Danimarca, vieta la discoteca agli immigrati: ora rischia il carcere

Troppe le molestie dei profughi contro le donne. Così li ha esclusi dal locale. Ma ora rischia di finire in galera per razzismo

Le donne che frequentano il suo locale notturno si erano lamentate: "gli immigrati ci danno troppe attenzioni, sono troppe le molestie che subiamo. Così il titolare ha deciso di chiudere la discoteca a tutti gli uomini adulti che non parlano inglese, tedesco o danese. Ora, però, rischia di finire in carcere ed essere perseguito con l'accusa di razzismo. Ma non ci sta e rilancia: "Piuttosto che tornare indietro nella mia scelta, vado in galera".

Tom Holden è il proprietario di una discoteca di Soenderborg, in Danimarca. Troppe volte aveva dovuto ascoltare le lamentele delle clienti che erano impaurire dai migranti che "mettono le mani addosso". Così ha chiuso la discoteca agli immigrati. Ma questo potrebbe costargli una incriminazione per razzismo: "Mi riservo il diritto di gestire il mio business come ho fatto tutti gli anni, quindi prima che ci fosse la guerra in Siria, e ho intenzione di continuare. Se qualcuno la pensa diversamente, vadano pure in tribunale". "Un sorriso - aggiunge - non è un invito a fare sesso".

"Ci sono stati episodi in cui gli immigrati hanno ballato troppo vicino alle donne - continua, intervistato dal Daily Mail - e casi in cui hanno messo loro le mani addosso". "Quando le donne gli hanno detto di fermarsi - racconta Tom - loro hanno continuato. È difficile dirgli di smettere se non parlano la nostra lingua". Il problema delle molestie in discoteca non si presenta ovviamente solo con gli immigrati. Ma con questi, afferma Holden, è impossibile ragionare se non parlano il danese, il tedesco o l'inglese. Così li ha esclusi dal locale.

Sulla sua decisione non ha intenzione di fare passi indietro nemmeno il proprietario di un altro locale, Glenn Hollender. Anche lui ha preso la stessa decisione di Tom Holden. "I migranti che stanno nei centri di accoglienza - dice - fanno fatica a rispettare l'altro sesso". "Se una donna ti dice di non toccarla e tu continui, secondo me è una molestia - continua - ma i migranti troppe volte hanno ignorato le parole delle ragazze e le nostre raccomandazioni a comportarsi diversamente".

La legge danese parla chiaro: "Chiunque in un locale commerciale o di pubblico servizio discrimina una persona secondo razza, colore, origine nazionale o etnica, religione o orientamento sessuale e gli nega servizio alle stesse condizioni degli altri, è sanzionabile anche con la reclusione fino a 6 mesi". Secondo il Mail, un avvocato danese che lavora presso un istituto per i diritti umani ha detto che ci sarebbero gli estremi per controllare se le decisioni dei proprietari dei locali sono fatte con intento discriminatorio. Ma al momento non sono state presentate denunce. Se questo avvenisse, ha confermato la polizia, dovrebbero essere aperte le indagini.

Annunci

Commenti

Mizar00

Ven, 29/01/2016 - 10:52

Basta cambiare il cartello: vietato l'ingresso a chi non rispetta le donne. Il risultato è lo stesso.

Ritratto di Loudness

Loudness

Ven, 29/01/2016 - 10:54

Altra cosa da eliminare sono tutti questi avvocaticchi collaborazionisti degli invasori...

GMfederal

Ven, 29/01/2016 - 10:55

Sboldrina vai a danzare in Danimarca, forse qualche tua risorsa si fa avanti..

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 29/01/2016 - 10:55

Forse, sarebbe meglio che tutti gli Italiani vadano in prigione??? in questo modo, hanno assicurati """VITTO E ALLOGGIO"""!!!

