Charlie Hebdo, sul nuovo numero Maometto in copertina

Mercoledi torna il settimanale satirico. Tiratura speciale: un milione di copie. Sarà tradotto in 16 lingue

Il nuovo numero di Charlie Hebdo dopo la strage (clicca sulla foto per vedere tutta la copertina)

Charlie Hebdo non si arrende. Non solo perché torna in edicola, ma anche per un altro motivo. Nel nuovo numero, che uscirà mercoledì, i lettori troveranno nuove vignette su Maometto. Ovviamente i bersagli di Charlie saranno molti, come sempre, dalla politica, alla società, comprese le religioni. Il contenuto del nuovo numero del giornale satirico è stato anticipato a France Info dall'avvocato del magazine francese, Richard Malka. Il legale ricorda che lo spirito di "jeSuisCharlie" significa anche "diritto alla blasfemia". Insomma, Charlie continuerà a far arrabbiare. Anzi, non vuole smettere di far arrabbiare. Questa è la sua "mission". Lo era prima e lo sarà anche domani.

Il giornale uscirà tradotto in 16 lingue, con una tiratura di un milione di copie (contro le 60 mila normali), in un’edizione a otto pagine, la metà di quelle solite. Al settimanale sono arrivati già 500mila euro di aiuti. Ma ne arriveranno altri, visto che alcuni giornali stranieri, come ad esempio il Fatto Quotidiano in Italia, hanno annunciato di voler pubblicare Charlie destinando i profitti al "cugino francese".

Sarà un numero commemorativo, ha poi spiegato il nuovo direttore Gérard Biard, "ma senza essere piagnucoloni". Charlie Hebdo non vuole piangersi addosso. Vuole (solo) far ridere e riflettere le persone. E chi non gradisce lo ignori pure senza problemi. Questa è la libertà.

Commenti

Bodrus

Lun, 12/01/2015 - 15:01

premesso che i terroristi per me andrebbero sterminati , e detto pure che fosse per me sul suolo italiano non vorrei ci fosse nessun clandestino vorrei dire che non è giusto solo perche noi occidentali siamo dei miscredenti prendersi gioco delle religioni in cui qualcun'altro crede sinceramente..

Ritratto di Cobra31

Cobra31

Lun, 12/01/2015 - 15:08

Io non sono sto' Charlie. Questo è un giornale puramente offensivo. Vignette scadenti che non fanno per nulla ridere e che non hanno niente a che vedere con la satira. La mer.. compratevela voi.

Dordolio

Lun, 12/01/2015 - 15:22

Vedo gli islamici come il fumo negli occhi. Ma l'attività "satirica" di questa rivista è così greve, becera e sgradevole da suscitare disprezzo ed orrore (la Madonna violentata dai Re Magi, Gesù Bambino deposto in un orinatoio, ecc...). E non fa affatto ridere, poi, è solo di pessimo gusto. E a quanto capisco questo non si può neppure dire, a quanto sembra (Le Pen senior ci ha provato e l'hanno messo subito all'indice...lui!). Scusate ma il degrado dell'occidente si vede anche da questo. Dall'esaltazione compiaciuta del PEGGIO che è tra noi, che sporcifica e insulta il Sacro (quale che sia) in modo fine a se stesso. Gratuito. Provocatorio. Inutile.

pgbassan

Lun, 12/01/2015 - 15:22

Apprezzo che attaccano tutti e non guardano in faccia a nessuno e sono impavidi. Non come certi cacasotto come Vauro. Però sento dire che non attaccano la massoneria, i grossi speculatori ecc. Da parte mia rilevo che "scherza coi fanti, ma lascia stare i santi". Tutti i santi. O altrimenti anche quelli islamici. Questo per rispetto (almeno satira leggera e non triviale volgare e offensiva come certe loro vignette, soprattutto contro il cristianesimo. Tanto questo sopporta tutto e addirittura perdona). I Charlie Hebdo sono 'libertari, di sinistra, e fortemente anticlericali'. Altro che "liberté egalité fraternitè". Del cazzé. Ora sono martiri dell'ateismo. Amen.

rickard

Lun, 12/01/2015 - 15:26

Chissà perché oggi tutti inneggiano alla libertà di stampa e di informazione, quando in Italia abbiamo la stampa meno libera d'Europa ed una delle meno libere del mondo. Tutti questi difensori della libertà di stampa si dimenticano che la censura in Italia è intervenuta spesso soltanto per impedire la pubblicazione o la messa in onda di programmi che offendevano il politico potente di turno. Sinceramente io non sto con chi offende la sensibilità religiosa altrui. Ricordiamoci anche che Maurice Sinet, un giornalista che lavorava per 'Charlie' fu licenziato per avere leggermente irriso gli ebrei. Accusa? Antisemitismo. Ovviamente due pesi e due misure. Liberi di prendere in giro l'Islam, ma guai a chi tocca Israele e la sua religione. Mi dispiace, "Je ne suis pas Charlie"

eras

Lun, 12/01/2015 - 15:26

Che idioti! Ragazzini cresciuti!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 12/01/2015 - 15:30

Nichilismo puro. L'occidente terminale mostra al volto la sua arroganza suprema.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Lun, 12/01/2015 - 15:38

