Bimbo di sei anni picchia e uccide sorellina neonata

È accaduto in Florida, la mamma aveva lasciato i tre figli in auto per andare ad aggiustare il cellulare. Ora lei è sotto processo

Un bimbo di sei anni ha ucciso la sorellina di appena tredici giorni mentre la mamma, una 62enne, li aveva lasciati in macchina per qualche minuto insieme con un altro fratellino di tre anni, giusto il tempo di andare ad aggiustare il cellulare. Solo che si sarebbe intrattenuta troppo, forse addirittura un’ora, e la tragedia ha avuto tutto il tempo per maturare e consumarsi.

Il tragico episodio s’è consumato a Fort Lauderdale in Florida, negli Stati Uniti. Secondo la ricostruzione degli investigatori, il bambino ha picchiato la sorellina perché aveva cominciato a piangere e, secondo lui, pestandola l’avrebbe indotta a smettere.

Secondo quanto riporta l’Associated Press, citando la conferenza stampa dello sceriffo Bob Gualtieri, il bimbo avrebbe sballottato la sorellina “come se fosse stata una bambola di pezza”, e, come racconta il Tampa Times, “la piccola aveva numerose ferite, il suo viso era tumefatto, il cranio era fracassato”.

Dopo aver scoperto i fatti, la mamma non avrebbe chiamato il 911, il numero d’emergenza negli Stati Uniti, ma si sarebbe limitata a chiedere aiuto a una vicina di casa, infermiera, che non ha potuto far altro che constatarne il decesso e contattare lei i soccorsi.

Il bimbo non sarà sottoposto a nessun procedimento penale. Ma la madre è sotto accusa per infanticidio.

La signora aveva avuto il suo quarto d’ora di celebrità quando, qualche anno fa, aveva partecipato alla trasmissione americana dedicata alle donne in gravidanza dopo i 55 anni. Aveva preso parte al reality insieme al marito che, nel frattempo, era morto di cancro.

La donna deve adesso affrontare un duro processo per stabilire responsabilità nel fatto che ha commosso e indignato il sud degli Stati Uniti.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Sab, 13/08/2016 - 13:38

62 anni,il marito premorto da qualche anno ed ha una neonata di 13 giorni...

Linucs

Sab, 13/08/2016 - 13:54

Figlia: 13 giorni. Madre: 62 anni. Madre natura: salvaci tu.

Ritratto di Giano

Giano

Sab, 13/08/2016 - 14:55

Ormai questi casi di abbandono di bambini in auto sono all'ordine del giorno. I bambini sono diventati come pacchi, ombrelli o borse della spesa. Prestano più attenzione al cellulare che ai figli. Non vi sembra che ci sia qualcosa di strano? Ripeto quello che dico da anni. C'è qualcosa che sta modificando le nostre facoltà mentali, senza che ce ne rendiamo conto. Sarà l'inquinamento dell'aria, dell'acqua, del pianeta, saranno gli additivi tossici che ingurgitiamo con gli alimenti industriali, saranno le polveri sottili, sarà l'eccesso di informazioni e messaggi mediatici che generano stress e mandano il cervello in sovraccarico, sarà l'eccesso di spettacoli violenti e di cronaca nera che creano assuefazione al male e inibiscono gli istinti naturali, compreso l'istinto materno, sarà quel che sarà. Il fatto è che la gente sta impazzendo, ma non se ne rende conto.

Ritratto di mbferno

mbferno

Sab, 13/08/2016 - 15:49

Giano ha gia' detto tutto,pertanto non ho nulla da aggiungere

blackbird

Sab, 13/08/2016 - 17:51

Ma se la povera vedova aveva il cellulare rotto, lo doveva pur far riparare. Come poteva gestire i tre figli? Forse avrebbe dovuto lasciare il più grandicello (o i più piccolini) alle cure dei nonni... O forse le così dette "società avanzate" dovrebbero essere più rispettose delle leggi naturali e impedire che una donna di 62 anni metta al mondo un figlio di un padre deceduto! Una 27enne avrebbe retto i tre marmocchi, senza tanti problemi. A 62 anni si è nonni, bisnonni, addirittura, non è più età per generare pargoli.

antipifferaio

Dom, 14/08/2016 - 09:52

Non sono d'accordo sul fatto che il bambino di 6 anni non venga sottoposto almeno un procedimento penale. Personalmente l'avrei almeno "condannato" a visita di controllo psichiatrica una volta al mese fino a 18 anni e tenuto sotto osservazione periodicamente gni 6 mesi per tutta la vita...e al primo sgarro...in galera!!!

Nerone2

Dom, 14/08/2016 - 10:09

Bisogna vedere se i fatti sono realmente andati in questo modo... se non e' stata addirittura la madre ad infierire contro la neonata.... "Ma la madre è sotto accusa per infanticidio." ... Giano comunque con il suo commento ha presentato il tipo di societa' in cui viviamo... una societa' monezza!

routier

Lun, 15/08/2016 - 17:28

Vedova da tempo, 62 anni, tre figli piccoli di cui una di tredici giorni. E' il quadretto di una società in disfacimento. "GLI STATI UNITI SONO L'UNICO PAESE CHE E' PASSATO DIRETTAMENTE DALLO STATO DI BARBARIE A QUELLO DELLA DECADENZA, SALTANDO A PIE' PARI LA FASE DELLA CIVILTA' (George Clemenceau)