Holmert

Ven, 29/01/2016 - 10:57

Gli stati europei sono impazziti.Prevalgono i giacobini di estrazione alla Danton ed alla Babeuf,vedono solo i diritti degli altri ai quali antepongono quelli dei loro cittadini,nel nome di un falso buonismo e terzomondismo comandato e demandato agli altri, mentre loro vivono protetti,con autista e scorta al seguito. Agli europei tutti, gli sta bene,hanno condizionato il popolo ignorante come capre a seguirli il quele si lamenta di quello che gli succede intorno, ma continua a sostenere questa gente idealista e cxnxglia. Sino a quando ,tra non molto non si assisterà allo sfascio totale. Quello che è successo a Colonia e solo una avvisaglia da non sottovalutare. In Europa abbiamo solo paura del ritorno del fascismo e del nazismo e di ciò ci stanno rintronando il cervello ed i più abboccano, dimenticandosi di quello che gli capita intorno.

marco.olt

Ven, 29/01/2016 - 11:00

Sono dalla parte del gestore. E poi non esiste più il personale all'ingresso? Ricordo che c'erano dei bestioni che filtravano e facevano la selezione all'ingresso su chi era opportuno fare entrare o no.

venco

Ven, 29/01/2016 - 11:03

Difendere la propria terra, la propria casa e la propria dignità non è razzismo.

Lino.Lo.Giacco

Ven, 29/01/2016 - 11:05

la becera europa, o quei paesi che pensano di farne parte si preoccupano di far rispettare una legge civile creata per tutelare i civili, ma se uno si comporta da bestia immonda deve essere punito in maniera forte e determinata. affanculo la legge se non viene rispettata da tutti!

Rossana Rossi

Ven, 29/01/2016 - 11:08

Ma come? Volete negar loro dopo che gli date soldi,telefono, casa, sigarette , wi-fi, tv ecc.ecc. anche un sano divertimento in discoteca con incluso palpeggiamento ? Ma che razza di ospitalità date a queste 'risorse'? Se lo sa la sboldrina..............

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 29/01/2016 - 11:08

Se ciò che hò scritto sopra, non è possibile, METTIAMO IN PRIGIONE TUTTI I COMPONENTI DI QUESTA MARCIA GIUSTIZZIA, COMPRESI I DIRIGENTI PARLAMENTARI,CHE ASSECONDANO TUTTO IL MARCIUME DI QUESTI FALSI CHE LA RAPRESENTANO!!!

Dordolio

Ven, 29/01/2016 - 11:12

Mizar, la risposta sarebbe che le nuove risorse rispettano moltissimo le donne, visto che le pretendono velate e/o coperte "a loro protezione". Ritorno a prendere in considerazione quanto mi disse quello: "ricorda sempre che per "loro" la donna non velata è solo "selvaggina"...

maurizio50

Ven, 29/01/2016 - 11:12

Ecco dove gli imbecilli cattosinistrati di casa nostra traggono ispirazione per le loro porcate: in Danimarca!!!!! A questo punto forse varrebbe la pena di domandare l'annessione alla Federazione Russa!!!!!!

timba

Ven, 29/01/2016 - 11:16

Se un locale è privato, di proprietà privata, al suo interno può fare entrare chi vuole. Punto. Altrimenti è razzismo anche precludere l'ingresso agli animali, o ai minori, o ai portatori di pacemaker. E se mai vincesse il giudice, prima cosa che io farei fossi il proprietario, sarebbe di andare a pregare in una moschea con una vagonata di donne. Appena mi dicono che non possono entrare, li denuncio per razzismo. E vediamo cosa si inventeranno per dire che in questo caso è diverso..... IMBECILLI

venco

Ven, 29/01/2016 - 11:19

C'è un errore di fondo in tutta Europa sugli immigrati, questi essendo clandestini, anche se richiedenti asilo, non vanno assolutamente trattati alla pari dei cittadini

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 29/01/2016 - 11:22

La Danimarca deve schiarirsi le idee. Da una parte sequestra i beni dei migranti, dall'altra consente molestie e, a quanto pare, atti di libidine violenta a danno delle proprie donne perpetrati dai migranti stessi. A questo portano le sbronze di politically correct.

canaletto

Ven, 29/01/2016 - 11:24

GIUSTO. QUELLI LI CI DEVONO RISPETTARE E NON FARE I CxxxI LORO. IL TITOLARE HA RAGIONE MA QUI NEL PAESE DEL BENGODI LE PORTE DEL CARCERE PER GLI ITALIANI SONO SEMPRE SPALANCATE, PER I CRIMINALI, MAI. CHE SCHIFO DI PAESE CON I PIDIOTI AL POTERE

Mobius

Ven, 29/01/2016 - 11:30

Esatta radiografia, Holmert (10:57).

