Catalogna, Puidgemont cerca la mediazione del Vaticano

Puidgemont starebbe pensando di chiedere la mediazione vaticana per trattare con Madrid. Ma lunedì il papa avrebbe detto al nuovo ambasciatore spagnolo che la Chiesa "sta con la legalità costituzionale"

Non è durata a lungo la speranza del presidente della Generalitat catalana Carlos Puidgemont di rivolgersi al Vaticano per risolvere la delicatissima questione dell'indipendenza nell'ambito del tentativo di una mediazione con il governo di Madrid.

A svelarlo è la rivista cattolica Vida Nueva, che spiega come lo scorso 2 ottobre Papa Francesco, ricevendo il nuovo ambasciatore spagnolo presso la Santa Sede, abbia ribadito come la Chiesa non possa che appoggiare solo i provvedimenti politici rispettosi della prassi costituzionale. Unica eccezioni, i processi di auto-determinazione che si svolgono nell'ambito della lotta per la decolonizzazione.

La notizia arriva a poche ore da un'altra rivelazione, quella del quotidiano conservatore spagnolo La Razòn, che citando fonti vicine a Puidgemont aveva spiegato come Barcellona puntasse a trovare una via che la accreditasse come soggetto legittimato a intavolare trattative internazionali.

Se c'è qualcosa che unisce Catalogna e Spagna è proprio la tradizione cattolica: non a caso, infatti, martedì Mariano Rajoy ha incontrato alla Moncloa i cardinali arcivescovi di Madrid e di Barcellona. Secondo l'agenzia Efe l'incontro avrebbe avuto lo scopo preciso di sondare una disponibilità delle gerarchie a mediare con la Generalitat ribelle. Nelle stesse ore in cui il capo del governo riceveva nella capitale i due arcivescovi, peraltro, il vicepresidente del governo catalano Oriol Junqueras faceva visita all'arcivescovado di Barcellona.

La conferenza episcopale spagnola dal canto suo, fedele alla tradizione ecclesiastica di neutralità nelle contese politiche, nei giorni scorsi ha lanciato un appello al dialogo e alla ricerca del bene comune, evitando "strappi e decisioni irreversibili".

In una situazione in cui la penisola iberica sembra avviarsi ad essere sempre più spaccata, la Chiesa cattolica si sarebbe dunque potuta rivelare l'ultima speranza per una soluzione pacifica improntata al dialogo fra le parti.

Commenti

arkangel72

Gio, 05/10/2017 - 12:36

Sarebbe stato bello vedere il Re come mediatore tra le parti. Lui che dovrebbe essere superpartes ha fatto un discorso troppo politico e di parte. Va bene la difesa delle istituzioni e del diritto costituzionale, ma un Re appartiene a tutti e non può defilarsi senza aprire un tavolo di trattative. Esistono tante forme di autonomia e tanti modi civili per continuare ad essere spagnoli.

dagoleo

Gio, 05/10/2017 - 12:55

Forse prima di questo Papa la diplomazia vaticana era credibile ed affidabile. Ora lo è davvero poco. Semmai rivolgetevi a qualche Imam di quelli che state facendo entrare a frotte. Magari in cambio vi chiederà la restituzione della moschea di Cordoba e di tutta l'Andalusia.

antipifferaio

Gio, 05/10/2017 - 13:01

Il Vaticano storicamente è sempre stato con i regimi sanguinari...chissà come mai...

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Gio, 05/10/2017 - 13:29

dagoleo: la tua è davvero un'ottima idea!

