Così il kamikaze siriano è stato accolto dalla Ue

Il passaporto trovato allo Stade de France inchioda le politiche buoniste dell'Europa

Si chiama Ahmad Almohammad. Il suo passaporto, trovato allo Stade de France "accanto" a uno dei jihadisti, risulta essere stato registrato il 7 ottobre a Presevo, nel sud della Serbia a ridosso del confine con la Macedonia, da un profugo che ha poi presentato richiesta formale di asilo. Le autorità di Belgrado hanno "accertato", su richiesta di Parigi, che i dati coincidono con quelli del migrante registrato il 3 ottobre a Leros in Grecia. Ma è difficile stabilire se quel nome coincida realmente con uno dei jihadisti che venerdì notte hanno ammazzato oltre 130 innocenti a Parigi. Secondo i servizi americani, infatti, il documento sarebbe falso perché "non contiene i numeri corretti per un passaporto legittimo e la foto non coincide con il nome". Il rischio, però, è che le identità fornite dagli immigrati che invadono l'Europa siano inventate e che dietro al rilascio dei passaporti si nasconda un business pericolosissimo.

Il quotidiano belgradese Blic ha pubblicato a tutta prima pagina, e in "esclusiva mondiale", la foto del passaporto siriano trovato sul luogo dell’attentato allo Stade de France. Il giornale precisa che Ahmad Almohammad, questo il nome che figura sul passaporto, è nato il 10 settembre 1990. Ha, quindi, 25 anni. Il 7 ottobre scorso è entrato in Serbia dalla Macedonia al centro di accoglienza di Presevo, dove è stato regolarmente registrato. Quindi, sempre secondo le fonti sentite da Blic, ha superato tutti controlli e le verifiche antiterrorismo, a cui vengono sottoposti tutti i migranti che entrano in territorio serbo, ed è stato assicurato che al momento di tali controlli l’uomo non era armato. A Presevo ha presentato domanda di asilo, proseguendo poi il viaggio verso la Croazia e, quindi, l'Austria. "I servizi francesi - scrive il giornale - dopo le stragi di Parigi, si sono rivolti ai colleghi serbi poiché sanno che i servizi di sicurezza della Serbia sono i più informati sui migranti in viaggio lungo la rotta balcanica".

Attorno al passaporto persiste un forte alone di mistero. Fonti di intelligence di Washington hanno denunciato che "il passaporto non riporta il giusto numero di serie di un documento siriano e che la foto non corrisponde al nome". La notizia, se confermata, potrebbe far cambiare la pista che vedeva il sospetto come un profugo in furia dalla Siria passato e registrato il 3 ottobre sull'isola di Leros. Il passaporto potrebbe essere stato, quindi, rubato prima o dopo la registrazione in Grecia. Per fugare ogni dubbio la scientifica francese sta analizzando i resti del corpo del terrorista islamico per cercare di risalire attraverso l’analisi del dna alla sua vera identità.

Commenti
Ritratto di Sniper

Sniper

Dom, 15/11/2015 - 20:46

In altre parole, il TITOLO e` smentito dall'ARTICOLO. Non c'e` conferma che il morto sia lo stesso siriano accolto via Serbia. Ora, sapendo che il lettore medio del Giornale legge solo il titolo, e poi pontifica a capo.chia, contiamo quanti ci cascano (comunque complimeti al Giornale per la disinformazione che pratica!)

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 15/11/2015 - 20:51

Secondo me la VERITA NON ce la diranno mai, per non allarmare come vogliono i soliti BUONISTI del MENGA. Mentre bisognerebbe mettere in atto il famoso detto:"PER COLPA DI QUALCUNO NON SI FA CREDITO A NESSUNO" i vecchi detti saggi non falliscono MAI. Pax vobiscum dal Nicaragua.

Ritratto di giangol

giangol

Dom, 15/11/2015 - 21:07

noi italiani gli diamo pure casa, iphone 7, adsl 20mb, sigarette, pensione, assistenza medica gratis, abbonamenti mezzi pubblici, corsi formazione gratis, sussidi a tutta la sua generazione e cittadinanza.

chiara 2

Dom, 15/11/2015 - 21:27

Sniper...ma che rompi palle!!

nunavut

Dom, 15/11/2015 - 21:58

Ma volete insegnare a quella gentaglia come avere passaporti falsi o come si sono volontariamente scambiati per sviare le inchieste?@ Sniper mi chiedo come lei non faccia parte del governo,dei 007 Italiani o degli istruttore delle spie segrete dell'UE.La trovo veramente ma veramente d'intelligenza superiore a tutti lettori dei giornali sia di DX sia di SX. P.S.Non ho mai visto il suo nickname su Repubblica,Espressoo Corriere della Sera.