Non ho nessuna simpatia per charlie... Ma secondo me, loro se la cercano proprio!! Io penso la libertà di stampa deve anche avere una certa etica... Queste caricature/satire sono altro che stupidaggine. Mussulmani si o no ma la religione và rispettata...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 12/01/2015 - 15:39

Cosa possono mai fare queste vignette? Nulla.. i popoli del mondo vedono un volto rabbioso e arrogante dell'Occidente, tutto qui. Un occidente sempre più solo e isolato. Sempre più giustamente disprezzato.

berbere

Lun, 12/01/2015 - 15:39

GRANDI GRANDI.... É L'UNICO MODO PER NON FARSI SOTTO METTERE , E FARE CAPIRE CHE LIBERTÁ D'ESPRESSIONE E LA LIBERTÁ DI CRITICA SONO PRINCIPI FONDAMENTALE DELL'UOMO, CHE STANNO ALLA BASE DEL VIVERE DEMOCRATICO!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 12/01/2015 - 15:52

L'Occidente si presenta al mondo col vessillo di Charlie Hebdo..... siamo disprezzati dal mondo intero. Logicamente.

Ritratto di lucianaza

lucianaza

Lun, 12/01/2015 - 15:54

mi domando come mai quegli "illuministi", che tanto hanno fatto per aprire gli occhi contro il cristianesimo, oggi si schierano per il rispetto della religione islamica? Io ho visto di tutto e di più a spregio di Dio di Gesù e della Madonna e eppure nessuno è stato ammazzato per questo, almeno negli ultimi decenni!

alfa553

Lun, 12/01/2015 - 16:00

Questo giornale e spazzatura e se ne fanno fuori altri 14........ embe? chi per quei mari va, quei pesci prende. E occhio, non e paura ma rispetto per chi crede.

edo1969

Lun, 12/01/2015 - 16:03

JE SUIS BERLUSCONI'

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 12/01/2015 - 16:08

X COBRA31: vorrei tanto, ma tanto che gli islamici venissero a casa tua e, con quel lumino ti friggessero le palle, tanto per quello che ti servono ...... sei senza cervello e senza palle.

Ritratto di ....ilM@rcio

....ilM@rcio

Lun, 12/01/2015 - 16:10

BUFFONI

Ritratto di Cobra31

Cobra31

Lun, 12/01/2015 - 16:12

INFIMI INFIMI. Non si può far passare l'offesa e l'insulto come libertà di espressione e di critica. Tant'è che l'offesa e l'insulto sono un reato. Come mai a Magdi Allam questa libertà di espressione e di critica non gli viene riconosciuta? Come mai un giudice lo assolve ed un'altro lo condanna?

sbrigati

Lun, 12/01/2015 - 16:12

L'uccisione di persone innocenti non può essere giustificata in nessun modo, ma ora in nome della libertà di pensiero, stanno osannando un giornale solo perchè pubblica vignette che ridicolizzano le religioni. Trovo questo comportamento deprimente, un conto è la satira, un'altra cosa la blasfemia. Un poco più di rispetto per il credo di miliardi di persone non guasterebbe.

Dordolio

Lun, 12/01/2015 - 16:16

Aggiungo che in questi Tempi Ultimi ed oscuri dell'occidente la fascinazione di certe visioni FORTI è totale. Soprattutto per giovani che circondati dalla deboscia cercano riferimenti, e concrete idee-forza. Già perchè gli islamisti assassini dei vignettisti non hanno agito "per conquista", ma per reazione all'insulto (per loro) assoluto: quello al loro Profeta. Le immagini poi del terrorista che affronta sparando il nugolo di poliziotti superarmati (corre verso di loro, lo si vede benisssimo) è di grande impatto. E tranquillamente nel filmato cita anche dettagli veri (i bambini palestinesi sterminati a Gaza che altro non è che il più grande lager della storia checchè ne dica la Nirenstein). L'Islam è il nostro pericolo assoluto. Ma noi stiamo facendo oggettivamente il suo gioco, in tutti i sensi...

flip

Lun, 12/01/2015 - 16:19

guardate che casino hanno combinato questi deficienti, e li considerano eroi. ci hanno rimesso purtroppo la vita persone he magari non sapevano neanche dell' esistenza di questa carta da cesso. purtroppo la satira cretina c'è anche da noi

beppazzo

Lun, 12/01/2015 - 16:20

Se vanno avanti così i vignettisti o umoristi " che dir si voglia" presto diverranno "merce rara"

Ritratto di Cobra31

Cobra31

Lun, 12/01/2015 - 16:25

Solo chi è incapace di esprimersi ricorre all'insulto e all'offesa e questa libertà non può e non deve essere concessa a nessuno.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Lun, 12/01/2015 - 16:30

Dieudonné indagato per apologia di terrorismo ahahahah...

VIGILANTE Umberto

Lun, 12/01/2015 - 16:42

Io non mi sento Charlie: e perdonatemi se sono in gravissima minoranza. Il sacrosanto diritto all'informazione, a qualsiasi tipo di informazione non può dare diritto alla blasfemia, alla volgarità . Dire - perdonatemi - sxxxxxo a qualcuno comporta una querela per diffamazione e l'esborso di 20.000 euro. Si può tranquillamente raccontare di un Maometto gay " condannato" a gestire in Paradiso 70 vergini giovani e vogliose? Per ogni cosa c'è un freno, ogni parola deve essere all'impronta della educazione e della civiltà .

paco51

Lun, 12/01/2015 - 16:48

Allora se le cercano! Non hanno capito che devono fare basta di toccare le religioni!

paco51

Lun, 12/01/2015 - 16:51

berbere: fagli scudo con il petto se ci tieni tanto! ma mi sa che non lo farai! Devono smettere di rompere sulla religione! se poi li mandiamo tutti a casa loro gli islamici sono d'accordo, anzi subito!

