Eletto il primo sindaco afroamericano nella città di Rosa Parks, simbolo della segregazione razziale

Gli elettori di Montgomery, in Alabama, per la prima volta in duecento anni hanno eletto il primo sindaco afroamericano: è il giudice Steven L. Reed

La capitale dell'Alabama, Montgomery, ha un nuovo sindaco: è il 45enne Steven L. Reed. È il primo afroamericano che viene eletto alla carica di primo cittadino nella città che fu simbolo della segregazione razziale, ai tempi di Rosa Parks, la studentessa che, per ribellarsi contro i soprusi sull'autobus (con l'obbligo per i neri di cedere il posto a sedere ai bianchi), fece scoppiare la protesta che sfociò nella grande marcia per i diritti civili, voluta da Martin Luther King. Già primo giudice nero della contea, con il 67% dei voti Reed ha sconfitto al ballottaggio il suo rivale, David Woods, proprietario di una tv locale affiliata alla Fox.

"Questa elezione non è stata su di me - ha detto Reed - non lo è stata sulle mie idee, ma sulle speranze e i sogni che abbiamo come individui e come collettività, e il modo di trovare opportunità di crescere insieme, senza guardare il vicino, il codice postale, o tutto ciò che può dividerci o farci sentire diversi gli uni dagli altri".

Duecentomila abitanti, 60% della popolazione afroamericana, nell’800 Montgomery è stata la prima capitale degli Stati confederali. Paradossalmente, però, è anche il luogo dove nacque il movimento in difesa dei diritti civili. Fu proprio a Montgomery, infatti, che l'1 dicembre 1955 la studentessa Rosa Parks avviò la protesta del bus.

In un editoriale il Montgomery Advertiser ha descritto la vittoria di Reed come quella di tanti "combattenti per i diritti civili i cui nomi raramente sono ricordati ma la cui eredità vive per sempre".

Nato e cresciuto a Montgomery, Reed ha lavorato nel settore finanziario ed ha iniziato la sua attività al servizio dello Stato collaborando con il democratico Jim Folsom Jr. (tenente governatore dell'Alabama). Nel 2012 è stato il più giovane e primo giudice afroamericano eletto nella Contea di Montgomery e nel 2015 il primo a rilasciare licenze di matrimonio omosessuale.

Commenti

cecco61

Mer, 09/10/2019 - 17:58

Articolo sbagliato, già dal titolo. Perché afroamericano? I bianchi cosa sarebbero, euroamericani? Se questi, dopo generazioni, si sentono americani e basta, dimostra quanto per coloro che si definiscono dopo secoli "afroamericani" l'integrazione sia impossibile. Rimandarli tutti a casa loro.

Ritratto di Giano

Giano

Gio, 10/10/2019 - 00:52

Avanza il Black power.

dario_faber

Gio, 10/10/2019 - 00:58

Rosa Parks non era una studentessa, era una sarta di 42 anni nel 1955. Cecco61: commento di una stupidità disarmante.

Popi46

Gio, 10/10/2019 - 07:09

@cecco61: mi hai preceduto, con argomentazioni che avrei fatto anch’io, eccetto la conclusione. Non rimandarli a casa, impossibile,non integrarli,impossibile pure,ma accettare la nostra reciproca diversità senza nessuna pretesa di supremazia, anche questa,di fatto,reciproca. Un po’ come dei separati in casa, ognuno si fa gli affari suoi,ma le quote condominiali si pagano insieme