Al via da domani la più grande esercitazione militare nella storia della penisola coreana

Stati Uniti e Corea del Sud temono un attacco preventivo di Pyongyang in risposta alle manovre militari. Almeno due sottomarini lanciamissili americani nella Regione

E' la più grande esercitazione congiunta nella storia della penisola coreana. Le manovre Key Resolve/Foal Eagle si concluderanno il 30 aprile e coinvolgeranno 300 mila soldati sudcoreani e 15.000 statunitensi.

Le esercitazioni, al via da domani, sono state riscritte in base alla nuova strategia denominata OPLAN 5015 che prevede, in caso di crisi, un attacco preventivo contro i principali obiettivi militari della Corea del Nord. OPLAN 5015, che nelle fase iniziali prevede anche l’eliminazione delle figure chiave del regime, si differenzia dalla precedente strategia denominata OPLAN 5027. Quest’ultima si basava sostanzialmente su una strategia difensiva di riallineamento e sulla capacità di azzerare le minacce missilistiche del Nord con un “second strike” congiunto.

OPLAN (Operation Plan) 5015 è stata strutturata in base alle presunte capacità nucleari della Corea del Nord.

Gli Stati Uniti hanno schierato una CAB (Combat aviation brigade) ed una brigata dei Marine. Il rischieramento Usa comprende una portaerei con relativo Gruppo da Battaglia, un sottomarino a propulsione nucleare e navi cisterna per il rifornimento dei caccia imbarcati.

Dopo l’eliminazione di Kim Jong-un ed il crollo del regime, Usa e Corea del Sud si spingerebbero verso la capitale Pyongyang per la messa in sicurezza delle strutture principali del Paese. Le presunte zone lancio missilistiche, nell'estremo nord del paese, sarebbero precedentemente colpite dagli Usa. L’invasione di terra è ritenuta fondamentale per arginare la controffensiva del Nord, ritenuta plausibile, con forze blindate nascoste nei tunnel creati a ridosso dei confini cinesi. Durante le esercitazioni, Stati Uniti e Corea del Sud continueranno a monitorare con particolare attenzione i movimenti del Nord, per eventuali segnali di attacco preventivo. Al riguardo, lo Ministero della Difesa della Corea del Sud ha chiarito che “se il Nord, nel corso delle manovre, dovesse provocarci, reagiremo con forza e potenza inaudita”. In un discorso affidato ai media del paese, il leader nordcoreano Kim Jong Un ha dichiarato che “l’esercito deve essere pronto, in qualsiasi momento, a lanciare testate nucleari contro i nemici della nazione”.

Annunci

Commenti
Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Dom, 06/03/2016 - 11:45

Fatelo secco una volta per tutte!

19gig50

Dom, 06/03/2016 - 12:02

Quel maiale deve essere eliminato.

franco-a-trier-D

Dom, 06/03/2016 - 13:44

e dei russi non tiene contro il negretto o crede che i missili lanciati dal Nord Corea li lanci senza autorizzazione russa e cinese?

franco-a-trier-D

Dom, 06/03/2016 - 13:44

e dei russi non tiene contro il negretto o crede che i missili lanciati dal Nord Corea li lanci senza autorizzazione russa e cinese??

franco-a-trier-D

Dom, 06/03/2016 - 13:46

zanzaratigre peccato che non arrivi a capire questo che dietro alla Corea del nord c'e la Russia a sopratutto la Cina.

franco-a-trier-D

Dom, 06/03/2016 - 13:47

pensate perchè la USa non la ha ancora invasa, se siete capaci di pensare ma dubito questo.

Ritratto di memeneutro

memeneutro

Dom, 06/03/2016 - 15:51

franco-a-trier-D concordo pienamente

franco-a-trier-D

Dom, 06/03/2016 - 16:10

memeneutro quando navigavo anni fa vidi in Atlantico navi usa militari che facevano addestramenti poi a pochi km pescherecci russi fermi che fingevano di pescare subito fuori dalle aCQUE USA poi navi usa che spiavano i perscherecci russi e sommergibili russi che spiavano quest navi USA, mi dirai come facevo vederli? ero in plancia fuori servizio con il cannocchiale era un passatempo fuori servizio...

franco-a-trier-D

Lun, 07/03/2016 - 08:46

ero ingrassatore fuochista a bordo