Guerra in Ucraina, gli Usa spostano le armi vicino al confine russo

Prosegue l’operazione "Atlantic Resolve" . Convogli Usa viaggiano verso il Baltico. Poroshenko, in visita in Australia, esulta per la tregua momentanea

Carri armati e veicoli blindati Usa in viaggio vicino al confine russo. Come riporta Russia Today, un treno merci, qualche giorno fa, trasportava l’arsenale a stelle e strisce attraverso il territorio lettone, “a meno di 300 km dal confine russo”. A confermare lo spostamento di forze, oltre una foto, le stesse autorità della Lettonia: “Il treno immortalato il 7 dicembre caricava i veicoli della prima divisione della cavalleria degli States”. Sulle rotaie – si legge ancora – tanta potenza di fuoco: “Almeno 38 veicoli e numerosi semirimorchi, tra cui otto veicoli da combattimento Bradley, nove M113 APCs (Armored Personnel Carriers), quattro petroliere, un autocarro HEMTTs (Heavy Expanded Mobility Tactical Camion), un veicolo multiuso da ricognizione (HMMWV), un mezzo di recupero (M88 Hercules Armory), due camion, alcuni veicoli con strumentazione tecnica e medica, almeno quattro container e un paio di vagoni di munizioni”.

La destinazione dei corazzati? Paesi del Baltico e Polonia, dove sono in programma esercitazioni militari statunitensi e dove tutto l’armamentario deve rimanere in via precauzionale innanzi alla “Risorgente Russia” di Vladimir Putin, che tanto fa paura alla Casa Bianca e agli stati dell’Est Europa alleati di Washington. Il tutto, infatti, rientra nei piani dell’operazione “Atlantic Resolve”, che va avanti mentre il presidente ucraino Petro Poroshenko – in visita ufficiale in Australia – esulta per il primo giorno di tregua del conflitto, dopo sette mese di guerriglia continua.

E sono tante le pressioni interne che arrivano a Barack Obama per armare Kiev, ma una tale eventualità avrebbe le sue dinamitarde conseguenze. E infatti, così fosse, “la Russia dovrebbe rispondere con misure adeguate” dice – secondo quanto riferisce sempre RT – Mikhail Yemelyanov, parlamentare russo appartenente al Fair Russia Party, che suggerisce anche di “dare al presidente (Putin, Nda) la possibilità di usare preventivamente la forza militare in territorio ucraino”. “Non dovremmo aspettare il momento in cui l'Ucraina sarà armata e quindi molto pericolosa” prosegue Yemelyanov, che prospetta un clima ancor più teso negli anni a venire: “L'Ucraina si trasformerà in un Paese povero e affamato con un governo antirusso che insegnerà alla sua popolazione a odiare la Russia. Saranno armati fino ai denti”.

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 13/12/2014 - 05:31

Criminali. E ancor più criminale questa servile Europa, ansiosa di diventare un cumulo di macerie per assecondare i deliri della decadenza superpotenza americo-sionista

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 13/12/2014 - 16:48

Come dicevo io

mila

Sab, 13/12/2014 - 19:44

Solito titolo del Giornale filorusso. In realta' sono i confini russi che negli ultimi giorni si sono avvicinati troppo alla NATO.

swiller

Sab, 13/12/2014 - 19:51

I criminali americani mostrano quello che realmente sono delinquenti e assasini vogliono comandare il mondo ma rimangono solo dei criminali.

mauriziosorrentino

Sab, 13/12/2014 - 22:27

Ecco chi aggredisce chi! Dopo la raccolta di neomembri NATO delle ex repubbliche sovietiche(cosa contraria agli accordi tra Reagan e Gorbaciov)si passa direttamente con la foglia di fico delle esercitazioni continue e delle triangolazioni commerciali ad armare un paese di 50 milioni di abitanti(tra poco morti di fame)ai quali viene inculcato ,da un monopolio informativo che in confronto quello nazista di Ghebbel impallidisce, che l'origine di tutti i mali loro sarebbe la Russia(niente di piu' falso!)da qui' a dichiarare la guerra una volta armati a puntino sara' un baleno! Bisogna fermare questa deriva suicida dell'Europa!

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 14/12/2014 - 13:21

Adesso tutti possono vedere chi è stato a sobillare l'Ucraina e chi crea pericoli di guerra per tutti: gli USA e i suoi complici NATO.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 14/12/2014 - 15:52

Vero mila, anche la florida anno 1963 si era avvicinata troppo a cuba

Ritratto di Otto-Volante

Otto-Volante

Lun, 15/12/2014 - 09:47

Ci risiamo... Ormai il "COPIA & INCOLLA" é diventato la regola! Ma NON un copia & incolla "normale" (cioé dal sito originario, dal quale arriva la notizia), MA BENSÍ DIRETTAMENTE DALLA BOCCA DI putler! La notizia era ORIGINARIAMENTE come video di un famoso Leaks, e ripresa subito dopo da una famosa agenzia di stampa... Ma questo non faceva abbastanza PROPAGANDA, per il neo sinistronzo giornale, allora perché non copiare pari pari quello che arriva dal pulpito di putler. Dopotutto, lo avevo giá notato la settimana scorsa: troppe coincidenze tra le notizie di RT, ed il giornale... Ora gettano la maschera, e direttamente copiano ed incollano. Ma cosa si credeva quel criminale di putler? Che potesse invadere un altro paese (quasi disarmato), e tutto finisse lí? Ora comincia il bello, e putler, INGRASSATO ED INVECCHIATO A DISMISURA, avrá caxxi amari a colazione, pranzo e cena! E gli ucraini si riprenderanno, cm per cm, ció che quel criminae gli ha tolto con la forza e l'inganno.