Sentry

Ven, 29/01/2016 - 11:31

non ho capito, qui ci sono locali dove all'entrata ti fanno tornare indietro se non hai abbigliamento adeguato e la uno rischia il carcere perche fa stare fuori dei dementi che non sanno tenere le mani a posto? putroppo quella gente li non solo non dovrebbe stare in discoteca ma non dovrebbe stare in europa.. scusate... eurabia

vince50

Ven, 29/01/2016 - 11:33

Non credo ci siano più dubbi,c'è una buona parte degli Europei che hanno deciso di rovinare definitivamente la propria terra.E come se no bastasse, questa manica di disgraziati detengono il potere politico e giudiziario.Credo che sino a quando il termine razzismo non verrà rivalutato con l'orgoglio e la dignità che merita,saremo pezze da piedi e anche di peggio.

Ritratto di Simbruino

Simbruino

Ven, 29/01/2016 - 11:42

La verita'e'un altra, gli immigrati non hanno soldi e non tracannano fiumi di alcool a prezzo supermaggiorato con grande benefico economico per il gestore. Quindi non li fanno entrare per questo. Altrimenti questi ragazzi negri sono i piu'ambiti dalle danesi ,almeno sessualmente.Gia'nelle scuole superiori i figli dei somali o dei nigeriani o degli eritrei emigrati, nati in Scandinavia, o portatici da piccoli, sono l'oggetto massimo dei primi desideri naturali di tutte le fanciulle scandinave,e , almeno le piu'belle ,per questa nuova condizione si disinteressano completamente dei loro connazionali biondini.

Ritratto di Simbruino

Simbruino

Ven, 29/01/2016 - 11:42

La verita'e'un altra, gli immigrati non hanno soldi e non tracannano fiumi di alcool a prezzo supermaggiorato con grande benefico economico per il gestore. Quindi non li fanno entrare per questo. Altrimenti questi ragazzi negri sono i piu'ambiti dalle danesi ,almeno sessualmente.Gia'nelle scuole superiori i figli dei somali o dei nigeriani o degli eritrei emigrati, nati in Scandinavia, o portatici da piccoli, sono l'oggetto massimo dei primi desideri naturali di tutte le fanciulle scandinave,e , almeno le piu'belle ,per questa nuova condizione si disinteressano completamente dei loro connazionali biondini.

DocLin

Ven, 29/01/2016 - 11:48

Usano la pretestuosa, strumentale, mistificante, accusa di "razzismo" per tappare la bocca e intimidire qualunque tentativo di tutelarsi e difebdersi.

Ritratto di chiri

chiri

Ven, 29/01/2016 - 11:50

Allora che si crei una sala solo a chi lavora per vivere e rispetti le regole di convivenza in caso contrario può chiamare aiuto

Invisibleman

Ven, 29/01/2016 - 11:59

tranquilli, che prima o poi ste cose finiranno... e di sicuro quando accadra ci saranno i fuochi d'artificio

Ritratto di Dentes72

Dentes72

Ven, 29/01/2016 - 12:15

Quindi questi soggetti sono legittimati a comportarsi come degli animali.. non fa una grinza..

onurb

Ven, 29/01/2016 - 12:27

Mizar00. Il suggerimento è ottimo. In ogni caso si dimostra che il buonismo politicamente corretto fa danni in tutta Europa.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 29/01/2016 - 12:37

ma l'entrata è gratis? Se no, come fanno avere i soldi questi "disperati" del menga? Tanto mangiare e affitto non ci devono pensare!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 29/01/2016 - 12:40

questa vicenda dimostra che la sinistra NON capisce un ca...o!! esattamente come i loro cre.tini elettori, tra cui: XGERICO, ANDREA SEGAIOLO, DREAMER_66. TOTONNO58, ATLANTICO, SNIPER, AN_SIMO, LUIGITIPISCIO, PONTALTI, ecc.... i quali, come se niente fosse, criticano e insultano Berlusconi, dimenticandosi poi, delle gravi colpe che ha avuto il PD su TUTTE le vicende dal 1994 fino ad oggi!!!

roberto zanella

Ven, 29/01/2016 - 12:41

Ci si salva solo chiedendo la militarizzazione di un Ministero per l'immigrazione che comprenda anche la gestione dell Giustiza msganciata da quella civile .Togliere alla politica questa materia perchè ci porta alla distruzione .

agosvac

Ven, 29/01/2016 - 12:57

Questo gestore di discoteca ha tutta la mia simpatia: la sua è stata una scelta. O chiudere la discoteca perché i frequentatori usuali non sarebbero più venuti a causa delle molestie dei clandestini oppure impedire l'entrata agli stessi. E' stata una questione di sopravvivenza commerciale.

