"A giugno il referendum sul Brexit"

Secondo indiscrezioni Cameron vorrebbe un voto già all'inizio dell'estate, ma mette come condizione l'ok al piano di riforme

Se tutto va come David Cameron ha in mente, il referendum per decidere del futuro - europeo o meno - della Gran Bretagna potrebbe tenersi già a giugno. Ad annunciarlo è il Times di Londra, secondo cui l'ipotesi del primo ministro è quella di chiamare i cittadini alle urne già all'inizio dell'estate, a patto che arriva prima un sostanziale ok da Bruxelles sulle riforme.

Il piano sarà presentato in sede comunitaria a dicembre e se in vista del voto a Downing Street, Cameron ha promesso di rinegoziare i legami con l'Ue, le indiscrezioni della stampa britannica indicherebbero che la potenziale data in cui porre il quesito ai cittadini arriverà molto presto, anche se ufficialmente nessuno dal governo si sbilancia.

Domani sarà pubblicata una missiva del premier britannico a Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo. Nella missiva ci saranno le richieste di riforma e un avvertimento: se non si troverà un accordo, l'ipotesi Brexit diventerà più probabile.

Commenti

Cheyenne

Lun, 09/11/2015 - 10:12

FORZA BRITANNICI SCAPPATE DA QUESTA IGNOBILE UE

linoalo1

Lun, 09/11/2015 - 11:29

Questo Referendum,se in Europa regnasse la Democrazia,dovrebbe essere obbligatorio per tutti gli Stati Menbri dell'E.U,!!!Perchè????Perché,quasi tutti,se non tutti,sono entrati in Europa senza il previo consenso dei propri Cittadini!!!!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 09/11/2015 - 14:50

Auspico che in Gran Bretagna prevalga la volonta paneuropea e Cameron si attivi, insieme a Berlus e Salvini, a martellare quella testa di kapò di Schulz. Auspico anche che la lingua inglese diventi l'idioma ufficiale d'Europa nettendo fine alla Babele di norme imbroglione come i diesel tedeschi. E che Iddio ci aiuti.