Ennesima farsa in Brasile: ​Battisti arrestato e subito liberato

Accolta dal tribunale federale di San Paolo la richiesta di scarcerazione del legale dell’ex terrorista. Era stata prevista l’espulsione in Francia o Messico

È durata appena sette ore la carcerazione di Cesare Battisti. Il terrorista rosso, condannato in Italia a quattro ergastoli per altrettanti omicidi commessi durante gli Anni di piombo, è stato liberato dopo l'arresto. Il tribunale ha, infatti, accolto la richiesta di scarcerazione avanzata dall'avvocato Igor Sant’Anna Tamasauskas che aveva annunciato ricorso in appello contro l’ordine di espulsione definendolo incostituzionale. Una mossa che allontana nuovamente la possibilità per l’Italia di chiedere l’estradizione come aveva ventilato nei giorni scorsilo stesso ministro della Giustizia Andrea Orlando.

Battisti è stato arrestato nella sua casa di Embu das Artes, località collinare nell’entroterra di San Paolo, "a compimento di un ordine di detenzione amministrativa al fine dell’espulsione", decretata dieci giorni fa da un giudice federale di Brasilia. Al momento dell’arresto era in compagnia di moglie e figlia. La polizia federale lo ha poi condotto in una caserma di San Paolo, in attesa dell’espulsione. Il 3 marzo scorso, la giudice Adverci Rates Mendes de Abreu ha accolto la richiesta della Procura federale di considerare nullo l’atto di concessione del permesso di soggiorno a Battisti, definito "uno straniero senza documenti, condannato in Italia per gravi crimini". Il giudice ha pertanto avviato la procedura di espulsione, sollecitando il governo a verificare la possibilità di consegnare Battisti alle autorità di Francia o Messico, Paesi dove il terrorista ha soggiornato dopo la fuga dall’Italia e prima dell’arrivo in Brasile.

Battisti è stato condannato a due anni di reclusione, poi convertiti in affidamento ai servizi sociali, per la falsificazione dei timbri del Servizio immigrazione che gli hanno permesso di entrare illegalmente in Brasile dopo la lunga latitanza in Francia. L’ex militante dei Pac è residente nello Stato di San Paolo ed ha un regolare visto di lavoro ma la legge che regola la permanenza degli stranieri prevede che chi commette un reato per entrare o rimanere nel Paese può essere espulso. Ed è appunto il caso dell’ex terrorista, che entrò clandestinamente in Brasile usando almeno un paio di passaporti falsi, sui quali faceva apporre periodicamente timbri altrettanto falsi per dimostrare, nel caso di un controllo, di essere un turista francese in vacanza a Rio de Janeiro. Quando l’ex terrorista fu arrestato nel 2007, su richiesta dell’Italia, la polizia scoprì nel suo appartamento di Copacabana i documenti falsificati. Da lì la condanna che gli è costata le manette in vista della possibile espulsione, nonostante lo status di rifugiato politico concessogli dall’ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva il 31 dicembre del 2010, ultimo giorno del suo secondo mandato. Quella decisione impedì l’estradizione in Italia e fece piombare ai minimi storici le relazioni diplomatiche tra l’Italia e il Brasile. Uno sviluppo quello sul caso Battisti che qualcuno, tra gli osservatori, ha letto come legato alla vicenda di Henrique Pizzolato, l’ex dirigente del Banco do Brasil condannato a 12 anni e sette mesi di reclusione nel cosiddetto "Mensalao" e fuggito in Italia con il passaporto del fratello defunto. Ipotesi, quella di un possibile accordo di "scambio", finora smentita. Almeno ufficialmente.

Commenti

swiller

Ven, 13/03/2015 - 08:15

Nella faccia di questo delinquente si può vedere il volto della sinistra italiana.

Ritratto di bernardoone

bernardoone

Ven, 13/03/2015 - 08:29

Se gli italiani non fossero così morbosamente ammalati di calcio, sarebbe stato il caso di boicottare il Campionati del Mondo. Oltretutto avremmo evitato la figuraccia memorabile che ha visto tornare a casa i nostri giocatori miliardari con la coda tra le gambe. Io in vacanza in Brasile non ci vado.

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Ven, 13/03/2015 - 08:41

Oramai lo sanno tutto che abbiamo un governo di fantocci e nulla facenti.

Dako

Ven, 13/03/2015 - 08:42

L`Italietta di distingue sempre incapace su quasi tutto Marò, Battisti etcc. Ah dimenticavo per quel che riguarda questo disgraziato/criminale ringraziamo anche i "servizi segreti" Francesi che naturalmente quando dovevano consegnarlo all`Italietta si sono accorti che strano.... era sparito e loro naturalmente come sempre (non ne sapevano nulla) hanno eseguito alla carta l`ordine di Mitterrand che prima di morire si era raccomandato di NON consegnare all`Italietta i rifugiati "politici" tipo Battistie Co.

