Gay Talese: "L'Italia e gli Stati Uniti non diversi dall'Alabama del 1965"

La provocazione del giornalista del Times. "La segregazione non è mai finita"

Sono passati cinquant'anni esatti dal giorno in cui Martin Luther King guidò la marcia di Selma, recentemente raccontata da un film al cinema. Molta acqua è passata sotto i ponti. Eppure, dice alla Stampa Gay Talese, giornalista del New York Times che quel giorno era in Alabama, le cose sono cambiate forse meno di quanto pensiamo.

Certo, gli Stati Uniti hanno un presidente nero e il sindaco di New York, Bill De Blasio, ha sposato una donna di colore e ha un figlio dai tratti misti. "Sono eccezioni, però. La realtà quotidiana della gente normale non è questa. La nostra società è ancora segregata, e lo è anche la vostra".

Sono parole forti e che possono sembrare persino esagerate, che Talese spiega così: "Mio padre era emigrato dalla Calabria. Dopo il Risorgimento e l'unificazione guidata da Garibaldi, la Calabria, la Sicilia, il sud in generale, erano l'Alabama dell'Italia". Da allora di tempo ne è passato, viene da obiettare. Ma il giornalista continua: "Quando ci integrammo cosa facemmo? Cominciammo a riservare lo stesso trattamento alle altre minoranza, maltrattando i neri".

Il discorso che fa Talese non vale soltanto per gli Stati Uniti. "Una volta venni a Roma - ricorda - e l'autista che ci portava si lamentava: 'Questa città si sta riempiendo di meridionali. Con tutti questi calabresi, sembra di stare in Africa'". E a lui, che origini calabresi le aveva, venne da chiedersi: "Sono venuto fino a qui per farmi insultare da questo ignorante?".

Per quanto possa sembrare tranchant, il giudizio del giornalista del Times è assolutamente chiaro. "Ora che siete ricchi, e gli immigrati vengono da voi, non volete i neri. Ma anche l'America è razzista come l'Alabama del '65, tutti lo siamo".

Commenti

buri

Dom, 08/03/2015 - 11:25

Perché quel tizio non si fa i fatti suoi? secondo lui dovremmo spalancare le porti a rurri i bravi musulmani che vengono qui a spacciare, rapinare e che intendono ridurci in schiavitù imponendoci la loro sharia! perché non pensa i disastri causati dai banchieri americani? oppure au grandi successi della politica estera di Obama, dalla Libia, che è riuscito a destabilizzare? al medio oriente, dove ha armato i ribelli anti Assad, arni finite nelle mani dell'Isis?

Ritratto di blackeagle

blackeagle

Lun, 09/03/2015 - 11:39

Dovrebbe studiare un po di storia reale e non quella farsa delle camicie rosse! Il Sud è diventato come l'alabama dopo l'invasione degli accattoni tosco-piemontesi!

Ritratto di komkill

komkill

Sab, 18/04/2015 - 17:16

Tante idee, poca concretezza. Valletta ha sfigurato torino stracaricandola di immigrati dal sud ma non per il bene dei meridionali stessi ma per far soldi con gli agnelli. Adesso sono altri a fare soldi. Tutti quelli che pilotano grandi masse di persone lo fanno per il loro tornaconto, non contino balle a cui nessuno crede!