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Lun, 12/01/2015 - 17:01

Vero che Voltaire non è di casa in Italia ma leggere questi commenti di condanna a Charlie Hebdo per la volontà di pubblicare nuove vignette è veramente ma veramente ma veramente avvilente....

Giacinto49

Lun, 12/01/2015 - 17:02

Sa non si è capaci di fare "satira" senza cadere nella volgarità e nella blasfemia è meglio cambiare mestiere. Altro che tirature milionarie!

berbere

Lun, 12/01/2015 - 17:13

Sono un po delusa.. dei commenti di alcuni lettori...!?? Conoscete chi é TAHAR DJAOUT ? É UN GIORNALISTA ALGERINO CHI MORTO PER LA LIBERTÁ D'ESPRESSIONE ANNI90. ha detto: "LE SILENCE,C'EST LA MORT,ET TOI, SI TU TE TAIS, TU MEURS ET SI TU PARLES, TU MEURS. ALORS DIS ET MEURS !"

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 12/01/2015 - 17:15

e se fanno un altro attentato piagerete ancora?Questa satira costerà altri morti ma questi francesi merdeus come vi considerano voi italiani non lo vogliono capire.Neppure voi.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 12/01/2015 - 17:16

Ausonio, se non escono con le vignette sull'Islam hanno vinto i terroristi. E' così difficile capirlo? La denuncia di una religione assassina va fatta partendo dal suo fondatore o mi dici che siccome ha un miliardo e mezzo di fedeli NON deve essere criticata? La mafia può essere tranquillamente sconfitta COPRENDO D'ORO I MAFIOSI che non avrebbero più ragione di estorcere e ammazzare. Ma ce l'avete un cervello ragionante?

fabrizio de Paoli

Lun, 12/01/2015 - 17:17

Berbere, stai parlando di un tipo di "democrazia" dove posso dire tutto quello che voglio, ma dove l'importante è che FACCIA quello che vogliono loro. Questo genere di democrazia non mi serve e non capisco cosa ci sia tanto da esaltarsi.

gianfran41

Lun, 12/01/2015 - 17:20

Mettere alla berlina una religione per me non è satira ma provocazione. Si ridicolizzino i politici inetti ma non si tocchi la fede. E' molto offensivo per chi crede. Che poi le reazioni terroristiche che si sono avute in Francia abbiano poco da spartire con la religione, questo è un altro discorso.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 12/01/2015 - 17:20

VIGILANTE Umberto, ma il LORO PARADISO è così, 70 URI GIOVANI, VOGLIOSE e SEMPREVERGINI. E' colpa dei vignettisti se gli inegralisti si fanno esplodere per andarle a scopare? Secondo lei la cosa è seria perchè loro ci credono? I nazisti credevano nel terzo Raich.

82masso

Lun, 12/01/2015 - 17:22

Bhè vedo che usano l'accaduto a loro vantaggio, si stanno facendo una bella pubblicità; scherzano con il fuoco, se si divertono così.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 12/01/2015 - 17:26

franco-a-trier_DE, quindi hanno vinto i terroristi. Hai ragione l'Islam non si tocca. Poi non si toccherà il velo. Poi non si toccherà la Sharjia. Poi non si toccherà la poligamia. Poi si dovrà costruire moschee. Poi il velo lo dovranno indossare tutte le donne altrimenti loro s'attizzano e NON vanno in paradiso. Ad ogni NO e un'offesa all'Isla e giù morti. Hai letto cosa ha detto il terrorista a quella donna miracolata perchè tale? CONVERTITI E COPRITI. Questa è vigliaccheria.

beppechi

Lun, 12/01/2015 - 17:32

a parte che fino ad una settimana fa quasi nessuno sapeva chi fossero questi paladini della democrazia, è interessante notare come alla manifestazioni di ieri, che doveva ribadire il diritto di espressione, una buona parte dei francesi, quelli che hanno votato Le Pen, siano stati dichiarati "non graditi". Alla faccia.

Ritratto di lucianaza

lucianaza

Lun, 12/01/2015 - 17:32

@mario Galaverna, io avevo sentito dire che gliene toccavano molte di più di vergini!

rickard

Lun, 12/01/2015 - 17:35

@pisistrato. Una domanda: quelli che hanno censurato il film: 'Li chiamarono briganti' che raccontava gli eccidi commessi dai piemontesi durante l'unità di Italia, avevano letto Voltaire? E quelli che licenziarono Maurice Sinet perché aveva deriso Israele avevano letto Voltaire?

fisis

Lun, 12/01/2015 - 17:35

Questo è l'Occidente, volenti o nolenti. Personalmente detesto l'islamismo radicale e penso che vada combattuto con tutti i mezzi, anzi penso che l'invasione islamica vada fermata. Tuttavia non sono d'accordo con le offese arrecate con queste o altre vignette a qualsiasi religione, o con gli interventi blasfemi di altri individui come le "femen". Detto questo, per me la libertà di opinione è sacra. E' innegabile però che certe espressioni gravemente offensive e provocatorie andrebbero in qualche modo disincentivate, forse ad esempio prevedendo la possibilità di comminare delle multe nel caso di blasfemia. La libertà non può essere assoluta quando va a colpire la sensibilità religiosa delle persone.

rickard

Lun, 12/01/2015 - 17:37

@pisistrato. Una domanda: quelli che hanno censurato il film: 'Li chiamarono briganti' che raccontava gli eccidi commessi dai piemontesi durante l'unità di Italia, avevano letto Voltaire? E quelli che licenziarono Maurice Sinet, giornalista di Charlie perché aveva deriso Israele avevano letto Voltaire?