Iacobellig

Ven, 29/01/2016 - 13:01

SOLIDARIETÀ A QUESTO IMPRENDITORE, MANTENGA DURO!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 29/01/2016 - 13:14

Simbruino:....questa situazione non è da ecludere.A questo punto il proprietario,invece del "cartello" che vieta l'ingresso a chi non parla Inglese,Tedesco,Danese(come se il parlare queste lingue,fosse una garanzia...),avrebbe fatto meglio,ad appendere altro cartello/statistica(...magari "elettronico",visti i tempi moderni,che oltretutto costa una "cioccata"...),laddove le "clienti"(femmine),manifestavano il livello di '"accoglienza" di partners(maschi),"diversamente danesi"...

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Ven, 29/01/2016 - 13:18

La legge danese non garantisce la proprieta' privata? Una discoteca non e' un luogo pubblico e senza il consenso del proprietario non entra nessuno.

stogu

Ven, 29/01/2016 - 13:24

Prova odore. Se puzza di spezie, vietato entrare.

Ritratto di PAX_DIE

PAX_DIE

Ven, 29/01/2016 - 13:28

PIENA E TOTALE SOLIDARIETA' AL TITOLARE DELLA DISCOTECA , leggere di molestie stupri da parte di questi '' profughi'' deve finire , l'eurabia e' finita' THE END!

Dako

Ven, 29/01/2016 - 13:47

@ Mizar00 10:52 Ma che cavolo ha postato, e come vedere segnaletica 80 Kl. all`ora e poi si viaggia a 110 Kl. Il cartello non lo vedono non lo Hanno letto e i.... "palpaggi" continuano.

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 29/01/2016 - 14:12

ALLORA GALERA SIA! IO PARLO ITALIANO E LUI NON MI FA ENTRARE E GODERE DELLA "VICINANZA" DELLE DANESI???MA IN CHE NAZIONE ARABA SIAMO? :-)

Ritratto di Simbruino

Simbruino

Ven, 29/01/2016 - 14:15

Zagovian, chiunque si trovi legalmente in Danimarca ha diritto alla libera circolazione-Il gradimento delle danesi non e' materia trattata dal diritto internazionale, quindi le danesi non hanno diritto di imporre i loro gusti oltre le leggi, se il posto non gli piace se ne vanno e se subiscono reati chiamano la polizia.Poi e'il magistrato che SCRUPOLOSAMENTE CASO PER CASO, ridetermina i diritti dei cittadini e gli emette i divieti di frequentare locali pubblici o dove si servono alcolici-

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Ven, 29/01/2016 - 14:25

E' il "pensiero garantista ad oltranza " occidentale che deve essere portato in tribunale ...

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 29/01/2016 - 14:26

Così è se vi pare. Però non è una commedia di Pirandello, ma la prepotenza della classe egemone che ci guadagna sopra, a spese della povera gente.

cecco61

Ven, 29/01/2016 - 14:58

Molto accorto il signore e, a mio avviso, non può certo essere accusato di razzismo. Vieta infatti l'ingresso a chi non conosce certe lingue, non a chi è di una razza piuttosto che di un'altra. Questi signori troppo spesso reiterano i reati invocando la non conoscenza della lingua e di non aver capito bene quali fossero le regole da seguire o il fatto che la malcapitata non gradisse le sue attenzioni.

cgf

Ven, 29/01/2016 - 14:59

l'accusa di razzismo perché NON parlano danese, inglese o tedesco mi sembra un po troppo. In fin dei conti in Danimarca si parla il danese, sono state offerte altre due lingue, internazionali, se mi chiedi qualunque cosa e non posso servirti.... è una cosa ben diversa che dire non sono razzista ma è lui che è...

Blueray

Ven, 29/01/2016 - 15:09

Avrei fatto lo stesso anch'io!!

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 29/01/2016 - 15:14

SOLIDALE COL TITOLARE DELLA DISCOTECA, LE BESTIE NON POSSONO ENTRARE, LORO MOLESTANO LE DONNE E NON HANNO RISPETTO PER NESSUNO. COSA CENTRA IL RAZZISMO CON IL QUIETO VIVERE E LA MALEDUCAZIONE DI CERTA GENTE.

