"L'ulcera carnivora" invade l'Australia

Altri 49 casi e i medici non sanno cosa fare

L’epidemia di ulcera carnivora che da tempo sta affliggendo l’Australia non tende a placarsi. Negli ultimi 4 anni i casi sono aumentati del 400%. Melbourne ha registrato 49 nuovi episodi, arrivando così a 270 casi nel 2018. I medici non sanno spiegarsi come abbia fatto questa ulcera, chiamata di Buruli, presente soprattutto nelle zone tropicali, a diffondersi a questi livelli soprattutto nella zona di Victoria che gode di un clima temperato. Gli stessi medici non sanno come affrontare il problema e temono che entro la fine dell’anno i casi possano arrivare a quota 400. Si tratta di un batterio, conosciuto con il nome di Mycobacterium ulcerans, che causa lesioni della pelle e dei tessuti molli, l’infezione può diventare molto grave. Questo batterio appartiene alla stessa famiglia di microbi che causano la tubercolosi e la lebbra. Se non viene immediatamente riconosciuto e fermato può portare a disabilità anche a lungo termine. Come per esempio gravi limitazioni dei movimenti articolari. Non è ancora del tutto chiaro come possa diffondersi questa malattia.

Al momento sono al vaglio solo ipotesi, come quella che potrebbe trasmettersi dagli insetti all’uomo attraverso l’acqua. Questa teoria troverebbe fondamento nel fatto che le persone colpite si trovavano nei pressi di fiumi e laghi. Oppure potrebbe essere una zanzara la colpevole del diffondersi di questa epidemia. Sono molti gli animali in Australia che hanno contratto l’ulcera di Buruli, come opossum, cani, koala e gatti. Al momento sarebbero stati spesi oltre un milione di dollari per la ricerca sulla malattia, come hanno dichiarato le autorità sanitarie australiane. Il dottor O’Brien ha detto alla Bbc che “nessuno sa che cosa stia succedendo e che cosa stia causando questa epidemia. Possiamo dare degli indizi, ma non c’è una risposta definitiva. E’ un mistero”. Al momento vi è solo una terapia antibiotica che deve essere iniziata appena si ha il sospetto di essere affetti da ulcera di Buruli. Se non preso in tempo, il batterio può portare all’ulceramento in sole 4 settimane.

Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Dom, 21/10/2018 - 15:12

State sereni,siete già in lista per l'importazione di questa nuova epidemia...no borders,no wall!!

rawlivic

Dom, 21/10/2018 - 16:04

i soliti figli usciti dai laboratori di Guerra batteriologica cinesi o americani...

cgf

Dom, 21/10/2018 - 16:47

Molto più diffusa di quanto si creda, anche Mexico e Perù, vaste zone Africa subsahariana, estremo oriente tropicale. @rawlivic sempre esistita, ancora prima della scoperta dell'America

Raoul Pontalti

Dom, 21/10/2018 - 16:51

Due commenti di banans e due boiate...Mycobacterium ulcerans non è creatura di laboratorio bensì della natura stessa. Trattasi di micobatterio legato ad ambienti tropicali e subtropicali umidi che dà pussées epidemiche in concomitanza con mutazioni ambientali anche solo transitorie e naturali (come inondazioni dopo abbondanti precipitazioni) più spesso permanenti dovute a canali e laghi artificiali. La trasmissione interumana è eccezionale, il contagio avviene ad opera di insetti o contatto diretto della cute con acque e vegetali infetti. Dall'epidemiologia sopra sommariamente espressa si evince che Mycobacterium ulcerans in Italia può essere importato (come casi clinici aventi fine a sé stessi e senza quindi diffusione epidemica) da risorse di razza bianca residenti nei paesi endemici piuttosto che da negretti migranti (in genere più resistenti all'infezione).

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 21/10/2018 - 17:42

...come le cimici asiatiche, la xylella ed altri cadeaux delle globalizzazione

zen39

Dom, 21/10/2018 - 19:24

Negli USA è venuta fuori una specie di poliomielite da cause ignote qui l'ulcera carnivora definita un "mistero" . Non sarà che qualcuno che ha in mente la riduzione della popolazione mondiale (se ne parlava 50 anni fa) stia preparando in laboratorio nuovi microbi? Qualcuno dice che le scie chimiche siano una bufala ma ne siamo proprio sicuri?

cir

Lun, 22/10/2018 - 12:07

esportiamolo negli USA ed in israele !!!