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 12/01/2015 - 17:41

gianfran41, ma lei lo conosce l'Islam? Se sì, sono da rispettare i suoi precetti sessuofobi e quelli assassini?

pino marino

Lun, 12/01/2015 - 17:41

Bravi... Ma perchè dovete continuare a provocare chi crede in una religione e si sente offeso dalle vostre vignette ? Vi rendete conto che così facendo mettete a repentaglio anche la vita di altre persone che non hanno niente a che vedere con voi ? Io sono Cristiano, ma non offendo le altre religioni. Un conto è fare satira coi Politici e i Personaggi dello Spettacolo, altro con la Fede. Sapete benissimo che la maggior parte dei Mussulmani è fortemente religiosa al contrario di noi occidentali che ormai abbiamo perso ogni senso di religione (basta pensare ai matrimoni tra omosessuali, alla rimozione della Croce dalle scuole ecc.) Una mia riflessione, controtendenza su questo Papa, che è tutta scena e basta. Ha rifiutato di incontrare il Dalai Lama che è Leader Spirituale di una Religione assolutamente pacifica e poi da una a parte vuole il dialogo con l'Islam, dall'altra esorta il mondo intero a fermare l'Isis, come dire fare un'altra crociata.

eternoamore

Lun, 12/01/2015 - 17:43

IMMAGINO CON LE PROSSIME VIGNETTE, MAOMETTO CHE TIRA LE ORECCHIE AGLI ASSASSINI E DICE(MA VOLETE UBBIDIRMI O NO A FAR FUORI GLI ASSASSINI DI PARIGI E I SUOI FINANZIATORI.

beppechi

Lun, 12/01/2015 - 17:46

Mario Galaverna: ma se loro il paradiso se lo vogliono immaginare così a te che ti frega? li devi prendere per il cxxo? Non te li sai fare i ca..i tuoi? Fai le cose per bene: vai in una moschea e prendili per il cxxo guardandoli in faccia

Dordolio

Lun, 12/01/2015 - 17:47

Galaverna, non faccia finta di non capire. Ci dimostri di essere intelligente. Le visioni religiose vanno SEMPRE rispettate. Io che lavoro con islamici e ebrei che dovrei dire se un giorno mi facessero notare l'assurdità (per loro) di pane e vino che si trasformano in Corpo e Sangue? E mi dessero del cannibale quando mi accosto all'Eucarestia? Ho i miei convincimenti e rispetto quegli degli altri. MI OPPONGO quando mi vogliono imporre quelli altrui. Per questo l'Islam è un pericolo assoluto. Lo combatti, ma non ne insulti la divinità nè chi la profetizza.

Ritratto di apasque

apasque

Lun, 12/01/2015 - 17:50

Questa é una buona risposta! L'Islam va attaccato, con tutti i mezzi. Non bisogna arretrare e arrendersi. Non é il momento della pacificazione. Questa ci é portato alle odierne tragedie. Ora é il momento della lotta, del combattimento, anche all'interno delle terre musulmane. Occorre che i musulmani "PROVINO" la nostra forza e la nostra coesione. Basta distinguo. Il vostro linguaggio sia: SI', SI', oppure NO, NO: diceva Gesù Cristo.

Mobius

Lun, 12/01/2015 - 17:50

Vero che le credenze religiose vanno rispettate. Ma le credenze dell'islam sono quasi tutte idiote.

Ritratto di apasque

apasque

Lun, 12/01/2015 - 17:52

DOVE SI POTRA' COMPRARE???

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 12/01/2015 - 17:53

pino marino, anche a lei la stessa domanda, lo conosce l'Islam? E se sì, concorda con i suoi dogmi di fede? E per concludere, Quali sono i parametri per rispettare una religione anche se anacronistica e assassina?

beppazzo

Lun, 12/01/2015 - 17:54

Forza Vauro fai vedere chi sei? Fai un pò di spirito sulla barba di Maometto , se no, sei al livello di un Edmondo Scrofalo qualsiasi.

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Lun, 12/01/2015 - 17:56

Uscissero invece con delle vignette satiriche sulla religione giudaica, o su quella cristiana (leggo che l'hanno gia' fatto), in questo modo dimostrerebbero di non essere di parte. Invece, cosi' produrranno solo un'ulteriore gratuita provocazione. Io non sto con Charlie, et je ne suis pas Charlie non plus.

fisis

Lun, 12/01/2015 - 17:59

Con questa satira gravemente offensiva per l'Islam tra l'altro si rischia di far passare l'estremismo islamico per vittima del cattivo Occidente, degenerato, privo di valori e assetato del dio denaro. Non si devono fornire alibi al nemico, come per me è, non mi si fraintenda, l'estremismo islamico.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 12/01/2015 - 18:00

Dordolio, le vignette combattono proprio il pericolo assoluto. Se lo rispetti lo avvalli. Non capisco il suo ragionare. L'Isla INTEGRALISTA, risottolineo per chi non capisce, INTEGRALISTA, lo combatti con le armi ma non con la satira?