Ritratto di Rames

Rames

Ven, 29/01/2016 - 15:50

Sentite facciamo dei campi, li mettiamo tutti sui treni e poi una volta arrivati a destinazione o li fuciliamo o li gasiamo in appositi baracconi.Che dite?E ci togliamo il disturbo una volta per tutte.Ah?Bella idea no?

mariolino50

Ven, 29/01/2016 - 15:56

Simbruino Qui da noi entri in discoteca solo se vai bene al buttadentro, non basta pagare l'esoso biglietto, ma spesso devi essere anche presentato ed essere consono allo stile del locale, vedi le famose liste, oppure ti devi iscrivere come in locali ancora più esclusivi, e ti accettano solo se gli piaci e fai vedere il danè. Non sono come un normale locale pubblico tipo bar, dove può entrare chiunque, ma per chi si comporta male spesso ci sono quelli chiamati buttafuori, e li ho visti anche all'estero, spesso negroni alti due metri, con i quali è meglio non discutere.

nordest

Ven, 29/01/2016 - 16:02

Fare entrare gli emigranti castrati!

timoty martin

Ven, 29/01/2016 - 16:13

Politici Italiani, voi che tutelate più gli immigrati e dimenticate gli Italiani poveri, voi che siete cosi' generosi e permissivi con gli invasori, prendete esempio dai Paesi del Nord (Svezia, Danimarca), loro si' che applicano le leggi e hanno il coraggio di mettere le necessarie barriere. Complimenti al Sig. Holden, proprietario del locale.

Fossil

Ven, 29/01/2016 - 16:27

Piena solidarietà con il titolare del locale. Ha fatto benissimo! Ma il piano Kalergi deve andare avanti e così puniscono lui e proteggono i culi al vento...svegliamoci!

linoalo1

Ven, 29/01/2016 - 16:32

Evidentemente,in Danimarca,la Proprietà Privata non è tutelata!!!Mi sembra che,in tutto il Mondo,chiunque sia Padrone in Casa Sua!!!Quindi,a Casa Mia,faccio entrare solo chi voglio io!!!E penso proprio che sia il Pensare Comune,anche nel Terzo Mondo!!!!

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 29/01/2016 - 16:38

il problema non si pone. il Regno di Danimarca provvedera' a correggere la Legge.

ziobeppe1951

Ven, 29/01/2016 - 16:55

Con il Governo giusto verrebbe premiato altro che galera....comunque credo che ci arriveranno

Ritratto di Simbruino

Simbruino

Ven, 29/01/2016 - 17:25

@mariolino50, quello che dici e'grave anzi gravissimo, e le responsabilita'sono dei Questori e dei Prefetti ormai estrosi e fannulloni che dovrebbero essere arrestati tutti lorostessi -insieme al ministro Alfano se non fanno rispettare le leggi in presenza di palesi violazioni-I locali che descrivi tu con i buttadentro in Italia non possono esistere perche'sono contrari alla Costituzione, che non contempla cittadini piu'o meno esclusivi e secondo l'estetica ed il denaro-I gestori dei locali sono tutti generalmente zotici che vengono dalla miseria e lo stesso si puo'dire delle forze di polizia ed i magistrati che li lasciano fare,altrimenti i cittadini hanno il diritto di andare in qualsiasi locale pubblico, od esercizio commerciale,il quale puo'solo aumentare i prezzi se ha molte richieste ma non puo'discriminare i clienti secondo i suoi gusti.

Anonimo (non verificato)

Algenor

Ven, 29/01/2016 - 18:26

Seriamente la democrazia con i reati di opinione e discriminazione, ha di fatto eliminato la libertà di parola e di associazione dell'individuo privandolo del diritto di espressione e di scelta, come i "regimi totalitari" che condanna (fascismi) o da cui si dissocia (comunismi). Questo apparente paradosso non é più tale se si pensa che la democrazia moderna é nata con la Rivoluzione Francese ed il suo democratico Terrore animato dal furore ugualitario del nuovo stato-padrone, oggi molto più oppressivo (regolamenta ogni aspetto delle nostre vite e ci spia) delle vecchie monarchie assolute.

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 29/01/2016 - 18:34

Hanno talmente tanti soldi da permettersi la discoteca?

laura bianchi

Ven, 29/01/2016 - 18:39

Gli mancava solo la discoteca.BUFFONIIIIII!!

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Ven, 29/01/2016 - 19:06

Attenzione a quando saranno massa critica. Ci sarà da divertirsi. Altro che gestori, palpeggiamenti e tribunali. Probabilmente le femmine le legheranno per le trecce per trascinarle nelle capanne.