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 13/03/2015 - 08:50

In India trattengono nostri soldati senza processo, in Tunisia sequestrano nostri pescherecci, in Libia c'inondano di invasori, in Gambia arrestano nostri pescatori, in Brasile si fanno beffe e giocano alla protezione di un assassino, in Austria,Francia, Germania (quando si dice Europa (dis)Unita, ci respingono gli irregolari che volessero lasciare lo stivale per fermarsi altrove. Morale, l'Italia, e per essa i governi che si sono succeduti nel periodo di questi accadimenti è presa per una marionetta e chiaramente la responsabilità è dei politici al comando che, troppo presi alla conservazione dello loro cadrega chinano il capo davanti a qualsiasi paese che intenda farci stare zitti ed a cuccia.

pieropomiga

Ven, 13/03/2015 - 08:54

alla faccia del governo italiano: troppo divertente

piero.leonorp

Ven, 13/03/2015 - 08:54

sono convinto che i delinquenti che ci stanno amministrando sono intervenuti come a sempre fatto soccorso rosso per farlo fuggire di nuovo .

vincentvalentster

Ven, 13/03/2015 - 09:09

Come per i due Marò, noi sempre zitti e paralizzati: nessuna iniziativa, nessuna voce. La conferma che a livello internazionale ( e non solo ) contiamo zero.

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Ven, 13/03/2015 - 09:17

La giustizia umana è una farsa. Un pluraomicida ,giudicato e condannato tale , non fa carcere. Altri per reati molto minori passano anni nelle galere di questo o quello Stato. In Brasile chi uccide non è colpevole e non merita il carcere ? Mi pare comunque che ,da parte Italia, non ci sia un grande interesse di riavere Battisti nelle patrie galere . Va bene a tutti , mi pare, tranne ovviamente che alle vittime e loro familiari.

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Ven, 13/03/2015 - 09:24

Ulteriore conferma della falsità dei COMUNISTI in tutto il Mondo.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Ven, 13/03/2015 - 09:26

il problema non è tanto dei politici che hanno colpa per il 33% , Sono anche di quelli che li hanno votati e di quelli che li difendono a spada tratta. Ma poi che ci vuole che i figli delle vittime si prendano una bella vacanza e andare in Brasile? Ma siamo proprio un popolo di cojoni che ci affidiamo alla giustizia? Quella giustizia che ha cancellato il piccolo reato e ha appena aumentato da 3 a 6 anni per una rapina in casa? 6 anni per rapina in casa!!?? 30anni!!!! E in una cava a spaccare le pietre o in miniera.Eccheccaspita? Ma che giustizia è!

marinaio

Ven, 13/03/2015 - 09:40

La vera farsa sono tutti i terroristi rossi (più di 50) che sono ancora rifugiati e protetti in Francia. Ma noi, invece di chiederne con forza l'estradizione andiamo a leccare il c...lo a Sarkozy ed Hollande,

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 13/03/2015 - 09:50

ma scusate LOMBROSO. vedendo le facce di un renzi, di un letta, di un monti..riuscirebbe a trovare per caso "tratti" da intrepido, leale, dignitoso coraggioso..premier?? eh eh

elio2

Ven, 13/03/2015 - 09:52

Dobbiamo ricordarci che il Brasile, è ancora governato dalla sinistra, quindi è difficile che facciano del male a terroristi, ladri e delinquenti associati. Più o meno quello che fanno i compagni de noantri, che autoproclamatosi imperatori d'Italia, stanno distruggendo e riempendo il Paese di clandestini mantenuti in albergo, mentre 3 milioni di Italiani per mangiare vanno a rovistare nella spazzatura. Ma l'assurdo del Brasile è che dopo aver permesso a un pluri ergastolano di godersi la vita tranquillo, un giudice una mattina decide che deve essere espulso, ma ecco, che entra in campo l'equivalente brasiliano di "soccorso rosso", che in prima battuta, lo ha fatto scarcerare, e poi ha incriminato il giudice che si era permesso di dar fastidio all'amico pluri omicida, a cui il compagno lula, aveva garantito tranquillità e pace. Evviva la democrazia comunista.

Ritratto di Italia Nostra

Italia Nostra

Ven, 13/03/2015 - 10:03

Questo Battisti è una vergogna nazionale ma è ancora peggio il fatto che i nostri magistrati siano impegnati ad attaccare Berlusconi invece di far rispettare i trattati internazionali per l'estradizione in casi come questo.

Otaner

Ven, 13/03/2015 - 10:08

Il Brasile non ha alcun rispetto nei confronti della nostra patria, trovo inconcepibile come siano arrivati a dare ancora ospitabilità ad un condannato per gravi reati che tutti conosciamo. Credo che il nostro governo dovrebbe far sentire forte la sua prOtesta contro questo brutto andazzo che dura da anni.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Ven, 13/03/2015 - 10:12

Demokristiano Gentiloni "in nomen docet" non mi è noto che tu abbia preso iniziative a l'assassino Kompagnobatisti ne tantomeno ai nostri marò. VERGOGNATI E TU KOMPAGNO alf-NANO come sempre assente.