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 12/01/2015 - 18:03

beppechi, ci arrivi a capire che quel paradiso te lo vogliono imporre con le armi perchè c'è scritto nel corano o sei appena sbarcato da un'altra galassia?

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 12/01/2015 - 18:03

Ma tutti questi benpensanti delle religioni non si sono mai scandalizzati quando il sommo nobel Fo in televisione faceva satira su Gesù,Maria S.Giuseppe,tutta la sacra famiglia???? Oppure non c'eravate,non vedevate e non sentivate?????

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Lun, 12/01/2015 - 18:06

@rickard - il mondo è pieno di persone con un cervello grande come una nocciolina ma non credo sia un motivo valido per farti ridurre la massa cerebrale ed adeguarti alla massa. Non credi ?

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Lun, 12/01/2015 - 18:09

Toh, licenziarono Maurice Sinet, giornalista di Charlie perché aveva deriso Israele ... Forse da Charlie Hebdo si puo' deridere il Cristianesimo e insultare l'Islam e i suoi totem, ma criticare il vero stato canaglia del Medio Oriente no eh?

Ritratto di Luponero

Luponero

Lun, 12/01/2015 - 18:49

Premesso che per i terroristi metterei la pena di morte. I signori vignettisti di charlie sono idioti irrispettosi, volgari, beceri, schifosi. Perche deve passare il messaggio della libertà di stampa quando si offende la sensibilità di milioni di persone non con qualche battutina un po' irriverente come fa ad esempio Benigni sulla Bibbia. A tutto c'è un limite e per tutto c'è la giusta misura e a questa bisognerebbe adeguarsi. Avrei detto, ben gli sta, se avessero messo una bomba e raso al suolo la sola sede dei vignettisti. E visto che qui i commenti sono più o meno sullo stesso tono, possibile che non ci siano vip, giornalisti, "opinionisti" capaci di esprimere questo concetto? Tutti smidollati? o tutti superficiali?

malgamax

Lun, 12/01/2015 - 18:59

IO non mi sento CHARLIE anche se condanno il terrorismo e sono vicino alle vittime francesi,rispetto le culture e le abitudini altrui, non mi nascondo dietro un autoproclamato diritto di espressione per deridere umiliare o ridicolizzare chi la pensa diversamente da me,ricordiamo che la libertà di una persona si ferma nel punto in cui inizia la libertà di un'altro se così non fosse sarebbe anarchia. IO SONO INDIGNATO PER LE STRAGI IN FRANCIA MA NON SONO CHARLIE Comunque preferisco una copertina di Charlize Theron che tutto un giornale Charlie hebdo

Alessio2012

Lun, 12/01/2015 - 19:02

Il fatto è che gli islamici HANNO RAGIONE. Solo che il centrodestra li vuole rimandare a casa, per una questione di razzismo, quindi li attacca, e in questo modo fa il gioco dei sinistrati comunisti che hanno reso l'occidente immorale. Il centrodestra ormai è il primo alleato dei comunisti.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 12/01/2015 - 19:05

Egregio Luponero, la mia sensibilità invece viene urtata da due bambine imbottite di tritolo e mandate a farle scoppiare in mezzo ad un mercato o una città rasa al suolo con più di 2000 morti atrocemente ammazzati dagli islamici integralisti. Secondo me questa sensibilità urta il pianeta tutto meno che GLI ISLAMICI INTEGRALISTI che sono urtati da dei disegnini e COMMETTONO SIMILI STRAGI. Ma guarda un pò che sensibilità diverse abbiamo

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Lun, 12/01/2015 - 19:07

gianniverde, per questo al Fo hanno dato il nobel e i comunisti ne menano vanto.

Ritratto di Gios'',,40.

Gios'',,40.

Lun, 12/01/2015 - 19:19

Non c'é posto nel pianeta dove i mussulmani non ammazzano un diverso di se stessi, in Frangia le caricature e in Nigeria ci sono caricature in Australie etc etc, la realta (non la verita) é che i mussulmani vogliono ammazzare gli abitani del pianeta che non rappresentano l'islam. Saluti a tutti..

paco51

Lun, 12/01/2015 - 19:27

pisistrato: porta il giornale Charlie( mi ricorda i viet) sul petto in giro per parigi o verona se ti riesce! Voltaire non dico dove lo puoi mettere. io non mi sento avvilente sono per mandarli a casa tutti ma la religione la rispetto. spero che qualche ex Repubblichino RSI che pota in giro la religione cattolica si ricrederà e porterà rispetto al credo degli altri.

gianfran41

Lun, 12/01/2015 - 19:31

Carissimo Galaverna, se lei avesse letto bene il mio annuncio, non mi avrebbe dato una risposta scontata e banale. Io ho parlato di religione in generale e non di Islamismo. Ho detto semplicemente che la religione, qualsiasi religione, non dovrebbe essere oggetto di satira o di scherno. Tutto qui. Se lei non è d'accordo, affari suoi.

