Con un clic da oggi è possibile salvare una persona da un'overdose

Un'app del telefono che può salvare la vita delle persone, è con questo scopo che l'ospedale Sant Pau di Barcellona ha ideato un'app per smartphone con la quale è possibile soccorrere dei tossicodipendenti che sono in balia di un'overdose

Un'app del telefono che può salvare la vita delle persone. E' con questo scopo che l'ospedale Sant Pau di Barcellona ha ideato un'app per smartphone con la quale è possibile soccorrere dei tossicodipendenti che sono in balia di un'overdose.

2RescApp, questo il nome dell'applicazione disponibile per Android, è stata creata perchè venga utilizzata dalle persone che trascorrono la propria quotidianità accanto a tossicodipendenti. Parenti, amici, operatori sanitari che vivono a fianco di eroinomani. Scaricando l'applicazione, chiunque avrà in suo possesso tutti gli strumenti per intervenire in caso di overdose e salvare così una vita umana.

In pochi giorni l'applicazione è stata scaricata da oltre 200 persone, dal momento che funziona senza wifi, e una volta attivata fornisce una guida di pronto intervento semplice e immediata. Alex Marieges supervisore di infermeria nell'unità di salute mentale dell'Ospedale Sant Pau è l'ideatore di 2RescApp e ha così spiegato com'è nata l'idea: '' L'applicazione fornisce un aiuto audio visivo. Spesso quando negli ospedali vengono distribuiti opuscoli su come affrontare un'overdose, questi vengono messi in tasca o finiscono in un cestino e così quando una persona si trova ad affrontarla poi non sa come comportarsi. Ecco allora l'idea di creare una guida comportamentale immediata consultabile dallo smartphone''.

Osservando le statistiche che dicono che nel 2013 il 3,4% delle persone morte in Europa tra i 15 e i 39 anni sono morte di eroina, che 70mila giovani nei primi dieci anni del nuovo millennio sono morti di overdose e che ogni anno tra il 9% e il 22% dei consumatori di eroina affrontano un'overdose non mortale, Marieges ha aggiunto: ''Le morti per overdose possono essere evitate, occorre intervenire prontamente quando si avvertono i sintomi e bisogna chiedere aiuto''.