Il comune di Barcellona espone statue di Franco in città: è polemica

Il comune di Barcellona a ottobre inaugurerà nel quartiere del Born la mostra ''Franco. Victoria. República. Impunidad y espacio urbano'' all'interno della quale saranno inserite statue del periodo franchista, la sinistra catalana è insorta

Questi giorni d'agosto stanno rendendo incandescente il clima a Barcellona. Nella città catalana infatti si respira un' aria bollente e non per le temperature estive, ma per una mostra artistica che verrà inaugurata ad ottobre e al cui interno verranno esposte due sculture simbolo del franchismo.

Nel quartiere del Born, rione del centro storico, ad ottobre verrà infatti tagliato il nastro della mostra dal titolo Franco. Victoria. República. Impunidad y espacio urbano. E nel contesto di questa esposizione il comune ha deciso di inserire anche due statue legate al periodo del franchismo, nello specifico: la Victoria di Frederic Marès e il Franco equestre di Josep Viladomat.

Due sculture fortemente legate al regime del Caudillo che il comune di Barcellona ha voluto inserire all'interno dell'esposizione sull'uso dell'arte nello spazio pubblico e che, stando a quanto dichiarato dal Governo municipale: ''sono un invito alla riflessione e al dialogo e in nessun caso si tratta di apologia al franchismo e non c'è un'intenzione politica né di provocazione''.

Com'era prevedibile non sono mancate critiche a questa decisione e a salire sulle barricate e a opporsi alla scelta del sindaco e del comune sono stati i partiti ERC (Esquerra Republicana de Catalunya) e il partito indipendentista catalano CiO (Convergència i Unio') che hanno definito la scelta ''un insulto alla memoria democratica''.

Alfred Bosch dell' Erc ha chiesto all'amministrazione di Ada Colau di bloccare la decisione e ha aggiunto: ''quando ci sono migliaia di vittime senza risarcimento, l'anomalia la si fa diventare normalità'', mentre Jaume Ciurama del Ciu ha alzato il tiro aggiungendo: '' Dopo banalizzare i morti nel Mediterraneo, ora si banalizza anche il franchismo''.

Commenti

blackindustry

Sab, 06/08/2016 - 19:16

Beh si sono banalizzati i morti fatti dal comunismo, si stanno banalizzando i morti fatti dai terroristi musulmani, non vedo che differenza ci sia nel normalizzare il franchismo in Spagna. Per lo meno Franco avrebbe impedito la resa della Spagna alla UE usuraia.

Anonimo (non verificato)

lorenzovan

Sab, 06/08/2016 - 20:02

franco...il macellaio spagnolo...che fu molto ma molto peggio del benito..ma molto molto piu' intelligente di lui..non entro' in guerra...salvo' spagna e spagnoli...e mori' di vecchiaia nel suo letto

alox

Dom, 07/08/2016 - 14:01

I fatti della storia non si cancellano: in Ucraina fanno sparire tutto cio' che ricorda il passato Comunista. Per me I personaggi da mettere e ricordare nelle piazze sono altri non chi riconosce la Dittatura un alternativa!

Ritratto di gian td5

gian td5

Lun, 08/08/2016 - 15:37

Hanno poco da protestare, anzi dovrebbero essergli grati, Franco ha evitato che il morbo comunista si diffondesse in Spagna e in Europa ed ha tenuto fuori la sua nazione dalla seconda guerra mondiale, può essere solo inviso agli assatanati seguaci del barbuto di Treviri.