Turchia, fatwa tranquillizza i fedeli: "La carta igienica si può utilizzare"

La risposta a un quesito. "Comunque meglio l'acqua corrente, ma in mancanza di meglio..."

È una fatwa destinata a far alzare più di un sopracciglio quella del Diyanet turco, il direttorato per gli affari religiosi, che ha sentenziato che anche per i musulmani è lecito utilizzare la carta igienica in bagno, mettendo comunque in chiaro che sarebbe meglio pulirsi con l'acqua corrente, se possibile.

Un problema che sembra da nulla, ma che qualcuno si è posto seriamente, visto e considerato che la religione dei musulmani esige che le preghiere rituali siano dette quando si è perfettamente puliti. Ecco perché il dubbio sull'utilizzo della carta in bagno.

"Anche se alcune fonti trovano che la carta non sia un materiale adatto a pulirsi - dice una nota del Diyanet -, perché serve per scrivere, non c'è nessun problema nel servirsi della carta igienica".

Già nei mesi scorsi una fatwa si era occupata di questioni legate alla pulizia, chiarendo che per le pulizie non è proibito utilizzare detergenti a base di alcool, pure se è bandito dall'islam.

Il Diyanet aveva spiegato, per chi avesse avuto dubbi, che non è invece consentito bere prodotti alcolici pensati per le pulizie. E che se finiscono sui vestiti di chi sta lavando casa o sulla pelle, è meglio pulirsi accuratamente prima di pregare.

Commenti

scarface

Mer, 08/04/2015 - 15:48

Ritengo invece che il vostro libretto delle istruzioni (esclusa la copertina chiaramente) sia proprio adatto all'uso...

Ritratto di Farusman

Farusman

Mer, 08/04/2015 - 16:04

Basta, in entrambi i casi, carta o non carta, lavarsi bene le mani dopo le pulizie post-funzione.

SanSilvioDaArcore

Mer, 08/04/2015 - 16:08

Sarebbe meglio usare anche il sapone assieme all'acqua... e dubito che lo facciano a sentire l'odore che hanno...

Ritratto di Blent

Blent

Mer, 08/04/2015 - 16:09

"la religione dei musulmani esige che le preghiere rituali siano dette quando si è perfettamente puliti" .Temo che nessun musulmano possa pregare.

jeanlage

Mer, 08/04/2015 - 16:17

La coscienza dei maomettani si può pulire!

Ritratto di libere

libere

Mer, 08/04/2015 - 16:19

Sconosciuto il bidet, i water turchi sono adattati a fungere alla pulizia igienica della parte in questione, pure senza carta. Peccato che non si sappia se è pure prescritto lavarsi le mani dopo l'abluzione. Ma di bidets usati impropriamente, magari per piantarci il prezzemolo, è piena la letteratura e la cronaca.

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 08/04/2015 - 16:23

Fortuna che la Turchia ha montagne innevate che riforniscono acqua altrimenti avrebbero dovuto usare sabbia o foglie di fico. Adesso hanno la carta igienica ma attenti! Vi potrebbero essere scritti versetti del Corano o impressa la faccia di Maometto, il pericolo è in agguato!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 08/04/2015 - 16:26

Anche il "libro" va bene, più pagine usate più puliti sarete.

killkoms

Mer, 08/04/2015 - 16:46

ve lo doveva dire l'imam?

eloi

Mer, 08/04/2015 - 17:30

Prossimamente anche in Italia verrà reso obbligatorio il bidet con lo zampillo. Non so se sia già obbligatorio negli alberghi.

Ritratto di bobirons

bobirons

Mer, 08/04/2015 - 17:56

Acqua corrente ? Forse nelle case. Ma nei bagni pubblici, avete mai visto quelle mezze bottiglie per acque minerali, bordate in marrone ? Ecco, servono "all'igiene della mano dopo aver provveduto all'igiene intima".

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Gio, 09/04/2015 - 04:04

L'uso della carta igienica è proprio un problema serio, per fortuna che ora l'hanno chiarito. Dormite tranquilli cari mussulmani: ora potete usarla!

Grix

Gio, 09/04/2015 - 11:53

Una religione che ti dice anche come pulirti il sedere ha del grottesco. E' molto triste vedere che milioni di anni di evoluzione non sono serviti a nulla. Vedere persone che si affidano ad un libro per regolare la propria vita e (soprattutto) la vita altrui e' avvilente. La stupidita' degli uomini non avra' mai fine. Le religioni, tutte, dovrebbero essere messe al bando e coloro che la predicano accusati di plagio ed abuso della credulita' popolare (Art. 661 Codice Penale).