Grecia, vittime trovate abbracciate sulla spiaggia

Alcune vittime degli incendi che devastano la Grecia sono state trovate abbracciate l’una all’altra sulla spiaggia di Argyri a Mati

Il luogo dove sono stati trovati i corpi (dal sito greekreporter.com)

Hanno sentito la morte arrivare e, non sapendo più cosa fare, si sono abbracciati. Un gesto estremo, molto umano, per darsi forza, prima di esalare l'ultimo respiro. Alcune vittime dei gravi incendi che devastano la Grecia sono stati trovati abbracciate, l’una all’altra, sulla spiaggia di Argyri a Mati, villaggio a meno di 40 km da Atene, dove si contano 24 dei 50 morti dei roghi. Lo ha raccontato il presidente della Croce Rossa greca, Nikos Economopoulos (case e auto carbonizzate - foto).

I corpi abbracciati, tra i quali quelli di alcuni bambini, giacevano a una trentina di metri dal mare, vicino a un ristorante molto frequentato della spiaggia di Argyri. Nello stesso punto sono state trovate decina di automobili carbonizzate. A migliaia, con i corpi neri dalla fuliggine, si sono riversati sulle spiagge o sono saliti su imbarcazioni per sfuggire alle fiamme.

La maggior parte delle vittime sono state trovate intrappolate nelle case o nelle macchine, nel tentativo di fuggire, anche buttandosi in acqua. Non ce l'hanno fatta a mettersi in salvo. La loro vacanza si è trasformata in un inferno e loro sono morti così, abbracciati, alla ricerca di un ultimo briciolo di forza prima di chiudere per sempre gli occhi.

Commenti

aredo

Mar, 24/07/2018 - 10:22

Non ha alcun senso! Non hanno neanche fatto in tempo a fuggire in acqua per salvarsi? E che è stata un'arma militare ad incenerirli per non lasciargli il tempo di correre in acqua???

sparviero51

Mar, 24/07/2018 - 11:22

PIROMANI E PEDOFILI MERITANO LA STESSA FINE : PIETRA CON CORDA AL COLLO E GIÙ IN ACQUA !!!

Ritratto di Pajasu75

Pajasu75

Mar, 24/07/2018 - 11:32

@aredo. In una situazione di massimo pericolo il battito cardiaco aumenta a dismisura senza possibilità di controllo (tanti muoino di quello!), il calore riduce la capacità polmonare (vuoi correre ma non riesci), la vista trasforma il proprio campo (cosiddetta vista tunnel, meno particolari e consapevolezza di quanto ti circonda), la paura è un pessimo consigliere (corri verso l'acqua perchè tanto non brucia, e ti dimentichi di guardare il vento e muori per il fumo, mentre ti saresti salvato magari stando seduto su un fusto di kerosene a 15 mt dal fuoco, ma sottovento. Ti assicuro che purtroppo ha senso...

Ritratto di Muk

Muk

Mar, 24/07/2018 - 12:15

aredo, molto probabilmente si. Come in california un paio di anni or sono.

OttavioM.

Mar, 24/07/2018 - 13:53

Intanto l'inutilissima Europa, quella che ha affamato la Grecia e si preoccupa solo della lunghezza delle zucchine, dorme, mica coordina i soccorsi.