; non resta che sperare che Lavrov abbia torto e che si crei una controparte valida e autorevole al cospetto del rinnovato unilateralismo americano che non sia la capacità militare di Putin, che nonostante i rinforzi già in volo per la Siria non riuscirebbe comunque ad avere ragione della potenza militare americana.

Marcello Ciola
Analista Associato, Think Tank il Nodo di Gordio e Vice-Direttore di Mediterranean Affairs

Commenti
Ritratto di nonmollare

nonmollare

Sab, 08/04/2017 - 16:33

Penso di poter riproporre il mio commento al direttore Sallusti…e non dimentichiamo che aveva a cena il cinese Xi quindi nuora, suocera e parenti alla lontana. In più, ha fatto vedere di avere buona mira “scansando” la pista di decollo e tutto quanto di importante in un aeroporto (torre, radar palizzane alloggi etc). Ed ancora, se è vero com’è vero che quella li è la base da dove sono partiti gli aerei con le bombe chimiche (come hanno giurato i servizi di intelligence USA), allora anche i russi che li ci abitano ne erano a conoscenza...ma li di bombe chimiche non ce n’erano!!!! E allora: ..segue 1di2

Ritratto di nonmollare

nonmollare

Sab, 08/04/2017 - 16:33

2 di 2 e allora il buon Donald con 59 fave ho preso molti ma molti di più di 2 piccioni. 1) ha mostrato di saper sparare per primo con buona mira; 2) ha sparigliato il tavolo facendo felici gli idioti alla McCain/badoglio; 3) ....scommettiamo che tra 3-6 mesi quando sarà certificato che il gas non era nelle bombe di Assad ma già sul posto nei magazzini degli Elmetti Bianchi, il nostro Donald farà secchi i “suoi” vertici dell’intelligence che gli hanno (loro si ) giurato il falso? Appuntamento a 3-6 mesi. Grazie

Ritratto di Riky65

Riky65

Sab, 08/04/2017 - 16:36

Mi sembra una analisi più soddisfacente di tante altre che allarga gli orizzonti non solo puntando tutto sulle verità così frettolosamente spacciate per vere.

VittorioMar

Sab, 08/04/2017 - 17:26

...piano piano emergono le "BUGIE" delle ONG....!!

Ritratto di Svevus

Svevus

Sab, 08/04/2017 - 18:43

Le armi chimiche erano certamente di Daesh/alQaeda contrariamente a quanto affermato dai presstitutes dell' alleanza USA-Israel-aRabbia Saudita-euRocolonie. Esse con l' amplificazione mediatica servono strategicamente a ciascuna delle colonie atlanto-mediterranee per servire meglio l' imPero.

Tobi

Sab, 08/04/2017 - 21:50

nonmollare, speriamo che il suo ottimismo sia fondato. Non so se i danni alla base aerea di Qayyarah siano effettivamente lievi, comunque quella era una base utile a contrastare le incursioni degli aerei israeliani. Quindi il bombardamento può darsi che sia stato un regalo a Netanyahu. Oltre a primo ministro israeliano, sorge c'è da sospettare che faccia anche il capo delle forze armate USA.

nunavut

Sab, 08/04/2017 - 23:31

@nonmollare il suo ragionamento non é così sballato tutt'altro.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 09/04/2017 - 08:33

1/2 "Userei una certa cautela nell'affermare che nell'attacco chimico avvenuto oggi in Siria è stato utilizzato il gas Sarin". Ad affermarlo, l'esperto di armi chimiche Matteo Guidotti, dell'Istituto di Scienze e Tecnologie molecolari del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Istm-Cnr). "Ho già visto in passato immagini e video di persone colpite con il Sarin e i segni erano molto più evidenti - spiega Guidotti -: i corpi sono madidi di sudore, lacrime, saliva ma soprattutto escrementi. I soggetti intossicati generalmente vengono colpiti da fortissime convulsioni. E dai video diffusi localmente non si vede tutto questo".

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Dom, 09/04/2017 - 08:34

2/2 "Ma i dubbi maggiori vengono - dice ancora il ricercatore - dalla disinvoltura con cui gli operatori sanitari maneggiano i corpi delle vittime. Molti sono senza guanti e non indossano neanche le mascherine. C'è una serie di protocolli da rispettare per evitare che anche i soccorritori vengano contaminati dall'agente tossico. "Il fatto è che è in atto una guerra di immagini con cui si fa propaganda - aggiunto - per cui bisogna avere molta cautela. Basti pensare all'effetto mediatico che un attacco chimico può avere rispetto a un attacco normale.