La denuncia della modella: "Esclusa dalla sfilata perché sono israeliana"

Il racconto di Arbel Kynan: "È acora una cosa difficile per me da digerire". Intato sui social è stata lanciata una campagna per combattere l'antisemitismo

"Esclusa dalla sfilata di moda perché israeliana". È successo alla modella Arbel Kynan, secondo quanto ha raccontato lei stessa sulla sua pagina Instagram. Così, mentre si avvicina la giornata della memoria e i capi di Stato si incontrano per ricordare la liberazione del campo di sterminio di Auschwitz, c'è ancora chi deve combattere contro l'antisemitismo.

"Qualche giorno fa sono arrivata a Parigi per essere fotografata per un'azienda di moda molto rinomata che partecipa anche alla settimana della Haute Couture", ha raccontato la modella, affidando il suo sfogo al social. "Prima del mio arrivo a Parigi mi hanno detto che sarebbero stati felici di avermi alla sfilata", ha specificato Arbel Kynan. Così, una volta arrivata, la modella ha iniziato a lavorare e le sono state fatte diverse foto. Durante il servizio fotografico le è stato chiesto, come succede spesso, da dove venisse: "Ovviamente, ho risposto con un grande sorriso che ero di Tel Aviv", racconta. La giornata è continuata come se niente fosse e, come capita spesso, la modella ha terminato il lavoro prima del previsto. Sembrava essere andato tutto bene. Ma, giorni dopo, Arbel avrebbe ricevuto una mail dal suo agente: "Il cliente è libanese e non vuole che tu prenda parte allo spettacolo perché vivi a Tel Aviv, in Israele", sarebbe il contenuto della comunicazione. "Sinceramente- ha confessato la modella- è ancora una cosa difficile da digerire per me. Scrivo tutto questo per trasmettere un messaggio: alla fine, siamo tutti umani, non importa quale sia la nostra origine, il colore della nostra razza o qualunque cosa. Sii umano! È molto importante!".

האמת... עדיין קשה לי לעכל... לפני כמה ימים הגעתי לפריז להצטלם לחברת אופנה מאוד נחשבת שלוקחת חלק גם בשבוע האופנה של ההוט קוטור. עוד לפני שהגעתי לפריז הם אמרו שישמחו שאקח גם חלק בתצוגה. הגעתי ליום הצילום באנרגיות אש, אני חולת עבודה! כל יום צילום מבחינתי זה לא רק עבודה לשם עשייה אלא גם הנאה. הרבה פעמים שואלים אותנו הדוגמניות מאיפה אנחנו, וגם ביום הצילום הזה שאלו אותי מאיפה אני, ואני כמובן עניתי עם חיוך גדול שאני מתל אביב. היום המשיך כמו בכל יום צילום, סיימתי כרגיל שעות לפני המצופה (אני מאוד מהירה בעבודה. ברגע שאני מבינה מה הלקוח רוצה הכל טס). עברו מספר ימים מהעבודה וממש לפני כשעה קיבלתי מייל מהסוכנות שלי לפיו הלקוח הוא לבנוני והוא לא מעוניין שאקח חלק בתצוגה כי אני גרה בתל אביב, בישראל - זה ממש תוכן המייל שקיבלתי. אני כותבת את כל זה כדי להעביר מסר: בסופו של יום כולנו בני אדם, לא משנה מה המוצא שלנו, צבע העור הגזע או מה שזה לא יהיה. תהיו בני אדם! זה הכי חשוב!

Un post condiviso da arbelkynan (@arbelkynan) in data:

E mentre la modella Arbel viene esclusa da una sfilata a causa delle sue origini israeliane, sui social è partita una nuova campagna social contro l'antisemitismo, lanciata, secondo quanto riporta Libero, da Moshe Kantor, presidente dello European Jewish Congress. Una mano aperta, con la scritta "Stop this story!" è stata condivisa da diversi utenti, tra cui il presidente israeliano Reuven Rivlin, l' attrice britannica Vanessa Kirby e il cestista dell'Nba Omri Casspi. L'iniziativa precede il Quinto forum mondiale sull'Olocausto che si terrà a Gerusalemme il 23 gennaio, quando 45 capi di Stato si incontreranno al Memoriale della Shoah, per ricordare i morti nei campi di concentramento e per cercare una nuova strada nella lotto contro l'antisemitismo.

Commenti

ruggerobarretti

Gio, 16/01/2020 - 11:35

Ma fatela finita per favore!!!!

Albius50

Gio, 16/01/2020 - 11:51

Un dettaglio da far conoscere alla SIGNORA SEGRE così felice e contenta dei BUONISTI ITALICI.

tremendo2

Gio, 16/01/2020 - 12:04

poco furba, bastava che dicesse che era clandestina! trovava tutte le porte aperte. Provi piuttosto a fare la modella in Palestina. E poi cos'è questa discriminazione per cui a fare le modelle non possono andarci gli uomini? Non c'è parità dei diritti?

Lotus49

Gio, 16/01/2020 - 12:11

È che in Libano li conoscono bene

graffio2018

Gio, 16/01/2020 - 12:19

ma smettila!!! nel book iniziale è sempre riportato chiaramente data e luogo di nascita, se non ti volevano non ti facevano arrivare!!! Hai fatto le foto, non sei piaciuta come capita spesso e ti hanno scartata!! Adesso, con la scusa di essere ebrea, una deve per forza venire assunta!! e se anche il cliente non ti volesse, come potrebbe non volere una francese o americana, ha tutti i diritti di scegliere!! questa ha trovato il modo di farsi pubblicità

roberto67

Gio, 16/01/2020 - 13:05

Cosa c'entra l'antisemitismo con questa storia? Inoltre il cliente è libanese quindi conosce bene gli Israeliani ed è libero di decidere a chi dare i propri soldi e a chi no.

Oraculus

Gio, 16/01/2020 - 19:23

Anche qui omissione del mio commento….

Oraculus

Gio, 16/01/2020 - 19:24

...cir , maléfico e...maligno , ti proteggono ad oltranza...razzista .