Fjr

Ven, 29/01/2016 - 19:28

E io che pensavo che i più' pirla eravamo noi, a quanto pare la Danimarca ci da' una bella lunghezza, sul fronte coglionaggine, ai due proprietari facciamogli un monumento, scusate poi come già' scritto ,in tutti i locali ci sono i buttafuori , per par condicio, per ogni danese sbattuto fuori ,basta sbattere fuori 10 baluba e il problema è' risolto;)

Ritratto di Legio_X_Gemina_Aquilifer

Legio_X_Gemina_...

Ven, 29/01/2016 - 19:36

Vedrai che tra un po' tutti i gestori si organizzeranno, tramite social network, ed escluderanno, tutti insieme, la feccia dalle loro attività commerciali. A quel punto le varie magistrature non saranno più in grado di vessare i cittadini onesti.

lorenzovan

Ven, 29/01/2016 - 19:51

ahhh paperonzolo sei gia' tutto eccitato ...vero??? treccie posticcie gia' pronte...evvaiiiiiiiiiii...lololol

blackbird

Ven, 29/01/2016 - 19:52

I razzisti devono stare in galera, così imparano a comportarsi. Se le danesine si sentono infastidite, primo si vestano adeguatamente, poi possono sempre fare a meno di andare in discoteca. E' il nuovo che avanza, prima o poi si dovranno adeguare anche loro!

Linucs

Ven, 29/01/2016 - 20:12

La galera, il carcere, il razzismo: intere nazioni ostaggio di leggi speciali volute dai soliti noti, per i soliti noti motivi. Prima o poi l'uomo biango s'ingazzerà e qualcuno finalmente pagherà il conto, tutto insieme.

Ritratto di Balamata

Balamata

Ven, 29/01/2016 - 20:19

X RAMES: Se continua cosi', a breve faremo come dici tu, non manca tanto

Ritratto di Xewkija

Xewkija

Ven, 29/01/2016 - 20:50

Per me e' un problema linguistico: i profughi avevano chiesto indicazioni per il bordello, non si sono capiti con gli autoctoni, e hanno sbagliato locale. Quando le donne dicono di fermarsi, poi, chissà quelli cosa capiscono. Anche la mimica e' diversa magari. Bisogna provare a spiegarsi a gesti, a usare un linguaggio inequivocabile, tipo calci in ****!

Ritratto di Ulrico

Ulrico

Ven, 29/01/2016 - 23:38

Che bella foto!!! Solo uno sbadato può preferire i danesi a questi magnifici eccelsi esemplari di africani.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 30/01/2016 - 00:48

Ma questi immigrati hanno i soldi per andare in discoteca?

unz

Sab, 30/01/2016 - 04:17

l'avogado danese in questione mandi la figlia, la sorella, la moglie o anche la madre a ballare in mezzo a coloro. Poi dopo vedremo se avrà ancora voglia dj denunciare i gestori. Diritti umani? di chi? Delle donne di mon essere molestate da bestie no?

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Sab, 30/01/2016 - 05:59

%a no. Basta far diventare il locale un club riservato solo ai soci, con ingresso solo a presentazione della tessera.

FRANZJOSEFVONOS...

Sab, 30/01/2016 - 07:48

ANCHE SE E' LOCALE PUBBLICO, MA IL RESPONSABILE E' SEMPRE IL PROPRIETARIO. ED HA LA LIBERTA' DI NON FAR ENTRARE PERSONE.SPECIALMENTE COLORO CHE PUBBLICAMENTE ED IMPUNEMENTE SONO A CONOSCENZA CHE VENGONO DIFESI DA POLITICI E ORGANIZZAZIONI LORO COMPLICI.

Ritratto di Raperonzolo Giallo

Raperonzolo Giallo

Sab, 30/01/2016 - 07:52

@lorenzovan. No, certi atteggiamenti mi danno il voltastomaco. Da cosa avevi capito il contrario? Non mi sembri molto intelligente.

routier

Sab, 30/01/2016 - 08:06

Se la discoteca in oggetto non è un esercizio pubblico, allora vale il principio che a casa mia entra solo chi voglio io. Tutto il resto risponde al politicamente corretto che è la più becera delle idiozie !

Mannik

Sab, 30/01/2016 - 08:41

@timba - Anche in Danmarca, quando un locale ha la licenza di esercizio pubblico, non è privato. Avventori possono essere allontanati se causano guai e gli si può rifiutare l'accesso se in precedenza ne hanno combinati.