Femen profanò Notre Dame: Macron la nomina consulente

Era il 12 febbraio 2013 quando un gruppo di femen fece irruzione a Notre Dame per festeggiare la rinuncia di Benedetto XVI al soglio pontificio, a seno nudo

Era il 12 febbraio 2013 quando un gruppo di femen fece irruzione a Notre Dame per festeggiare la rinuncia di Benedetto XVI al soglio pontificio. Otto attiviste entrarono nella cattedrale, si spogliarono e, a seno nudo, urlarono il loro slogan: "Non vogliamo più il Papa". Non paghe del loro blitz, rovinarono pure – a colpi di bastone – la preziosa campana "Marcel" esposta in occasione degli 850 anni di età della bellezza architettnica gotica.

Bene, oggi, a sei anni e rotti di distanza, Emmanuel Macron ha pensato bene di nominare una di quelle otto come consulente del consiglio per l'uguaglianza tra maschi e femmine, di fresca istituzione.

Si tratta della femen franco-ucraina e casse 1990 Inna Shevchenko, che andrà così a rimpolpare la schiera di membri al servizio del Segretariato dell'uguaglianza e della lotta contro le discriminazioni, presieduto da Marlène Schiappa (1982), fedelissima del presidente francese, nonché femminista tutta d'un pezzo, oltre che – come riporta La Verità – scrittrice di romanzi a luci rosse. Un organo del governo transalpino che ha il compito di prevenire, gestire e risolvere le problematiche di genere, sessismo e omofobia.

Il presidente dell'associazione francese Iae au feminin, agnes Cerighelli, riferisce Tempi, sbotta per la nomina della sex-stremista Shevchenko: "Perché nominare la leader ucraina delle Femen al Comitato consultivo sull'uguaglianza? Questa attivista radicale, che parla un francese mediocre e difende un femminismo misandro e cristianofobo, non rappresenta in alcun modo il femminismo francese. Non fa che gettare discredito sulla causa delle donne…". Insomma, l'ennesima scelta-nomina di divisa di Macron, che ancora una volta fa discutere - e non poco - in patria.

Commenti

antonmessina

Ven, 30/08/2019 - 11:20

tipico di macrò...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 30/08/2019 - 11:26

Macron , ancora per poco.Anche i francesi (dalle percentuali) non ti vogliono più.

QuasarX

Ven, 30/08/2019 - 11:43

Adesso col micron italiano avremo anche noi di queste gioie pero' se posso scegliere voglio le pussy riot russe

HARIES

Ven, 30/08/2019 - 11:46

Interessante la cosa. E ricordiamoci bene che le vie del Signore sono infinite. Magari quella femmina si sta per convertire al cattolicesimo e diventa suora! MAGARI!!! Mi faccio frate. Unica pecca che vedo in quella femmina, sono i tatuaggi e le scritte sulla pelle, non mi piacciono. Per il resto potrebbe andare.

Ritratto di navajo

navajo

Ven, 30/08/2019 - 12:33

Meno di Micron sto individuo.

Blueray

Ven, 30/08/2019 - 12:38

Il comitato consultivo sull'eguaglianza ucraino ha delle rappresentanti francesi?

ziobeppe1951

Ven, 30/08/2019 - 12:38

CHI SONO IO PER GIUDICARE

GPTalamo

Ven, 30/08/2019 - 13:46

Che ci siano persone pervertite che prendono gusto a infangare il concetto di Dio e di chi lo puo' rappresentare (a prescindere che ci si creda o no), e' normale, le persone cattive sono sempre esistite. Ma che un governo le esalti, questo e' molto piu' "patologico". La societa' occidentale e' malata, e terminale.

Scirocco

Ven, 30/08/2019 - 14:02

Macron un minus habens.

kayak65

Ven, 30/08/2019 - 14:21

Macron merckel e pd il virus europeo che mina la sicurezza e la prosperità del continente interno. Vanno estirpati quanto prima per il bene comune

Italianocattolico2

Ven, 30/08/2019 - 15:20

Questa pazza scatenata cristianofoba ma che mostra in giro la sua nudità, probabilmente piace a Macron perché la confronta con quanto si trova a fianco alla sera. Essendo poi anche sinistra, non gli pare vero di averla nel suo entourage assieme ai terroristi rossi italiani rifugiati in Francia da decenni.

Ritratto di MiSunChi

MiSunChi

Ven, 30/08/2019 - 16:02

No, dai, fare battute su questa Marlène SCHIAPPA sarebbe come sparare sulla Croce Rossa. Il destino si è già accanito a sufficienza contro di lei.

Ritratto di akamai66

akamai66

Ven, 30/08/2019 - 16:39

Quando Sékou Touré della Guinea decise nel 1958 di uscire dall’impero coloniale francese, e optò per l’indipendenza del paese, l’elite coloniale francese a Parigi andò su tutte le furie e, con uno storico gesto, l’amministrazione francese della Guinea distrusse qualsiasi cosa che nel paese rappresentasse quelli che definivano i vantaggi della colonizzazione francese. L’obiettivo di questo gesto indegno era quello di mandare un messaggio chiaro a tutte le altre colonie che il costo di rigettare la Francia sarebbe stato molto alto. Sono ancora così e Lui si sente il Re Sole, arruola chi vuole nella "Legione straniera", colpisce chi vuole. I compagni nostrani sono complici di un neocolonialismo in cui l'Italia ha preso il posto della Guinea . Finirà malissimo.

Seawolf1

Ven, 30/08/2019 - 17:29

Certo che da buon francese non ne imbrocca manco una questo qua...

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Ven, 30/08/2019 - 18:03

certo che ne hanno di problemi 'sti francesi !! Ma non hanno altro da pensare? Arriverà un partito mussulmano prima o poi !!!

caren

Ven, 30/08/2019 - 18:26

12 febbraio 2013. Un gruppo di femen, irrompe a Notre Dame a seno nudo, per festeggiare la rinuncia di Benedetto XVI, al soglio Pontificio. Nominata consulente? Un premio alla carriera.

disturbatore

Ven, 30/08/2019 - 20:37

Il braccio "disarmante" del clan Merkel-Macron . Meglio averle dalla propria parte che contro. Ogni azione che compiono ha un forte significato politico . Mi chiedo se vengono pure finanziate.Partite dall´Ucraina sul carro Merkel approdano nelle regge europee.

RolfSteiner

Ven, 30/08/2019 - 20:56

Vate retro...sssaragat.