Bombardato un altro ospedale in Siria: tredici morti a Idlib

Completamente distrutta la struttura. Tra i morti ci sono anche cinque bambini

Un altro ospedale in Siria è finito sotto le bombe. Una struttura sostenuta da Medici senza frontiere nell'area di Idlib, che serviva almeo 70mila persone a Millis, è stata completamente distrutta in un bombardamento aereo avvenuto sabato.

Nel raid sono morti quattro membri dello stap e altre nove persone. Tra le vittime ci sono cinque bambini e due donne, che hanno perso la vita negli attacchi che hanno preso di mira direttamente la struttura o in quelli sugli edifici nelle immediate vicinanze.

Nel bombardamento sono rimasti feriti altri sei membri dello staff ospedaliero. L'ospedale, ridotto praticamente in macerie, ha chiuso dopo i raid aerei. Distrutte anche la sala operatoria, la terapia intensiva, la pediatra e l'80% dei dispositivi medici.

"Come medici umanitari continueremo a fare tutto il possibile per migliorare l'assistenza medica in Siria - scrive Medici senza frontiere in un comunicato su quanto accaduto -, ma abbiamo bisogno di vedere la fine immediata agli attacchi sugli ospedali".

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Lun, 08/08/2016 - 19:42

Basta non dare ricovero a quelli del daesh ed ai "ribelli moderati"!

Massimo25

Mar, 09/08/2016 - 08:54

Le anatre ricominciano a starnazzare..sui bombardamenti usa sulla sirte nessun danno collaterali come tecnicamente gli americani chiamano le stragi che fanno in giorno erp questo pianeta???fate schifo.