Corea del Sud, jet russo sconfina: Seul spara colpi di avvertimento

Un bombardiere russo ha violato lo spazio aereo sudcoreano, costringendo Seul a sparare colpi di avvertimento. Poche ore prima un altro episodio simile con sconfinamento di aerei da guerra russi e cinesi

La Corea del Sud ha ordinato ai propri caccia di alzarsi in volo e sparare colpi di avvertimento contro un jet militare russo, colpevole di aver violato lo spazio aereo di Seul. La Russia ha negato lo sconfinamento, parlando di volo pianificato sopra le acque neutrali del Mar del Giappone.

Stando a quanto riportato dall'agenzia Yonhap, l'areo russo sarebbe invece entrato per due volte in area di competenza sudcoreana. Non è la prima volta che mezzi aerei russi violano la cosiddetta zona di identificazione di Difesa sudcoreana, anche se non era mai successo che a farlo fosse un bombardiere.

Il jet ha sorvolato lo spazio aereo nella parte orientale della Corea del Sud, vicino alle isole Dokdo, per due volte, ognuna delle quali per una durata di tre minuti. Seul è stata costretta a sparare colpi di avvertimento per allontanare i mezzi, che non hanno risposto al fuoco. Per respingere l'intrusione, il governo sudcoreano ha schierato aerei K-15K e F-16K, i quali hanno sparato 360 colpi di avvertimento: 80 durante la prima violazione russa, avenuta alle ore 9 locali (le 2 del mattino in Italia), 280 nella seconda.

L'ira di Seul

La situazione resta complessa e da monitorare con attenzione, perché poco prima del primo sconfinamento c'era stato un altro episodio simile; nelle ore precedenti due aerei da guerra cinesi avevano violato lo spazio sudcoreano, per poi unirsi ad altri bombardieri russi e dirigersi verso il Mare del Giappone. La violazione è durata circa 25 minuti, scatenando l'ira di Seul.

La Corea del Sud parla di una chiara violazione dei trattati internazionali e intende protestare nei confronti di Russia e Cina; il ministero della Difesa sudcoreano convocherà i funzionari dell'ambasciata russa e cinese per chiedere spiegazioni sull'accaduto.

Mosca nega sconfinamento

La Russia ha negato la ricostruzione dalla Corea del Sud. In una nota diffusa dal ministero dela Difesa ruso, Mosca afferma che i bombardieri hanno volato al di fuori dello spazio aereo sudcoreano. "Due bombardieri Tu-95MS delleforze armate russe hanno effettato un volo pianificato sopra le acque internazionali del Mar dl Giappone". Al momento la presunta violazione non ha prodotto vere e proprie rotture, ma Seul ha fatto capire che, se dovesse ripetersi un episodio simile, l'aviazione sudcoreana sarà pronta a rispondere in modo più efficace.

Commenti

Pitocco

Mar, 23/07/2019 - 09:07

I russi stanno mettendo a punto i sistema di controllo radar e verificano i tempi di reazione. Nulla di nuovo.

bangcube

Mar, 23/07/2019 - 13:35

Si parla da una parte di violazione dello spazio aereo sudcoreano, dall'altro di intrusione nella zona di identificazione della Difesa sudcoreana. La seconda non è lo spazio aereo sudcoreano, ma uno spazio aereo internazionale dove tutti hanno il diritto di navigare. Quindi staremmo parlando di un caso che ricade nella normale amministrazione (si vedano i sorvoli ai margini dello spazio aereo USA o scandinavo da parte dei Russi, o del Baltico o del Mar Nero da parte dell'USAF e dei suoi partner NATO).

agosvac

Mar, 23/07/2019 - 14:09

Semplicemente ridicoli: se i Russi o i cinesi avessero realmente l'intenzione di attaccare la Corea del Sud, questa neanche se ne accorgerebbe: sarebbe distrutta prima di capirlo.

Ritratto di vraie55

vraie55

Mar, 23/07/2019 - 17:23

Che forse i coreani abbiano fatto qualche "porcheria diplomatica" di troppo con il loro alleato?

alox

Mar, 23/07/2019 - 20:03

Peccato che il presidente Moon Jae-in ha sparato a salve: doveva fare come Erdogan nel 2015 ...perche' e' l'unica lingua che il dittatore nano capisce!

alox

Mar, 23/07/2019 - 20:04

SPutino cerca rogne...

alox

Mar, 23/07/2019 - 20:07

Poveri Russi dal comunismo alla dittatura comunista….