Brasile, Lula torna in libertà

La giustizia federale di Paranà ha autorizzato la scarcerazione dell'ex presidente brasiliano, Inacio Lula da Silva, che scontava, dall'aprile del 2018, una condanna di 8 anni e 10 mesi per corruzione

In Brasile, la giustizia federale di Paranà ha autorizzato la scarcerazione dell'ex presidente brasiliano, Inacio Lula da Silva, che scontava, dall'aprile del 2018, una condanna di 8 anni e 10 mesi per corruzione. La sentenza segue la decisione della Corte Suprema, che ha deciso di eliminare la norma che impone il carcere ai condannati se questi perdono il primo ricorso in appello, stabilendo che le manette non possono scattare prima che siano stati espressi tutti i gradi di giudizio.

L'ex presidente brasiliano è uscito dopo 19 mesi di reclusione.

La prima cosa che Luiz Inacio Lula ha detto di voler fare, uscito dal carcere, è risposarsi. Ancora amatissimo dai brasiliani, Lula, 73 anni, lo aveva fatto sapere a maggio scorso, quando era ancora lontana la sentenza della Corte Suprema che stabilisce l'indispensabilità di tutti i gradi di giudizio per poter tenere un uomo in prigione. "È innamorato, e la prima cosa che ha intenzione di fare è sposarsi", aveva scritto su Facebook Luiz Carlos Bresser-Pereira, suo ex ministro, che lo andò a trovare nel penitenziario di Curitiba. La futura sposa sarebbe, secondo quanto riporta il settimanale online Epoca, Rosangela da Silva, sociologa 40 enne, quasi la stessa età di Maria Leticia, la 43enne che Lula portò per prima sull'altare e che morì nel febbraio del 2017.

L'ex presidente brasiliano è oggi una icona della sinistra nel Paese guidato da Jair Bolsonaro, e forse l'uomo più temuto dall'attuale capo dello Stato. Le due condanne per corruzione e riciclaggio, una a 8 anni e l'altra a 12, non sono bastate a far dimenticare ai brasiliani gli anni in cui "Lula" (nomignolo che utilizzava fin da quando era sindacalista dei metallurgici: dal 1975 e per quasi tutti gli anni Ottanta, in piena dittatura, sfidò da capo del sindacato i militari al potere organizzando scioperi poderosi) ha guidato la più grande potenza dell'America Latina dal 2003 al 2010. Leader indiscusso del Partito dei lavoratori, da lui co-fondato, Lula conquista la presidenza con un programma di economia sociale che, secondo le stime ufficiali, ha sottratto 29 milioni di persone alla povertà. Quando lascia il potere ha un tasso di popolarità superiore all'80%, del quale beneficerà Dilma Roussef, la compagna di partito che a lui successe alla carica di presidente.

Commenti

Boxster65

Ven, 08/11/2019 - 20:57

Peccato, io l'avrei fatto crepare al gabbio quel ladro sinistroide!!

razzaumana

Ven, 08/11/2019 - 21:54

...Non dimentico che aspettò l'ultimo giorno di potere quale Presidente del Brasile per negare l'estradizione di un farabutto, assassino,Cesare Battisti.Cane non morde cane.La "sinistra"non si smentisce mai.Spero che esaurito l'iter giudiziario torni in galera.

Ritratto di ohm

ohm

Ven, 08/11/2019 - 21:57

lula chi ? Quello che aveva detto che battisti era un rifiugiato e che se tornava in Italia veniva torturato perchè la legge italiana non lo difendeva? Vergognati presidente operaio ...dovresti scontare tutti glia nache se veramente vecchio !!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 08/11/2019 - 22:10

Chissà perchè fanno sempre sconti ai sinistri? Eppure sono delinquenti incalliti.

Degas

Ven, 08/11/2019 - 22:32

Lula ha sottratto 29 milioni di persone alla povertà (così è riportato nell'articolo). Ci penserà Bolsonaro a riportarli da dove sono venuti.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 08/11/2019 - 22:33

Peccato, anche in Brasile comandano le toghe rosse.

Klotz1960

Ven, 08/11/2019 - 22:50

Complimenti, ora celebrate Lula. Vedo che ad ignoranza e confusione non c'e' piu' limite. Lula ed il suo partito con lo scandalo Lava Jato ed altri, che hanno coinvolto mezza America Latina, hanno raggiunto il record mondiale di corruzione in rapporto al prodotto procapite. Tangentopoli in confronto e' niente. E Lula ed il suo partito sono tanto popolari che al Governo ora c'e' Bolsonaro.

EchiroloR.

Sab, 09/11/2019 - 01:54

Lula salverà l'Amazzonia

EchiroloR.

Sab, 09/11/2019 - 06:33

Lula metterà fine al potere dei grandi proprietari terrieri che incendiarono l'Amazzonia per allargare le loro piantagioni di soia.

Ritratto di navigatore

navigatore

Sab, 09/11/2019 - 09:30

questo è il potere occulto del comunismo,, aspettiamoci azioni terroristiche mascherate da ingenue manifestazioni

Ritratto di caviste

caviste

Sab, 09/11/2019 - 11:45

Una revoluzione da parte dei giudici corroti del Tribunale suprema del rasile: UNA VERGOGNA

Ritratto di caviste

caviste

Sab, 09/11/2019 - 11:48

Amato si da parte dei komunisti brasiliani che sono forse peggio dei nostri!!!!!