Ritratto di Ivano Colzani

Ivano Colzani

Dom, 15/11/2015 - 22:17

@Sniper Primum complimenti per il nickname buonista che si è dato; deinde ho letto tutto l'articolo (anche se sono un assiduo lettore del Giornale, mi sono fatto forza e alla fine ce l'ho fatta) e mi sono posto un problema: se, come sembrerebbe, il passaporto siriano ritrovato sarebbe falso, ciò varrebbe sia nell'accusa oramai caduta di affibbiare la strage ai nostri amatissimi rifugiati ma nel contempo dimostrerebbe che è assai facile dotarsi di documenti falsi in uscita da quello Stato e pertanto le identità dichiarate al momento della domanda per l'ottenimento dello status potrebbero in molti casi non essere quelle vere, facendo mancare il sottostante a ciò che serve per diventare un cocco dell'occidente. A meno che, come voi sinistri date ad intendere, debbano essere accolti tutti coloro che riescono a toccare il nostro suolo senza alcuna motivazione prevista dalla legge attuale.

daParigi

Dom, 15/11/2015 - 22:18

Questo aricolo è scandaloso!!! Io vivo a Parigi, qui è da STAMATTINA che tutte le testate hanno pubblicato un articolo dicendo che il PASSAPORTO ERA FALSO! I numeri non sono corretti e la foto non corrisponde al soggetto! Aprite un qualsiasi giornale, da le monde a figaro, almeno leggerete qualcosa di serio!

Ritratto di hernando45

hernando45

Dom, 15/11/2015 - 23:23

daParigi carissimo,che il passaporto fosse falso nessuno lo dubita,perchè, perchè questo FOREING FIGHTER ARABO naturalizato francese che si è recato in Siria a "specializarsi" è poi, con un FALSO passaporto è rientrato con i barconi dalla Turkia ,via Grecia e Serbia in Francia o Belgio FINGENDOSI UN FINTO PROFUGO. Perche se sarebbe RIENTRATO in Aereo dalla Siria,con il suo passaporto FRANCESE, qualcuno avrebbe potuto sospettare hai capito o devo farti un disegnino??? Resta li a PARIGI a dormire BONNE NUIT!!! dal Nicaragua.

nunavut

Lun, 16/11/2015 - 00:44

@ da Parigi guardi che non occorre leggere i giornali francesi per sapere la verità su qualunque cosa che sia successa,pure i giornali italiani lo hanno scritto e pure in questo articolo é dichiarato che il documento é fasullo,non si fidi solo al titolo legga l'articolo.Il titolo oggigiorno é quasi sempre uno specchio per allodole.

papik40

Lun, 16/11/2015 - 02:45

Chiunque non sia in possesso di un documento di identita' non dovrebbe essere accolto ne' come rifugiato ne' come migrante! Abbiamo gia' avuto un esempio di un migrante che aveva venduto il suo passaporto!!!!!

Ritratto di V_for_Vendetta

V_for_Vendetta

Lun, 16/11/2015 - 05:15

sniper ha raguone, per questo il governo italiano fuga igni dubbio, tutti coro che ai presentano, e tutti senza documenti, li stato italiano produce un documento di identita', un numero previdenziale, lo fornisce di un codice fiscale, di un cellulare ultima generazione, soldi, vestiti, ricariche telefoniche, sigarette. in questo modo sappiamo sicuramente da dove sono entrati.......... sniper ma vada a scopare il mare.

Franco40

Lun, 16/11/2015 - 09:04

Sniper: non vedo nessuna contraddizione tra Articolo e Titolo. Mi sembra che il testo indichi perfettamente che importanti controlli siano in corso in tutto il mondo. Basta capirlo. Saluti

fiorerosso

Lun, 16/11/2015 - 20:08

CHIUDERE LE FRONTIERE E NASSACRARLI OVUNQUE ESSI SIANO, NEI LORO COVI IN SIRIA E IRAQ E LIBIA. MASSACRARLI, NON DEVE RIMANERE PIU' UN'UNGHIA DI LORO. STERMINIO TOTALE