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 05/10/2017 - 14:03

Cosa dovremmo aspettarci da Franceschiello e soci??? Essi sono sempre stati per i poteri forti e pure in argentina, aveva il piede in due scarpe!!! (SANTO PADRE = OPPORTUNISTA), COME I DELINQUENTI DEI POTERI FORTI DELLE BANCHE E DELLA MASSONERIA!!! NON CI FOSSERO STATI I POTERI FORTI, LE RELIGIONI, NON AVREBBERO PRESO PIEDE.

pasquinomaicontento

Gio, 05/10/2017 - 14:05

antipifferaio 13:01 me dispiace contraddirti,il Vaticano oltre ai regimi sanguinari è stato sempre con chi jha fatto fà sempre come je pare... vendere indulgenze è il loro primo mestiere, prova un po' te, a venderle,le indulgenze,o te pìeno pe' matto, o te carcereno per vendita di sostanze stupefacenti e allucinogene, come Morfina,Eroina,LSD,Loro giocano sulla paura dell'adilà,beneficiando, delle certezze dell'al-dicquà,nun sò mica scemi...il povero presidente Carlos Puidgemont (il suo sguardo è tutto un programma) ha creduto alle favole e c'ha sbattuto er grugno, i preti, stanno sempre col più forte da che monno è monno,chi è più forte la Spagna o la Catalogna...Bona giornata...

edoardo11

Gio, 05/10/2017 - 14:10

Sono sempre di più sospreso di come il Papa si stia invischiando nella politica.Deve starsersene da parte.Nel Vangelo non c'è mai un richiamo,stretto,alla politica.Il Vangelo è,secondo me,un invito a convertirsi mediante l'esempio.Gesù,tirato in ballo,disse:a Cesare ciò che è di Cesare.Più chiaro di così!

umbertoleoni

Gio, 05/10/2017 - 14:32

questo vicenda temo che sfocera' inevitabilmente con uno scontro armato: il governo spagnolo non intende cedere di 1 mm. (spalleggiato com'è dall'intero establishment EU) quindi ai catalani, se vogliono legittimare la propria indipendenza, non resta che "difendersi" dall'invasione dell'esercito spagnolo: solo così "qualcuno che conta" si decidera' ad offrire mediazioni: la vicenda del Kosovo "docet" sull'argomento: prima violenza e sangue e poi si tratta sulla libertà..

Celcap

Gio, 05/10/2017 - 14:32

É di sinistra, allora il Papa intecederá sicuramente. Ormai al Papa non si rivolgono più i credenti ma solo quelli di sinistra, possibilmente estrema. Strano che non abbiano fatto sncora opera di intercessione per liberare Cesare Battisti.

@ollel63

Gio, 05/10/2017 - 14:43

e con chi volete che stia il papocchio musulmano del vaticano!

umbertoleoni

Gio, 05/10/2017 - 14:46

pasquinomai... hai fatto un ragionamento quasi sensato... se non che ti dimentichi la cosa più importante! pujdgemont (secondo te dallo sguardo inquietante) pare che stia agendo su mandato della quasi totalità DEI CATALANI AUTOCNONI... (SOTTOLINEO... A U T O C T O N I) : beh, forse per te questo è un aspetto insignificante, però a questo mondo (anche se la cosa ti farà inorridire) c'è ancora gente che crede nel diritto dei popoli, ad autodeterminarsi...

Gianni Barbero

Gio, 05/10/2017 - 15:01

Sono comunisti,ma si appellano persino al Papa per salvarsi da molti anni di galera che li aspettano per la sfilza di reati che hanno compiuto,per non parlare di chi esige,come il socialista Alfonso Guerra,che vengano processati come Tejero per "Golpe". Poco tempo fa volevano bloccare tutte le strade di Catalogna,e ora piagnucolano che vogliono un mediatore.E intanto le aziende,le banche e i turisti abbandonano la Catalogna,mentre i supermercati spagnoli pubblicizzano prodotti alternativi a quelli catalani,boicottati dagli spagnoli.

Raoul Pontalti

Gio, 05/10/2017 - 15:06

Si continua a fare confusione fra Chiesa e Stato della Città del Vaticano...La Chiesa competente è quella locale catalana insieme con la Chiesa di Spagna. Il Vaticano come entità statuale riconosciuta internazionalmente può mediare ma tra Stati, non tra uno Stato e una delle sue articolazioni. Lasciamo perder ele elucubrazioni dei bananas basate su pregiudizi razzistici e contrassegnate dalla totale ignoranza e della religione e del diritto canonico e del diritto internazionale.