Ritratto di HEINZVONMARKEN

HEINZVONMARKEN

Lun, 12/01/2015 - 19:32

la religione, qualunque essa sia, non va presa in giro, trovo che sia più cattivo gusto che satira. d'altra parte c'è gente che si ammazza per usna squadra di calcio.... che schifo

Dordolio

Lun, 12/01/2015 - 19:34

Galaverna, ma lei c'è o ci fa? l'Islam lo combatti e ti opponi ad esso in termini anche militari, del caso. Ma qui stiamo parlando di INSULTI ALLA RELIGIONE E IN PARTICOLARE AL DIO. E' un discorso completamente diverso. Direi anzi che se vogliamo sottolineare una differenza che potrebbe essere "nostra" è proprio il rifuggire da certi mezzucci. La propria religione SI SOSTIENE senza denigrare o sbertucciare quella altrui. Non credo che a Lepanto si sia vinto irridendo Maometto. Alle porte di Vienna vennero impalati migliaia di musulmani. Ma non mi risulta che si sia sbeffeggiato il loro dio. E si vinse, pure.

guerrinofe

Lun, 12/01/2015 - 20:44

MOI JE NE SUIS PAS CHARLIE,sono IO medesimo, italiano, cattolico, européo,NON SONO CARLIE un giornaletto satirico al bordo del fallimento che si ottrae il diritto al blasfemo alle oscenita! con la scusa del coraggio invece di onorare i suoi morti stampano un milione di copie pur di fare cassa.NO NON SONO CHARLIE HEBDO

guerrinofe

Lun, 12/01/2015 - 20:47

MOI JE NE SUIS PAS CHARLIE,sono IO medesimo, italiano, cattolico, européo,NON SONO CARLIE un giornaletto satirico al bordo del fallimento che si ottrae il diritto al blasfemo alle oscenita! con la scusa del coraggio invece di onorare i suoi morti stampano un milione di copie pur di fare cassa.NO NON SONO CHARLIE HEBDO!!!!!!!!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Lun, 12/01/2015 - 20:48

Non concordo minimamente con Charlie e credo che abbiano abusato della propria sacrosanta libertà correndo dei rischi e facendoli correre a tutti noi. Dovevano sapere e prevedere. Se non si sa si sta zitti. Comunque i cultori dell'integrazione sappiano almeno che gli islamici ubbidiscono ad una religione. Altrimenti non sono islamici e la finiamo qui. La loro religione, non la nostra, non prevede integrazione, prevede sottomissione, questo significa Corano, sottomissione. Totale: se c'è qualche idiota che pensa che integrazione e sottomissione sono la stessa cosa allora abbiamo un problema in più.

Ritratto di gangelini

gangelini

Lun, 12/01/2015 - 21:12

Inondiamo il mondo di Charlie Hebdo, spegniamo i loro server, dichiariamo guerra all'intolleranza, stiamo vigili ed attenti, verifiche alle frontiere, ...... OPSS ritrattazione alla "politically correct" - lotta al cav, agli imprenditori, ai professionisti nemici n. 1 del paese (esclusi avvocati, commercialisti, notai); spazio invece ai lavoratori pubblici, allo stato centrale, all'Agenzia delle Entrate, alle Procure. I terroristi islamici sono amici dei sinistri, quindi intoccabili.

venessia

Lun, 12/01/2015 - 22:13

io non sono charlie

carletto48

Lun, 12/01/2015 - 22:20

Quelli dell'ISIS si sono scafati: mandano occidentali convertiti a fare i martiri di Allah con il premio di 72 vergini che li aspettano nell'aldilà ed intanto loro si prendono un anticipo adesso facendo schiave le ragazze dei territori conquistate. E provano su di esse, in questa vita, l'effetto che farà.

Ritratto di mauro santinelli

mauro santinelli

Lun, 12/01/2015 - 22:47

Anche il vernacoliere è sulla falsariga ma nessuno si sognerebbe di entrare e mitragliare in nome di Dio! Punto! Qui si tratta di valutare la nostra posizione democratica. Non si può essere democratici o voler applicare tale principio allo stato attuale delle cose. La democrazia è millenaria NELLA NOSTRA CIVILTA, non in altre, quindi bisogna, essere obiettivi e decidere cosa fare per arginare o estirpare il problema.

guerrinofe

Lun, 12/01/2015 - 23:19

''0'000'0'0'''^''^'0'^^^''^^

gluca72

Lun, 12/01/2015 - 23:23

Forse per rispetto alle vittime ,anche quelle che non facevano parte del giornale e che magari non ne condividevano le opinioni , una riflessione sull'opportunità di aspettare un attimo prima di tornare in edicola con nuove provocazioni andava fatta; non certo per mettere in discussione la sacrosanta libertà di opinione ma per esclusivi motivi di sicurezza, visto che i francesi non mi sembra si siano fatti trovare poi cosi pronti.

