Ecco la prima moschea soltanto per donne

Una volta al mese almeno duecento donne si radunano in un edificio di Los Angeles che prima era una sinagoga ebraica

Nella religione musulmana le donne hanno un ruolo meno importante rispetto agli uomini e questo si manifesta anche nei momenti di preghiera. Di solito le seguaci dell'Islam sono costrette a pregare in luoghi isolati come gli scantinati o le stanze marginali delle moschee e non possono assistere ai sermoni dell'imam se non attraverso un televisore. Per questi motivi l'inaugurazione di una moschea per sole donne a Los Angeles sta creando molto interesse e qualche polemica fra le persone di fede musulmana nel mondo.

Una volta al mese almeno duecento donne si radunano in un edificio della città californiana che prima era una sinagoga ebraica. Qui assistono a un discorso pronunciato da un'officiante donna e pregano nella sala principale. “Dal Corano ho imparato storie sull'equità e l'uguaglianza, ma quando poi ho visto che non era così nella vita reale sono rimasta delusa – ha detto Hasna Maznavi, una delle organizzatrici – per questo abbiamo voluto provare a mettere al centro la figura della donna e aiutare le seguaci dell'Islam a pregare liberamente”. Altre moschee per sole donne esistono in Cina e Yemen, ma quella di Los Angeles è la prima di cui si abbia notizia nel mondo occidentale. “Ho fatto vedere a un amico una foto che mostrava una donna musulmana costretta a pregare su un balcone – spiega l'ideatrice – e ne è rimasto sconvolto. Molti uomini non sanno in quali condizioni sono costrette a seguire il proprio credo le donne della loro stessa religione. Speriamo di poter aumentare i giorni di ritrovo durante il mese e aprire altri luoghi simili nel resto degli Stati Uniti”. Dopo la funzione molte partecipanti hanno proclamato sui social la loro gioia per un avvenimento cui non avevano mai assistito. Non sono mancate le critiche, anche da altre donne appartenenti all'Islam che hanno sottolineato come la loro religione non contempli l'idea di un imam donna. Altri commentatori alla news su internet hanno evidenziato come alcune donne fossero senza velo, rendendo di fatto illegittimo il rito.

“Il Corano non dice mai che le donne devono essere separate durante la preghiera. Inoltre esiste una lunga storia di capi femminili nell'Islam, a partire da Aisha, una delle mogli di Maometto” è il parere delle organizzatrici. Nei sermoni della moschea per sole donne sono trattati argomenti a tema femminile che di solito vengono evitati nei luoghi di preghiera tradizionali. “Non vogliamo competere con le altre moschee, ma cercare di far capire agli uomini musulmani che anche le donne meritano il loro spazio. In futuro le moschee dovrebbero accettare più donne e dare la stessa possibilità di preghiera a tutti” conclude Haznavi.

Commenti

Tuthankamon

Mer, 17/06/2015 - 08:49

Questa fa parte delle notizie pro-islam per manipolare la pubblica opinione!

roberto.morici

Mer, 17/06/2015 - 11:37

Meglio tardi che mai! Per quando è prevista la possibilità di quattro mariti per ogni donna? Non sarebbe solo per la "parità dei sessi", ma anche per assicurarsi il minimo sindacale di godimento.