Raoul Pontalti

Gio, 05/10/2017 - 15:08

Si continua a fare confusione fra Chiesa e Stato della Città del Vaticano...La Chiesa competente è quella locale catalana insieme con la Chiesa di Spagna. Il Vaticano come entità statuale riconosciuta internazionalmente può mediare ma tra Stati, non tra uno Stato e una delle sue articolazioni. Lasciamo perder e le elucubrazioni dei bananas basate su pregiudizi razzisti e contrassegnate dalla totale ignoranza e della religione e del diritto canonico e del diritto internazionale.

routier

Gio, 05/10/2017 - 15:14

Amo talmente "questa" UE che chiunque vi sia avverso può contare sulle mie preci e sulla mia benedizione. Visti i pregressi demenziali sull'immigrazione selvaggia, se il Vaticano di Don Bergoglio sta con Madrid, allora é giusto prendere le parti della Catalogna.

graffias

Gio, 05/10/2017 - 15:43

Somo più che certo che se dovessimo scommettere su qualcuno se avessimo la possibilità di dare il via ad un intervento della Legion Estranjera spagnola per riportare un po' d'ordine in Catalogna, tutto finirebbein una decina di giorni.

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 05/10/2017 - 16:16

la chiesa e' sempre stata dalla parte del piu potente a livello politico, ergo sta a occhi chiusi con lo stato Spagnolo, se ha fatto la voce grossa con Trump e' perche' aveva le spalle coperte da qualcuno piu potente

mariolino50

Gio, 05/10/2017 - 16:18

umbertoleoni Nel Kossovo è successo diverso, uan volta era serbo, poi sono diventati di meno, grazie ad immigrazione selvaggia e figliatura a moda islamica. Noi idioti siamo andati a spianare la strada ai musulmani, forse faremo la stessa fine. Ha votato il 43%, e non tutti a favore, la maggioranza non ne vuole sapere, per cose del genere dovrebbe valere la maggioranza degli aventi diritto, altrimenti vince sempre chi urla più forte. Io ci sono stato da quelle parti, in tutta la Spagna, e differenze reali non ne ho viste, si vedono quando vai in Portogallo o in Francia. Dove sarebbe l'esercito della teorica catalogna, che qui fa venire in mente la verdura, boriosi e basta quello si.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Gio, 05/10/2017 - 16:26

Naturale, direi praticamente "atto dovuto" : uno Stato sovrano quale il Vaticano, prima ancora che sede religiosa, non potrà che prendere le parti dello Statu-quo Sistemico, dal quale a sua volta riceve piena autorevolezza a livello di credibilità internazionale. Nessuna sorpresa.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Gio, 05/10/2017 - 16:30

Non dimentico mai quel 'futurologo' che rispose quarant'anni fà a Mike Bongiorno su cosa avremmo dovuto attenderci nel futuro, la risposta fù : """ Le genti ammattiranno """. Dopo Breivnik, Paddock, (sintetizzando) il nordocoreano alla Botero, i border line della politica italiana, gli inglesi della Brexit, i 'suicidi' dei barconi, ecco ora la Catalogna, decisamente dei fuori di testa. -Ma la lista è interminabile- 16,30 - 5.10.2017

ginobernard

Gio, 05/10/2017 - 16:41

ed in Italia non stanno con la legalità istituzionale ? ci vorrebbe una rivoluzione sul tipo di quella francese. Ma altro popolo altra gente. L'italiano lo ha dipinto bene Sordi nei suoi film e prima di lui Arlecchino e Pulcinella.

nova

Gio, 05/10/2017 - 16:46

Volete la balcanizzazione d'Europa ? I catalani che gridano guidati da politici locali velleitari e asserviti a ''qualcuno'' sono una minoranza che terrorizza la maggioranza silenziosa.

Ritratto di bassfox

bassfox

Gio, 05/10/2017 - 17:04

la penisola iberica racchiude molte facce, dovranno accordarsi per creare non solo la Catalogna, ma anche i Paesi Baschi ed il ritorno dell'Andalus