Kosimo

Mar, 13/01/2015 - 00:10

• confesso che da ragazzino disegnai un crocifisso su un muro, ho temuto che mi uccidessero, alcuni individui adulti imbestialiti mi inseguirono fino a farmi venire l'affanno, fortunatamente alcune persone che passeggiavano verso di noi li bloccarono, ma erano all'oscuro di quanto accaduto e non capivano le loro grida. E non credo che gli stava a cuore la sorte del muro, era un muro di cinta di un cantiere edile destinato ad essere abbattuto

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Mar, 13/01/2015 - 01:02

Anno 2006-Romano Prodi, ad esempio, all’epoca leader dell’Unione di centrosinistra - disse: «Ho trovato quelle vignette di pessimo gusto. Tutti sanno quanto una caricatura di Maometto sia offensiva per il mondo islamico». Rocco Buttiglione, da ministro dei Beni culturali, definì «stupide» le vignette e condannò il leghista Roberto Calderoli, reo di aver indossato una maglietta con sopra impresse quelle immagini.Gino Strada, che nel commentare le proteste in Pakistan contro le vignette, affermò: «Mi pare che la situazione internazionale sia tale per cui qualsiasi fiammifero suscita incendi». Sicuramente oggi si tratta di un "contrordine compagni!" Speriamolo, almeno altrimenti vuol dire che abbiamo perso 8 anni in chiacchere. Dimenticavo che hanno fatto dimettere pure un ministro....va beh....coerenza mia ,dove stai con costoro?

Ritratto di marforio

marforio

Mar, 13/01/2015 - 01:26

@lucianaza. A trovarle tutte queste vergini.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Mar, 13/01/2015 - 02:28

@Dordolio - Galaverna ha ragione da vendere. E' lei, caro lettore, ad essere fuori strada e non conoscere l'islam.

Ritratto di gabrichan46

gabrichan46

Mar, 13/01/2015 - 07:36

Mi unisco al coro di quanti sostengono di non capire perché per dimostrare la libertà di pensiero di qualcuno gli si debba riconoscere il diritto di offesa. Ma non offesa alla persona, che può o non può liberamente rispondere, ma offesa ad una fede. Si vuole distruggere quel poco di sacro che è rimasto nella nostra società in nome di una mal interpretata libertà di pensiero.

Ritratto di Situation

Situation

Mar, 13/01/2015 - 07:52

......ci si vuole sempre parare il "culetto" con l'affermare che "questa è satira" oppure "è solo una provocazione" SU QUESTO NON SONO AFFATTO D'ACCORDO e chi lo dice è convinto di essere il Campione Mondiale dell'ateismo e della miscredenza. Sono d'accordo che chi è contrario a CH basta che non lo acquisti ma resta comunque un giornalaccio vergognoso che manca di rispetto a chiunque (guardacaso è un foglio dell'estremissima sinistra francese). É una questione di rispetto che andrebbe riportata ad un minimo di decenza per legge. Me ne fotto del villipendio alla religione ma qui parliamo di mancanza di rispetto inaccettabile. Io sono un discreto bestemmiatore ma quando sono con altre persone che non conosco non mi sogno nemmeno di tirare un "porcone" nel timore di poter offendere la loro credenza e/o suscettibilità

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mar, 13/01/2015 - 09:02

@paco51 - la tua libertà finisce dove inizia quella degli altri, non dove dice maometto, Gesù cristo o chicchessia.

Mario Marcenaro

Mar, 13/01/2015 - 09:06

Quello che non si riesce proprio a capire consiste nel fatto che la maggioranza delle persone si ostina in massa a guardare il dito, invece della luna che esso indica. Chissà se un giorno qualcuno comincerà a guardare con più attenzione, ed a pensare un tantino di più, in modo da iniziare a comprendere che l'Islam non è né è stato, da sempre, una religione. E si che qui da noi in Italia sono innumerevoli le torri di avvistamento lungo le nostre coste a ricordarcelo, torri costruite nei secoli per cercare di ridurre, con gli avvistamenti di vascelli provenienti soprattutto dalle coste est del Mediterraneo, , invariabilmente pirateschi (mamma li turchi), gli effetti di razzie di donne, bambini e di beni, quelli di allora, nonché le eliminazioni cruente in massa degli uomini, se non a fini di schiavitù, e le distruzioni di interi paesi.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 13/01/2015 - 09:08

1-"le religioni sono l'oppio dei popoli"....C'è chi ancora sta fumando alla grande,e chi ha smesso di fumare.... 2-la satira "sacra"(volendola fare),sarebbe opportuno evitarla,sopratutto in ambienti dove tuttora si "fuma molto". 3-l'"occidente"(a tradizione "cristiana"),ha in genere,smesso di fumare da 500 anni("progresso"),ma in fatto di "moralita",sta andando palesamente a PATTUGLIA,con tutta una serie di "aperture"("progressismo"). 4-I paesi "islamici",tuttora fumano molto("arretratezza"),con però meno "progressismo" 5-il mondo ebraico,IDEM come 4,in fatto di "arretratezza",con però più "progressismo" 6-interessi geo-politici giocano nel mezzo. 7-la coperta "progresso-progressismo",è decisamente corta,difficilmente adatta a tutti. Morale:ciascuno a casa propria a curarsi in propri MALI,o tenerseli,altro che "multiculturalismo"!

biricc

Mar, 13/01/2015 - 09:10

Gangelini, condivido.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 13/01/2015 - 09:23

Non mi ci stava: 8-gli "ospiti",in un Paese che fuma poco,sono pregati,per i motivi di cui sopra,e per evitare il punto 2),DI NON FUMARE!(come rispettosamente fanno gli altri all'opposto)

angelomaria

Mar, 13/01/2015 - 09:24

E PURTROPPO NOTO LA SOLITA IPOCRISIA ITALICA AL MEGLO SU QUESTO SITO OGGI O FORSE SELA FANNO SOTTO !!!BUONGIORNO E BUONTUTTO A VOI CARI LETTORI E DIREZIONE! NONLASCIAMO VINVERE I TERRORISTI!!!

