La Fifa vieta alla Palestina di giocare le qualificazioni ai mondiali sul campo casalingo

A causa di problemi diplomatici e legati alla sicurezza, la nazionale di calcio palestinese non disputerà le partite di qualificazione alla Coppa del Mondo nello stadio di Ramallah, ma su un campo neutro

Anche il calcio adesso è proibito in Palestina e la sentenza è arrivata dalla Fifa. La nazionale di calcio palestinese infatti non potrà più ospitare tra le mura casalinga le partite valide per le qualificazioni ai mondiali di calcio, ma dovrà scendere su un terreno neutro.

La decisione è arrivata dopo che l'Arabia Saudita, a inizio ottobre, si era dimostrata reticente all'invio dei suoi giocatori in Cisgiordania. Il motivo era dovuto al fatto che per arrivare a Ramallah i giocatori sauditi avrebbero dovuto attraversare un check point israeliano. Dal momento che l'Arabia non riconosce Israele, per non creare problemi diplomatici, la Fifa aveva provveduto quindi a optare per un campo di gioco neutrale.

La situazione in Israele e Palestina ha visto inoltre, nell'ultimo mese, un peggioramento della situazione di sicurezza. Quasi cento i morti negli scontri tra cittadini palestinesi e l'esercito israeliano e questo stato delle cose altro non ha fatto se non portare la Fifa ad essere ancor più categorica nel non concedere la possibilità di giocare i match nello stadio della West Bank. La Palestina deve affrontare due sfide, quella con l'Arabia e quella con la Malesia, entrambe sono state posticipate e sarà compito della federazione di calcio della Palestina trovare uno stadio in territorio neutrale dove il calcio possa rimanere una sfida su un rettangolo verde e non il riflesso di un eterno conflitto politico e diplomatico.

Commenti
Ritratto di Never_a-Dhimmi

Never_a-Dhimmi

Ven, 06/11/2015 - 12:17

Solo del puro antisemitismo ha fatto sí che si permettesse a un NON STATO di giocare. Avrebbero piú diritto la Sardegna, la Corsica, il Sahara Occidentale e la Catalogna a una squadra nazionale: sono POPOLI, cioè hanno una lingua particolare e una terra AUTOCTONA che li DISTINGUONO. Non sono stati inventati dalla propaganda sovietica 50 anni fa!

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 06/11/2015 - 12:25

Meno male, magari tirano fuori i coltelli e acoltellano gli avversari, intifada sportiva.

Malacappa

Ven, 06/11/2015 - 13:51

La FIFA razzista sapete e' la parola di moda.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 06/11/2015 - 18:55

Assurdo, far giocare una nazione e un popolo INESISTENTE! Un falso spettacolo politico per accreditare i cosiddetti palestinesi e uno Stato che non è mai esistito. Ha perfettamente ragione Never_a-Dhimmi, ci sono popoli e nazioni che hanno ben più diritto di essere ammessi al torneo calcistico. LORO ESISTONO E SONO SEMPRE ESISTITI.