Elezioni in Canada, vittoria con rimonta per il partito liberale di Justin Trudeau

Il premier Matteo Renzi ha inviato il suo in bocca a lupo a Trudeau con un tweet: "Lavoreremo insieme per rendere i legami tra Canada e Italia sempre più forti. Buona Fortuna"

Il leader del Partito liberale canadese Justin Trudeau ha guidato una rimonta all'ultimo minuto ottenendo una vittoria nelle elezioni generali che si sono tenute lunedì in Canada, sconfiggendo i conservatori del primo ministro uscente Stephen Harper, con la promessa di un cambiamento di rotta per il governo di Ottawa.

La vittoria dei liberali, che chiude un ciclo di nove anni dei conservatori al potere, ha permesso di raggiungere una maggioranza parlamentare. Inizialmente il partito era al terzo posto nei sondaggi, ma negli ultimi giorni di campagna elettorale è rimontato fino ad arrivare in testa.

Harper, 56 anni, ha ammesso la sconfitta. Trudeau, 43 anni, figlio dell'ex primo ministro Pierre Trudeau, ha promesso che gestirà il grosso deficit di bilancio e investirà in infrastrutture per contribuire a stimolare la crescita economica del Canada.

Il neopremier ha già detto che si impegnerà a porre rimedio ai freddi rapporti del Canada con l'amministrazione Obama negli Stati Uniti e a ritirare il Canada dalla missione di combattimento contro i militanti dello Stato islamico, concentrandosi su temi come gli aiuti umanitari e il cambiamento climatico.

Commenti

giovanni PERINCIOLO

Mar, 20/10/2015 - 11:28

Se il suo modello é obama faccio i migliori auguri ai canadesi!

steacanessa

Mar, 20/10/2015 - 12:50

Che belinoni i canadesi!

albertzanna

Mar, 20/10/2015 - 12:52

Peccato, a me il Canada piace moltissimo, ma non posso fare a meno di considerare che Pierre Trudeau è un francofono e che la Francia è un modello di riferimento per lui e suo padre. Ho parlato con vari amici in Canada, mi hanno detto che vedono un futuro molto grigio e con invasione di migranti di ogni tipo, che fino ad ora erano rimasti fuori dalle porte di casa grazie ad una politica di controllo dell'immigrazione molto severa e restrittiva. Se nel 2016 i Repubblicani torneranno alla Casa Bianca, prevedo che Pierre Trudeau avrà difficoltà.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 20/10/2015 - 13:00

Anche il canada,è il tipico grande albergo,acquistato dalla catena alberghiera "USA",in attesa di incorporare presto anche tutta l'europa(che verrà ristrutturata tutta,in altrettanto grande albergo)...Mi spiace,ma me ne vado prima che vengano ultimati i lavori....

Franz Canadese

Mar, 20/10/2015 - 13:08

Trudeau si e' posizionato molto bene vedi il motto: "in Canada better is always possible e le promesse da Robin Hood (aumento di tasse ai "ricchi" per ridurle alla lower middle class); cosi' ha piantato il seme della lotta di classe ma riuscito a "comprare" scusate "motivare" un certo numero di elettori (un poco come gli 80 euro di Renzi). Poi ha beneficiato di voti prestati "turandosi il naso" dai socialisti (vedi il loro disastro in Quebec e nel resto del Canada). Nel programma di Trudeau spicca l’aumento del deficit che "si curera' da solo". Il rischio e' che risparmi e gli sforzi della Nazione guidata da Harper (credit rating ottimo, banche che funzionano etc) possano essere scialacquati da questo giovanottone belloccio, con scarse esperienze professionali fino ad oggi (controllato da handlers), di sicuro un buon attore (1 di 2)

Franz Canadese

Mar, 20/10/2015 - 13:09

Dato il sistema eletttorale Canadese che elegge chi arriva primo nel collegio elettorale, il numero di eletti tende per il partito vincente a esasperare l'effettive differenze in voto popolare. Questa volta ha vinto Justin (con il 40% circa contro i Conservatori al 32%), anche grazie all'aiutino demagogico (le tasse) e al prestito di voti socialisti. La maggioranza assoluta di Justin - si fa chiamare cosi’, molto Canadese- comunque chiude la porta in faccia agli stessi socialisti, che di sicuro sarebbero stati peggio per l'economica Canadese. (2 di 2)

Franz Canadese

Mar, 20/10/2015 - 13:57

@ Zagovian. Mi sembra Lei "jump to conclusions" che potrebbero essere sbagliate. E dove, di grazia, se ne andrebbe? In Italia? iL cuore la pensa come Lei la mente di sicuro no. E riguardo agli Stati Uniti... well... non la vedo proprio come Lei, soprattutto con libera erba via gli aerie dalla Siria etc. Ma di sicuro non credo ci saranno I problem immigrati che ha l'Italia. Alfano e' (per fortuna dei Canadesi) unico! Qui si parla di alzare I numeri ma dopo avere verificato I controlli di sicurezza. Come andrebbe fatto anche in Italia

nunavut

Mar, 20/10/2015 - 15:57

@ Franz Canadese la sua autopsia delle elzioni tenutesi ieri in Canada é accuata,vorrei solo aggiungere che ci fu una propaganda intensiva che diceva: votate qualunque ma non Harper,soprattutto nel Québec e non parliamo poi delle Provinces Maritimes (Est del Canada)dove ci fu un KO per I Conservatori. Cmq. forse e lo cdo i Canadesi si pentiranno di aver votato le "beau Trudeau che non arriva nemmeno alle caviglie di suo padre come politico. Tanti auguri pure a Lei.

Gregory

Mar, 20/10/2015 - 16:20

Vivo a Calgary (Alberta) da 7 anni... qui saranno cavoli amari...

Anonimo (non verificato)