Holmert

Mar, 13/01/2015 - 09:49

Io non capisco una cosa, come mai Charlie se la prende costantemente con Maometto, a voler dissacrare quella religione. Bisogna prendere atto che quella religione conta più di un miliardo e mezzo di proseliti, molto più numerosi di quella cattolico-cristiana, dico cattolico-cristiana ,la nostra e non cristiana-protestante, con i quali facciamo pari e patta. E' come se un nostro giornale satirico si mettesse a dileggiare Cristo ed il Padreterno con la scusa della satira. Certo la satira deve essere libera, ma ogni libertà ha come indiscutibile confine quella degli altri. Deve esistere un distinguo fondamentale tra satira e calunnia. Certo un paese civile reagisce alla calunnia con la querela, la barbarie reagisce con il kalashnikov. Ben sapendo ciò ,andrebbero evitate le provocazioni. Tutto qua-

marco.olt

Mar, 13/01/2015 - 10:05

Leggetevi Orianna Fallaci ci ha visto lontano, neanche la satira va bene? La libertà in casa nostra è a rischio, e chi vuole imporci le regole in Europa ha già iniziato la sua guerra, per ora mandano avanti gli squilibrati. Ammazzano, stuprano, tagliano le teste, tutta brava gente, poverini sono stati provocati, sono stressati dall'occidente. Quando saranno nel numero giusto detteranno leggi (coraniche) e torneremo indietro di 2000 anni.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 13/01/2015 - 10:41

@Holmer:lei scrive:" ma ogni libertà ha come indiscutibile confine quella degli altri"....Giusto!...Come la mettiamo,con il fatto di pretendere di "voler fumare" in un Paese,che 500 anni fa ,ha iniziato a disintossicarsi dal "fumo"?

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 13/01/2015 - 13:01

Charlie non è un giornale satirico, non fa satira, come non la fanno Guzzanti Benigni Vauro. Costoro non hanno niente da spartire con Orazio. Confondere la satira con l'invettiva è tipico di una cultura ormai prossima alla bestialità. Di questi giornali ce ne sono sempre stati dove è possibile praticare l'invettiva in piena libertà. Lo sa bene Crozza che nelle sue divagazioni comiche mai è entrato nell'orto dell'Islam o della magistratura. Maometto e Bocassini son troppo pericolosi per quelli come lui. Meglio Brunetta. Charlie, in piena libertà, ha abusato e, in piena libertà, sottovalutato la virulenza dell'Islam. E' andata male a chi ci ha lasciato le penne e lo doveva sapere ed è andata bene a chi è sopravvissuto ed aumentato la tiratura. Loro son morti ma il problema resta, si chiama islamizzazione.

Holmert

Mar, 13/01/2015 - 14:17

Caro Zagovian, se uno vuole fumare nessuno potrebbe impedirglielo. Resta il fatto che fumare fa male alla salute: ormai è risaputo che molti fumatori ammalano di cancro polmonare. Fa male sia il fumo diretto che passivo, respirato dagli altri. Un articolo della costituzione dice che lo stato tutela la salute. Ecco perché lo stato interviene. Resta la libertà di fumare e se uno vuole farsi del male, se lo fa in scienza e coscienza, però secondo legge e disposizioni dello stato che concilia diritti degli uni e degli altri, fumatori e non. Chiaro? Intelligenti pauca.

pc64

Mar, 13/01/2015 - 17:35

@ Holmert. Guarda che Charlie Hebdo ha fatto molte vignette che potremmo definire anti-cattoliche, ed ha riservato ai cattolici esattamente lo stesso epiteto che ha affibbiato ai musulmani: cretini. Se non ci credi, vai a vedere la serie di vignette pubblicate sul sito del Corriere della Sera. Si può discutere sul cattivo gusto di alcune (o molte) di esse, ma sull'imparzialità non c'è dubbio: l'obiettivo era (e tutto sommato spero che lo sia ancora) di far incavolare tutti. Basta guardare la vignetta con il prete, il rabbino e l'imam che chiedono di velare (censurare) Charlie hebdo.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 13/01/2015 - 17:56

@Holmert:...bene,lasciamo pure che continuino "secondo la legge e le disposizioni dello stato,che concilia diritti degli uni e degli altri",a fumare l'oppio della loro religione,laddove "naturalmente" e "democraticamente" analogo diritto al loro paese,ci è vietato!!

Holmert

Mer, 14/01/2015 - 14:01

@pc64 non vedo cosa cambia. La satira , ribadisco deve avere dei confini. La libertà non può essere illimitata. Come dire io faccio satira, ho libertà di farla , e dico ciò che mi pare e piace. La satira, secondo il mio pensiero, deve essere mordace, ma deve avere dei limiti. Nessuna libertà è senza limiti, nemmeno quella della satira.

titina

Sab, 28/02/2015 - 18:16

l diritto alla blasfemia non è di un paese civile. ammazzare per delle vignette NO, ma la satira deve solo ridicolizzare, non insultare volgarmente