filder

Ven, 13/03/2015 - 10:13

Brasile=India oramai l'Italia e gli Italiani siamo diventati lo zimbello mondiale cioè non contiamo un ca@@o e tutto per merito in primis del compagno Napolitano che ci ha traghettati inesorabilmente inquesto baratro a cominciare dalla cacciata in sordina di Berlusconi per fare un piacere ai krucchi e popoli germanocentrici,al consenso dell' invasione Libica con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti, ai governi illegali perché non votati dal popolo sovrano ecc. ecc. ma alla fine dei conti ogni popolo ha i governi che si merita e così continuiamo a votare il partito tanto caro ai compagni.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Ven, 13/03/2015 - 10:17

#do-ut-des - CONCORDO PIENAMNTE - Dovrebbe accadere che un parente, figlio, insomma uno nell'ambito faliliare di questi signori subisse un furto in casa on violenza.Allora provvederebbero

plaunad

Ven, 13/03/2015 - 10:27

Ma quanto é rapida la giustizia brasiliana. Si a scarcerare i pluriomicidi .....

Rossana Rossi

Ven, 13/03/2015 - 10:32

Altra incredibile vergogna oltre alla vicenda marò.......ma le nostre 'procure' sono troppo impegnate a guardar nelle mutande di Berlusconi e i nostri 'pseudo-governi abusivi' ci fanno ridere dietro da tutto il mondo......W l'italietta.........

schiacciarayban

Ven, 13/03/2015 - 10:49

Battisti è un essere schifoso, ma la nostra politica che non riesce nemmeno a fare una giustizia sacrosanta è ancora peggio. In compenso diamo 10 anni a quel bulletto di Corona e perseguitiamo in tutti i modi Berlusconi senza cavare un ragno dal buco.

Ritratto di bassfox

bassfox

Ven, 13/03/2015 - 10:52

una vicenda che va avanti da diversi lustri e ora è colpa dell'attuale governo... viva la coerenza...

Ritratto di mina2612

mina2612

Ven, 13/03/2015 - 11:16

Quello che salta all'occhio, e senza voler giudicare l'atteggiamento riprovevole del Brasile, bisogna dare atto che in quel Paese la Giustizia (non importa se giusta o sbagliata) sa decidere in poche ore. Quanti anni la nostra Magistratura avrebbe sprecato per passare un foglio da un ufficio all'altro?

schiacciarayban

Ven, 13/03/2015 - 11:38

Un Servizio Segreto degno di questo nome risolverebbe la faccenda in un paio di giorni, visto che per vie diplomatiche siamo assolutamente incapaci!

sbrigati

Ven, 13/03/2015 - 11:52

Vedere questo terrorista sorridente su tutti i giornali, che si atteggia a superuomo dà il voltastomaco

NON RASSEGNATO

Ven, 13/03/2015 - 11:54

SE lo si vuole in Italia, prendere lezioni dal Mossad

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 13/03/2015 - 12:14

Il sistema più efficace era organizzare una squadra di incursori ed andarlo a prendere, visto che la Francia prima e il Brasile poi non ce lo hanno voluto consegnare.

Ritratto di bassfox

bassfox

Ven, 13/03/2015 - 12:16

..e i servizi segreti allora mandateli in Giappone a recuperare Delfo Zorzi, 25 morti e quasi 200 feriti sulla coscienza...

Ritratto di gianky53

gianky53

Ven, 13/03/2015 - 12:16

E a quell'indecente di ex operaio comunista Lula che come ultimo atto da presidente gli ha concesso asilo non bisognerebbe consentire di venire a scorrazzare in Italia. Se ne stia nella sua foresta amazzononica a cacciare le scimmie.

Ritratto di emmepi1

emmepi1

Ven, 13/03/2015 - 12:42

cosa vi aspettate da un paese di viados, ladri e assassini? da un paese che sfacciatamente, assassino più o meno, non ha difficoltà (grazie all'ex terrorista Lula) a concedere asilo a un'altro assassino già condannato all'ergastolo? un paese dove si legge quasi ogni giorno di assalti e uccisioni di turisti?

acam

Ven, 13/03/2015 - 13:20

sono gente moloto strana, ambili, simpatici, ma non sanno stare al mondo, bisognerebbe rimande la tutti i loro che stanno in italia compreso l' ambasciatore

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Ven, 13/03/2015 - 14:26

acam: il furbo di turno. E se poi "loro" rimandano in Italia i 25 milioni di italo-brasiliani tu dove li metti? I brasiliani in Italia nel 2012 erano meno di 40,000. Ma tu credi che stiano tutti con la lingua penzoloni per entrare n Italia. Disilluditi!

Ritratto di mina2612

mina2612

Ven, 13/03/2015 - 18:41

Non capisco perchè ci si debba stracciare le vesti per avere in Italia quel delinquente che, non solo lo dovremo mantenere vita natural durante, ma Sel avrà già pronti tutti gli incartamenti per presentarlo alle prossime elezioni politiche e poterlo ricoprire di bigliettoni.

angelomaria

Lun, 23/03/2015 - 15:09

L'ENNESIMA FARSA CHE ISERVIZI SEGRETI NE ORGANIZZINO O IL RAPIMENTO O QUELLO CHE SIMERITA LA MORTE!!!